Questa sera a Marsala Amanda Sandrelli e Rita Marcotulli in scena con “Un abito chiaro” [AUDIO]

Continua la VI Rassegna ‘a Scurata: testo di Massimo Salvianti, che ha curato anche la regia dello spettacolo prodotto per le celebrazioni del 40° anniversario della Strage di Ustica

“Le immagini degli effetti personali ripescati nel mar Tirreno, ci permettono di interrogarci sul senso delle cose materiali e di come questi frammenti facciano emergere sentimenti profondi, affetti e la voglia di combattere ancora, per conoscere chi ha armato la mano di chi ha fatto scempio di tante vite innocenti”. Scrive così l’autore e regista Massimo Salvianti per presentare la sua opera “Un abito chiaro”, che andrà in scena giovedì 17 agosto alle ore 19,30 nel teatro a mare “Pellegrino 1880”, nella antica Salina Genna. In scena due artiste di fama internazionale: l’attrice Amanda Sandrelli e la musicista Rita Marcotulli portano in scena “uno sfogo, un accavallarsi di pensieri, domande tante e risposte pochissime, in prosa e in musica, in immagini, in secondi sospesi, in battere e in levare”, spiega il regista.

Salvatore Sinatra, presidente del Movimento artistico culturale città di Marsala – M.A.C., ha illustrato la serata ai microfoni di Trapanisi.ti. Clicca play per ascoltare:

Si tratta del settimo evento della Rassegna “’a Scurata cunti e canti al calar del Sole” Memorial Enrico Russo, kermesse ideata e organizzata dal Movimento artistico culturale città di Marsala – M.A.C. nel teatro fatto di tufi e sale, in una vasca di salina, che si trova all’interno della riserva naturale dello Stagnone.

Lo spettacolo parte “dalle cose più piccole, più private, più banali-normali-comuni per dire di quest’incredibile tragedia senza farsi soffocare dalla commozione e dalla retorica e dal senso di inutilità, di sconfitta che dopo quarant’anni pesa su tutti noi, sulla nostra comunità di uomini e donne, di ragazze e ragazzi, di vite che misurano la propria precarietà sulla difficoltà, anzi sull’impossibilità di sapere, di districarsi in un ammasso contorto di misteri ed evidenze, di depistaggi e ovvietà. Pochissime risposte – aggiunge Salvianti –. Parole che si aggiungono a un libro che ha ormai troppe pagine e pesa come un macigno, che si interrogano proprio sulla loro scarsa utilità, ma che percorrono anche le strade virtuose che donne caparbie e uomini instancabili hanno tracciato per non perdere la speranza della giustizia e del diritto. Ustica, Portella della Ginestra, Strage della Stazione di Bologna sono solo alcuni esempi di stragi, della storia del nostro paese, in cui omissioni e depistaggi ci hanno vietato di avere tutte le risposte alle nostre domande. Domande che Amanda Sandrelli e Rita Marcotulli portano in scena con la consapevolezza che senza risposte saremo sempre incompleti, vulnerabili, esposti e incapaci di difenderci”. Per questo l’intento è quello di muovere, con il linguaggio dell’arte, la vis civica mossa dal bisogno di giustizia e verità.: “il confronto con i più giovani, con le ragazze, con i bambini, figlie e figli che domandano, anche loro e a cui va data almeno la certezza che non ci siamo arresi e che abbiamo bisogno della loro forza, della loro scapestratezza, del loro coraggio”.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
Imprese agricole e zootecniche potranno usufruire di deroghe in alcuni ambiti della Politica agricola comune
Sono i cinque indicati in sede di presentazione della candidatura e delle liste a sostegno di Quinci
Ottenuto il parere favorevole della Commissione Attività produttive dell'ARS
Uno strumento per avvicinare il pubblico, specie quello giovanile, alla conoscenza del Museo
Tre giorni all'insegna della cultura del mar, della musica e della gastronomia

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
La società del presidente Valerio Antonini completerà l'impianto per renderlo fruibile
A Trapani confermato il già commissario straordinario Ferdinando Croce