Relitto romano di Marausa, Ciminnisi (M5S): “La Regione ci faccia conoscere il futuro della nave”

«Ha resistito quasi duemila anni nelle acque del mare di Marausa, la nave oneraria romana in questi giorni in fase di recupero, ma non ne conosciamo il destino nell’immediato futuro dei prossimi anni».

Un paradosso posto in evidenza dalla deputata trapanese Cristina Ciminnisi (M5S) che, in una interrogazione, chiede di conoscere il futuro del cosiddetto relitto Brascia (dal nome del sub che per primo lo individuò a pochi metri dalla costa di Marausa Lido).

«Ci sono voluti più di venti anni per indicare nel Baglio Anselmi di Marsala il luogo di musealizzazione della nave oneraria individuata nel mare di Marausa nel 1999, mentre parte di quel carico di anfore è al Museo Pepoli di Trapani. La comunità di Misiliscemi si chiede se per questo secondo relitto, di grande valenza storico archeologica, sia stata presa in considerazione l’ipotesi di una collocazione museale proprio a Marausa, favorendo così la valorizzazione storica e culturale dei luoghi dei ritrovamenti, anche in una prospettiva di sviluppo turistico».

«La Regione Siciliana – dice Ciminnisi – dovrebbe prendere in esame la collocazione della nave in spazi idonei a Marausa, tenendo anche in considerazione il fatto che la comunità misilese ha già dovuto rinunciare, nonostante le istanze dell’epoca, al relitto del 1999. Per quanto mi riguarda, ad esempio, ho immaginato la collocazione della nave nel complesso edilizio all’interno del “Parco del Baglio di Torre Marausa”».

Ciminnisi chiede di sapere, inoltre, se siano previste iniziative promozionali e mediatiche delle fasi di recupero e di studio archeologico in corso, anche attraverso collaborazioni con enti, università, associazioni culturali.

«Sappiamo del finanziamento di 500mila euro per il recupero del relitto Brascia, ma non abbiamo indicazioni su interventi successivi di primo trattamento conservativo, consolidamento e restauro definitivo. Non intravediamo una programmazione della Regione di concorsi, appalti, bandi internazionali, né quali risorse economiche e in che tempi si vorrà sostenere il progetto di restauro in vista della musealizzazione. Insomma non vorremmo impiegare altri venti anni per decidere dove collocare la nave romana e come farne leva di sviluppo culturale, sociale ed economico».

Venti anni di Arte a Trapani da Diart al San Rocco [AUDIO]

Don Liborio Palmeri questa sera ricorderà una storia tutta trapanese
Situati in contrada Cozzogrande, chiusi tempo fa per presenza di nitrati
Da 2 a 3 su Karlsruhe-Baden Baden, da 4 a 5 sul capoluogo piemontese
Le prime misure individuate dalla cabina di regia regionale
Le funzioni ad interim sono state assunte dal presidente Schifani nell'attesa di una nuova nomina
Iniziativa a cadenza mensile in cui gallerie d'Arte e artisti aprono le loro porte al pubblico per visite e acquisti
I cittadini ottengono uno sgravio di 100 euro annui utilizzando la compostiera gratuita

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
L’intervento di messa in sicurezza è stato finanziato dalla Regione con 40 mila euro
Vietata la vendita di cibo e bevande in forma ambulante in alcune vie del centro storico
In piazza Vittorio l'evento che promuove la cultura del rispetto dell’Ambiente attraverso il linguaggio della Musica
Dalla perizia commissionata ad un tecnico, ammontano ad oltre 20.000 euro
Si tratta di un seminario diviso in due parti e, per decisione del Direttivo Unipant, sarà offerto gratuitamente alla cittadinanza