Reddito di Cittadinanza in Sicilia: stop del beneficio scatena la preoccupazione

Migliaia di siciliani affrontano la fine del Reddito di Cittadinanza con preoccupazioni e incertezze sul futuro lavorativo, mentre le autorità regionali cercano soluzioni per l'occupazione

La Sicilia è attualmente alle prese con una situazione delicata riguardo al Reddito di Cittadinanza (RdC). Circa 26.000 siciliani hanno ricevuto un SMS da Roma annunciando la cessazione del RdC a partire da luglio, poiché sono teoricamente considerati occupabili e non rientrano nella categoria di beneficiari over 60, minori o disabili a carico. Questo significa che avranno diritto al sussidio solo per quattro mesi ancora, fino a quando sarà completamente sostituito dall’Assegno di Inclusione.

In risposta a questa notizia, un gruppo di “esodati” del RdC si è riunito con il dirigente regionale del Lavoro, Ettore Riccardo Foti, nella speranza di ottenere spiegazioni e soluzioni al problema. Tuttavia, il confronto non ha portato a risultati soddisfacenti, e i cittadini sono usciti dall’incontro arrabbiati e delusi. Hanno richiesto un altro incontro entro dieci giorni e minacciato di protestare se non riceveranno risposte adeguate.

Il dirigente regionale ha spiegato che la Regione sta facendo tutto il possibile per aiutare gli ex percettori del RdC a trovare lavoro attraverso i Centri per l’Impiego. Attualmente, su 25.912 siciliani che hanno ricevuto l’SMS di cessazione del beneficio, 13.522 sono stati già “schedati” e avviati verso programmi di riqualificazione lavorativa. Tuttavia, circa 12.390 persone, di cui 4.563 nel Palermitano, sono rimaste “non profilate” e in uno stato di incertezza.

La situazione ha creato una pressione significativa sugli uffici degli enti locali, con cittadini che cercano di ottenere spiegazioni e assistenza per continuare a ricevere il beneficio fino a Capodanno. La paura è che situazioni di tensione possano degenerare, come è accaduto in alcuni casi in altre parti d’Italia.

Oggi è iniziato il Supporto per la formazione e il lavoro (Sfl), la prima misura post-RdC, che prevede un sussidio mensile di 350 euro per gli ex percettori con l’obbligo di aderire a un Patto che coinvolge le Agenzie per il Lavoro, corsi di formazione e servizi di orientamento. Tuttavia, si pone ancora la domanda se questa misura sarà sufficiente in una regione come la Sicilia, con un alto tasso di disoccupazione e lacune nei percorsi di accompagnamento al lavoro.

Prosegue a Paceco la rassegna estiva “A Macaràro” [AUDIO]

Ne parliamo con Giovanna Scarcella, la curatrice dell'evento
Sul posto Forestale, Vigili del fuoco, elicotteri e Canadair
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano
Le rate per il pagamento della Tari passano da tre a cinque
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
Intervista a Paolo Salerno, l'organizzatore della rassegna che da 16 anni propone i gusti dal mondo
In via Emanuela Loi e al Museo intitolato a Paolo Borsellino

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Completato il revamping di due pozzi a Castelvetrano, in dirittura di arrivo quello dei pozzi di Trapani e Calatafimi
Possono partecipare alla selezione adulti tra i 18 e gli 80 anni di età e minori tra i 14 e i 17 anni di età
Una mostra mercato di prodotti tipici di enogastronomia, artigianato e commercio e tutto ciò che è di più rappresentativo per la Sicilia, e ogni sera è prevista musica
L'artista di Brolo ha incantato il pubblico con un mix di suoni, spaziando dal jazz al folk