Reingresso illegale nel territorio italiano, i Carabinieri arrestano 10 migranti

Erano sbarcati sull’isola di Pantelleria lo scorso 18 febbraio

Dieci migranti di nazionalità tunisina sono stati arrestati dai Carabinieri per il reato di reingresso illegale sul territorio nazionale.

Gli arrestati, tutti di sesso maschile e di età compresa tra i 20 e i 42 anni, senza fissa dimora e gravati da precedenti di polizia, erano sbarcati clandestinamente sull’isola di Pantelleria lo scorso 18 febbraio. All’esito delle procedure di identificazione, queste persone sono risultate essere già destinatarie di provvedimenti di espulsione e rimpatrio e, in un caso, di un decreto di esecuzione per la carcerazione, emessi dai vari Tribunali nazionali.

Per questi motivi, al termine delle formalità di rito, i dieci sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza delle Stazioni Carabinieri che hanno proceduto agli arresti, in attesa di giudizio. In sede di udienza, il giudice ha convalidato gli arresti e disposto la temporanea permanenza dei tunisini presso il centro per la quarantena di Valderice fino al termine del periodo previsto mentre il destinatario del decreto di carcerazione è stato condotto alla Casa Circondariale di Trapani.