Protezione civile, conclusa a Poggioreale la “Prima Esercitazione Regionale Coordinamento Magna-VIS Sicilia”

Presenti organizzazioni di volontariato di tutta la Sicilia per un totale di circa 250 persone

Il collegamento in videoconferenza con il Dirigente Generale del Dipartimento regionale di Protezione civile della Sicilia, Salvo Cocina, conclude oggi la tre giorni di addestramento denominata “Prima Esercitazione Regionale Coordinamento Magna-VIS Sicilia svoltasi a Poggioreale.

L’attività ha ottenuto il patrocinio della Protezione civile siciliana e ha impegnato, da venerdì scorso, organizzazioni di volontariato provenienti da tutta l’Isola, per un totale di circa 250 operatori, giunti a Poggioreale vecchia con mezzi e attrezzature, oltre alle unità cinofile.

Il campo con le classiche tende ministeriali blu è stato, invece, allestito nell’”area di ammassamento” appena fuori dal centro abitato. Le attività hanno preso il via nel “campo macerie” – tra i ruderi del vecchio paese distrutto dal terremoto del 1968 – appositamente realizzato per l’addestramento delle unità cinofile dei Vigili del Fuoco che, in questa occasione, hanno simulato la ricerca di un disperso con binomi cane-conduttore e figuranti del volontariato di Protezione civile.

Presenti il dirigente territoriale di Trapani del DRPC Sicilia, Antonino Parrinello, e alcuni funzionari dipartimentali in veste di osservatori. Le attività si sono protratte fino a tarda sera sotto la luce delle lampade di una torre faro.

La tre giorni di addestramento ha proposto da interventi esterni, come appunto, le prove di ricerca dispersi che sono state ripetute all’alba della giornata di sabato, ad azioni di recupero di opere d’arte in una chiesa o di evacuazione di un ferito “in corda” da una palazzina popolare.

Ma è il campo base, il cuore della logistica che deve funzionare alla perfezione in presenza di tante persone giunte in quel luogo con obiettivi impegnativi e stressanti. Un campo base organizzato con tutti i servizi interni attivati, compreso un centro radio capace di restare in contatto, senza avvalersi di reti informatiche e telefonia cellulare, anche con la sala operativa (Soris) di Palermo. Questo grazie ai radioamatori, volontari per eccellenza e impegnati in attività di protezione civile.

Tutti le attività sono state precedute da una formazione fatta dagli stessi volontari specialisti, tra cui un gruppo di psicologi dell’emergenza.

Il “Battesimo di Cristo” dal pennello di Edoardo La Francesca [AUDIO]

Il pittore trapanese ha dipinto la tela che adornerà la chiesa di San Giuseppe a Castellammare del Golfo
Schifani e Turano: «La Regione investe sui giovani, risorse triplicate»
Per il nuovo film di Margherita Spampinato dal titolo "Gela"
Nel 2024 si stima che saranno raccolte 3.504 tonnellate di imballaggi in acciaio, un +40,7% rispetto al 2023
Il segretario provinciale del Partito Democratico critico sulla riforma voluta dal governo nazionale
Forgione: "La nostra priorità è mantenere le nostre isole pulite e accoglienti"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Disposta una seria di servizi straordinari delle Forze dell'ordine e altri Enti
I responsabili saranno denunciati all'Autorità giudiziaria
Sarà l'occasione per scoprire il paesaggio incontaminato, dove la natura ha ripreso il sopravvento, dopo il devastante incendio di un anno fa
Un'opportunità per affrontare i temi cruciali della tutela dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile