venerdì, Marzo 1, 2024

Reddito di Cittadinanza in Sicilia: stop del beneficio scatena la preoccupazione

Migliaia di siciliani affrontano la fine del Reddito di Cittadinanza con preoccupazioni e incertezze sul futuro lavorativo, mentre le autorità regionali cercano soluzioni per l'occupazione

La Sicilia è attualmente alle prese con una situazione delicata riguardo al Reddito di Cittadinanza (RdC). Circa 26.000 siciliani hanno ricevuto un SMS da Roma annunciando la cessazione del RdC a partire da luglio, poiché sono teoricamente considerati occupabili e non rientrano nella categoria di beneficiari over 60, minori o disabili a carico. Questo significa che avranno diritto al sussidio solo per quattro mesi ancora, fino a quando sarà completamente sostituito dall’Assegno di Inclusione.

In risposta a questa notizia, un gruppo di “esodati” del RdC si è riunito con il dirigente regionale del Lavoro, Ettore Riccardo Foti, nella speranza di ottenere spiegazioni e soluzioni al problema. Tuttavia, il confronto non ha portato a risultati soddisfacenti, e i cittadini sono usciti dall’incontro arrabbiati e delusi. Hanno richiesto un altro incontro entro dieci giorni e minacciato di protestare se non riceveranno risposte adeguate.

Il dirigente regionale ha spiegato che la Regione sta facendo tutto il possibile per aiutare gli ex percettori del RdC a trovare lavoro attraverso i Centri per l’Impiego. Attualmente, su 25.912 siciliani che hanno ricevuto l’SMS di cessazione del beneficio, 13.522 sono stati già “schedati” e avviati verso programmi di riqualificazione lavorativa. Tuttavia, circa 12.390 persone, di cui 4.563 nel Palermitano, sono rimaste “non profilate” e in uno stato di incertezza.

La situazione ha creato una pressione significativa sugli uffici degli enti locali, con cittadini che cercano di ottenere spiegazioni e assistenza per continuare a ricevere il beneficio fino a Capodanno. La paura è che situazioni di tensione possano degenerare, come è accaduto in alcuni casi in altre parti d’Italia.

Oggi è iniziato il Supporto per la formazione e il lavoro (Sfl), la prima misura post-RdC, che prevede un sussidio mensile di 350 euro per gli ex percettori con l’obbligo di aderire a un Patto che coinvolge le Agenzie per il Lavoro, corsi di formazione e servizi di orientamento. Tuttavia, si pone ancora la domanda se questa misura sarà sufficiente in una regione come la Sicilia, con un alto tasso di disoccupazione e lacune nei percorsi di accompagnamento al lavoro.

Esultanza Trapani. Foto: Joe Pappalardo

Provinciale sotto i riflettori: in serale le partite di Imolese e Siracusa [AUDIO]

L'inizio delle due sfide è previsto per le 20:30, per il ritorno di Coppa Italia cambia anche la data
L'inizio delle due sfide è previsto per le 20:30, per il ritorno di Coppa Italia cambia anche la data
Diffusi i dati sul ritorno economico nel territorio generato dall'aeroporto
L'assessore Aricò: «Sostegno alle amministrazioni locali per crescita e sviluppo»
Nei prossimi giorni la decisione del gup del Tribunale di Trapani
Presenti anche gli sportivi del Trapanese destinatari delle benemerenze CONI consegnate lo scorso dicembre

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Coinvolte dodici persone che si occuperanno della cura del Verde a Favignana
"Impossibile garantire alla comunità una regolare distribuzione idrica con mezzi alternativi"
"Esperienza positiva, contento di avere avuto l'opportunità di rappresentare la mia gente" ha dichiarato l'ala granata
Il primo dirigente della Polizia di Stato ha all'attivo una lunga e articolata carriera