Rielezione Mattarella: l’abbraccio della sua Castellammare, i messaggi di augurio, il commento della politica [VIDEO]

Il Parlamento 'ha votato per un secondo mandato

Dopo la rielezione, avvenuta ieri sera, di Sergio Mattarella a Presidente della Repubblica fioccano anche nel Trapanese i messaggi di augurio e i commenti positivi da parte di esponenti del mondo politico-amministrativo ma non solo.

Tra i primi a congratularsi con il Capo dello Stato, Nicolò Rizzo, sindaco di Castellammare del Golfo, cittadina di origine della famiglia Mattarella. Nel Cimitero comunale riposano il padre Bernardo e il fratello Piersanti e anche la moglie Maria Luisa Chiazzese.
«Il simbolico abbraccio e l’augurio di buon lavoro dell’amministrazione comunale e di tutta Castellammare del Golfo – scrive il primo cittadino in una nota stampa – a Sergio Mattarella, rieletto Presidente della Repubblica. Sergio Mattarella, con equilibrio ed autorevolezza, si è mostrato determinato e rassicurante in un momento di grande difficoltà per l’Italia, garantendo la Costituzione e l’unità nazionale e adesso tornando a ricoprire il ruolo per la stabilità del Paese e grande rispetto per le Istituzioni».

«Uomo del dialogo, della costruzione e della cooperazione, esempio di rispetto dell’altro e grande signorilità politica, Sergio Mattarella è stato presente quando il Paese ha vissuto periodi storici di inimmaginabile difficoltà e smarrimento, con attenzione ai contenuti, senza clamori e con la sobrietà che lo caratterizza – prosegue Rizzo -indicando con decisione la direzione da intraprendere per ritrovare fiducia contando sulla sua presenza in un tempo così difficile. Al Presidente Sergio Mattarella rivolgiamo il nostro più sincero e sentito augurio per l’attività che svolgerà nei prossimi anni, come sempre con responsabilità e senso del dovere che lo caratterizzano».
L’augurio di buon lavoro al rieletto Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è arrivato anche da parte del presidente Mario Di Filippi a nome personale e di tutto il Consiglio comunale di Castellammare del Golfo.

GUARDA IL VIDEO con il discorso del Presidente Mattarella dopo la rielezione

 

Ieri sera il vescovo della Diocesi di Trapani ha inviato un telegramma a Mattarella: «Signor Presidente – scrive monsignor Pietro Maria Fragnelli – il fremito di gioia e soddisfazione che coinvolge tutto il Paese per il suo Sí all’incarico prestigioso a cui l’ha chiamata per la seconda volta il Parlamento italiano attraversa in modo unico la terra di Sicilia e specialmente Castellammare del Golfo e tutto il territorio trapanese, autentica porta d’ingresso del Sud verso l’Europa. Accolga i nostri auguri, accompagnati da grande stima e fiducia: i nostri giovani, in particolare, guardano al suo esempio con rinnovata speranza umana e cristiana».

«Da Trapani, estrema terra di Sicilia nel Mediterraneo e porta d’Europa italiana – ha commentato il sindaco Giacomo Tranchida – un sentito grazie ed insieme i rinnovati auguri al neo eletto Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La sua tensione etica e l’equilibrio politico che lo contraddistinguono insieme al suo straordinario impegno a servizio del Paese ed a garanzia della Costituzione, consentono all’Italia di affrontare il Mare aperto della ripresa post pandemica con un comandante di garanzia ed esperienza. Trapani ed i trapanesi ne sono orgogliosi. Buon lavoro Presidente Mattarella».

«Una classe dirigente seria – ha commentato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci – decide la riconferma del presidente della Repubblica già alla prima votazione e non alla ottava, quasi fosse un rimedio. Una pagina non bella della politica italiana. Soprattutto da chi nelle difficili giornate che hanno preceduto quella odierna ha saputo dire solo no, pensando di più ad evitare il voto anticipato che al bene comune. Dalla Sicilia buon lavoro al concittadino Sergio Mattarella, che ha rappresentato in questi anni tutti gli italiani e guardato alle Regioni con attenzione e sostegno».

«Sergio Mattarella é il miglior presidente possibile in un Paese che deve poter contare sulla stabilità e credibilità delle sue istituzioni. In un Parlamento senza maggioranze politiche – ha affermato Eleonora Lo Curto, capogruppo Udc all’Assemblea Regionale Siciliana – solo Mattarella ha saputo trovare la formula per far crescere la reputazione dell’Italia chiedendo a Mario Draghi di guidare un governo di responsabilità nazionale con forze politiche diverse e distanti. Sono contenta che il Capo dello Stato abbia accettato la rielezione. In sette anni ha saputo guidare la Repubblica con autorevolezza e grande dignità, conquistando gli italiani che ne hanno apprezzato lo stile. Un plauso va alle forze politiche che votando Sergio Mattarella si sono allineate a quello che era l’auspicio della stragrande maggioranza dei connazionali. Da siciliana sono orgogliosa che un uomo della mia terra guidi per la seconda volta l’Italia».

«Il bis del presidente Mattarella – ha dichiarato Nuccio Di Paola, capogruppo del Movimento 5 Stelle all’Ars – è una conferma di fiducia e gratitudine a un uomo di grande spessore e a un siciliano che oggi rende ancora più fieri tutti noi siciliani. Auguro al presidente della Repubblica, a nome mio e di tutti i deputati regionali M5S, altri anni di proficuo lavoro per la continua costruzione del bene comune, un valore di cui tutti abbiamo bisogno».

«Non possiamo che rinnovare i nostri sentimenti di gratitudine verso il Presidente Sergio Mattarella. La scelta di accettare un secondo mandato – ha scritto il sindaco di Marsala Massimo Grillo – è una scelta di generosità e responsabilità nei confronti del Paese e del popolo italiano. E oggi, più che mai, il nostro Paese ha bisogno di generosità. L’autorevolezza e il senso delle Istituzioni di questo grande Presidente della Repubblica sono stati e sono, in questo periodo pieno di incertezze e paure, la migliore garanzia per tutti noi. Grazie Signor Presidente e, ancora una volta, buon lavoro!».

«La politica di oggi, purtroppo – ha scritto ieri sera’sulla sua pagina Facebook il sindaco di Valderice Francesco Stabile – ci ha consegnato uno scenario poco edificante, anche nella ricerca e nell’individuazione del nuovo Presidente della Repubblica. I partiti, o meglio ciò che rimane di essi, non sono stati capaci di trovare una soluzione davanti a un Paese che soffre. Sono sicuro che il Presidente Sergio Mattarella, uomo – senza dubbio – di grande serietà e garbo, continuerà il suo lavoro così come ha dimostrato di saper fare, durante uno dei momenti più difficili e bui che l’Italia abbia mai vissuto. Grazie Presidente!».

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
A disposizione 1.377.800 euro per aumentare la dotazione idrica totale di 150 litri al secondo
Ancora grandi soddisfazioni per le atlete della Venus ASD allenate da Ida Bruno che grazie alle qualificazioni ottenute ai Campionati Regionali, hanno disputato nel weekend 31 maggio – 2 giugno la fase nazionale di Coppa Italia e il Campionato Italiano di serie B e C della FederTwirling a Montegrotto...
"Nel programma approvato a maggio abbiamo puntato sulla qualità degli eventi che si articolano da giugno a settembre"
"Il Comune di Trapani si faccia trovare pronto con un progetto unitario per accedere alle risorse della rigenerazione urbana"
L’evento sarà un'occasione significativa per esplorare approfonditamente gli aspetti naturalistici e culturali dei paesaggi delle due isole vulcaniche
La selezione, rispondendo in primis al principio di sostenibilità, ha elaborato un cartellone che prenderà il via a metà luglio e durerà tutta l’estate

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Nell'occasione si presenta il libro “Pietro il pescatore pastore” di don Fabio Pizzitola