martedì, Gennaio 31, 2023

Radioterapia a Trapani: 14 anni di promesse e nessun risultato [AUDIO]

Pare che i fondi stanziati non siano più disponibili perché dirottati per l’emergenza pandemica. Ne parliamo con Mariza D'Anna

Con  la Giornalista scrittrice Mariza D’anna del Comitato Radioterapia a Trapani facciamo il punto sull’attuale situazione.
Sono trascorsi 14 anni da quando si è iniziato a parlare della costituzione di un Reparto di Radioterapia all’ospedale Sant’Antonio di Trapani e in 14 anni nulla è accaduto.
Per ascoltare schiaccia PLAY:

Il Comitato promotore per la Radioterapia a Trapani – che si è costituito nei mesi scorsi grazie ad un gruppo di tenniste amatoriali che organizza tornei per sensibilizzare la popolazione sull’argomento e che ha avuto già molte adesioni spontanee – denuncia con dati alla mano quanto poco (o niente) sia stato fatto per avviare l’importante servizio sanitario per la comunità.
Come è ben noto, l’ospedale provinciale Sant’Antonio Abate non ha un servizio di Radioterapia e i pazienti oncologici, in numero sempre crescente, sono costretti a recarsi in provincia o a Palermo sopportando infiniti disagi e costi economici non indifferenti.
Una vergogna sociale!

Il Comitato ha ripercorso le tappe di una vera e propria via crucis per porre all’attenzione della comunità e delle istituzioni preposte che cosa è accaduto (anzi, cosa non è accaduto) da quando, nel 2009, il Comune di Erice ha sottoscritto un protocollo d’intesa con il quale cedeva all’Azienda ospedaliera S. Antonio un lotto di 1.400 mq per la costituzione di un “Centro per la radioterapia e altre dotazioni tecnologiche, al fine di creare un Polo oncologico provinciale”.

Nel 2010 venne promossa da molti sindaci del comprensorio, presidenti dei consigli comunali e un gran numero di Associazioni una petizione popolare “per chiedere – nell’ambito del riordino della rete ospedaliera – una struttura ad hoc, anche in aggiunta a quella di Mazara del Vallo”. Vennero raccolte quasi 30.000 firme che vennero consegnate all’allora presidente della Regione, on. Raffaele Lombardo e in quell’occasione l’assessore regionale alla Sanità, Massimo Russo, si impegnò “a trovare entro sei mesi una soluzione finanziaria idonea”.

Due anni dopo (siamo nel 2012) il direttore generale dell’Asp approvò il progetto preliminare del nuovo edificio da realizzare “per avviare la procedura di variante allo strumento urbanistico per il cambio di destinazione d’uso dell’area da parcheggio a struttura sanitaria”.

Dal 2012 al 2016 servirono quattro anni per arrivare alla progettazione esecutiva dei lavori: costo dell’opera per una palazzina a quattro elevazioni con un Reparto di Radioterapia con sei posti letto 12.669.000 euro per l’edificio; 500.000 mila euro per il collegamento coperto con l’ospedale e 304.000 euro per il parcheggio esterno.

Si arriva al 2018, quando con decreto dell’assessore regionale alla Salute l’opera viene finanziata con 14 milioni di euro per l’ampliamento del Sant’Antonio e 3.400.000 euro per il Servizio di Radioterapia. Nell’occasione viene assicurato dall’Asp che “non vi sarà alcun allungamento dei tempi… il progetto esecutivo sta per essere aggiudicato”, almeno così viene dichiarato alla stampa.

Sono solo false promesse. Non accade nulla.

Nel 2017 viene aperto il reparto di Radioterapia all’ospedale Abele Ajello di Mazara in virtù di una convenzione triennale, ancora in corso, tra Asp di Trapani e Villa Santa Teresa di Bagheria (azienda confiscata alla mafia). E nel 2021 i numeri sono questi: 1.800 pazienti trattati nel primo triennio, 40% del comprensorio di Mazara, 22% del comprensorio di Trapani e il resto della provincia.

Le notizie ufficiali si fermano qui.

Ma pare – e oggi il Comitato chiede all’Asp e alla autorità preposte di sapere cosa sia accaduto – che i fondi stanziati non siano più disponibili perché dirottati per l’emergenza pandemica.

Il risultato disastroso è sotto gli occhi di tutti: dopo 14 (quattordici) anni il territorio non ha la Radioterapia. Un’indecenza “legalizzata” in dispregio al diritto alla salute del cittadino sancito e garantito dalla Costituzione.

Alla luce di tutto ciò, il Comitato si farà promotore di incontri pubblici con i vertici dell’Asp, con i politici del territorio e organizzerà manifestazioni di protesta per sensibilizzare e coinvolgere la popolazione e chiedere a gran voce risposte concrete, chiare e dovute sulla mancata attivazione del servizio di Radioterapia che deve essere realizzato senza più ritardi e senza inutili promesse

Trapani, stop ai “furbetti del suolo pubblico” [AUDIO]

Una task force formata da funzionari del Settore Suap e agenti della Polizia municipale sta effettuando sopralluoghi e già sono state elevate alcune sanzioni

Calcio, Trapani: riscattata l’opaca prestazione di domenica scorsa

Una vittoria importante per il morale della squadra e per la sicurezza nei suoi mezzi
Rigettato il ricorso di Domenico Venuti
L'attività si è resa necessaria per mettere in sicurezza un'anziana che viveva in condizioni precarie per la presenza di rifiuti e altri materiali accumulati nel tempo
Una task force formata da funzionari del Settore Suap e agenti della Polizia municipale sta effettuando sopralluoghi e già sono state elevate alcune sanzioni
"Sembra che non ci sia alcun sostituto rispetto al dipendente comunale che svolge il servizio di collegamento tra l'abitato del centro storico di Erice e le scuole materne, elementari e medie poste nel territorio comunale a valle"
Tra i denunciati dai Carabinieri della compagnia di Trapani, due giovani trovati alla guida in stato di alterazione per abuso di alcool e uso di stupefacenti

Sabato 3 e domenica 4 dicembre il Day Zero di Etna Comics 2023

Appuntamento al centro commerciale Porte di Catania dalle 10 alle 20

Bonus gas e luce 2023, cosa cambia

Con la legge di Bilancio 2023 arrivano novità anche sul bonus bollette per le spese di luce e di gas
"Ai nuovi assessori chiedo di stare più a contatto con il territorio e di lavorare a tempo pieno per la città"
La scuola è stata consegnata grazie a un accordo tra il LCC di Trapani e il Comune di Castelvetrano
"Partiamo da Castelvetrano, a pochi giorni dalla cattura del boss Matteo Messina Denaro - dice il presidente Cracolici - per ribadire la vicinanza delle Istituzioni e per comprendere cosa è possibile fare per sostenere il contrasto alla mafia"
Gli atti vandalici sono stati registrati dalle telecamere del sistema di videosorveglianza comunale
Dopo i lavori di restyling, il magnifico polmone verde di Valderice è stato restituito alla fruizione pubblica

Pollo all’arancia: la ricetta

Una nuova ricetta su Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Dottore, nuovo anno, nuovi propositi, ma perché procrastino?

Torna il blog Tienilo inMente del dottor Giuseppe Scuderi, psicologo clinico e digitale

Quei giorni in radio… [parte prima]

Negli anni Settanta e Ottanta la radio ha avuto un ruolo decisivo nella diffusione della musica e nell'intrattenimento

“Silenzio, esce la Corte”

La condanna definitiva: l’era di D’Alì è finita. Il silenzio di Trapani
La commissione esaminatrice ha riscontrato difformità rispetto a quanto richiesto per assegnare il servizio
Pallacanestro: i granata perdono 89-79 contro la corazzata guidata da Alex Finelli
Il vice sindaco Abbruscato: "Presentata relazione alla Procura"
A seguito di una ricognizione sulle dotazioni negli istituti scolastici è stato completato il parco attrezzature sportive con l’acquisto di tutto il materiale occorrente
Il sindaco Anastasi incontrerà oggi pomeriggio i titolari nelle loro rispettive attività, per ribadire la sua vicinanza e quella dell’intera comunità di Petrosino
Il giovane denunciato dai Carabinieri di Paceco era in possesso di un ciclomotore risultato rubato

Torna la musica dance nelle classifiche: il fenomeno Kungs

Un nuovo post su Freedom, il blog di DJ Vince

Breve guida al Green Pass sui luoghi di lavoro dopo la fine dello stato...

Termina lo stato di emergenza, quali cambiamenti sono previsti? Torna "Il lavoro, spiegato bene", il blog del consulente del lavoro ed euro-progettista Sergio Villabuona

Legge di Bilancio 2023, le principali novità in materia di energia

Con la Legge di Bilancio 2023 il governo prosegue il lavoro iniziato dal precedente esecutivo con i cosiddetti “decreti Aiuti”