Progetto di UniPa contro la disinformazione. Incontro con gli studenti sui flussi migratori

Prosegue il ciclo di incontri on line promossi dall’Università di Palermo sul tema della disinformazione e dei rischi connessi alla divulgazione di notizie false. L’iniziativa nasce nell’ambito di Fake News, progetto finanziato dall’Unione Europea nell’ambito della Smart Specilisation Strategy e di cui UniPa è uno dei partner. L’obiettivo è sperimentare l’utilizzo di tecnologie Ict avanzate per cercare di arginare il fenomeno.

L’attività di algoritmi e motori di ricerca ha bisogno di essere affinata da dispositivi concettuali capaci di individuare in maniera sempre più accurata l’autenticità dei contenuti giornalistici. E’ in quest’ambito che trovano spazio gli Electronic Town Meeting (Etm), strumenti di partecipazione basati sul coinvolgimento diretto dei soggetti operanti, ai quali, tramite una piattaforma informatica dedicata, viene data la possibilità di confrontarsi su specifici temi sia con gli esperti, nel corso di un’assemblea generale, che all’interno di stanze virtuali dove discutere ed elaborare risposte da sottoporre alla deliberazione finale.

Il 13 maggio scorso si è svolto il quarto dei cinque Etm previsti dal progetto. Stavolta è toccato al tema Fake News e Migranti. A intervenire come relatori, portando la propria esperienza e confrontandosi con gli studenti, sono stati il sindaco di Lampedusa Totò Martello e Alessandra Sciurba, coordinatrice della Clinica Legale Migrazioni e Diritti dell’Università di Palermo.

Martello ha parlato delle difficoltà riscontrate negli anni per affermare la verità sugli accadimenti che hanno interessato l’isola di Lampedusa, una delle aree del nostro Paese più soggette agli sbarchi e, di conseguenza, nel mirino della disinformazione. <<Qualche anno fa fu fatta circolare la notizia secondo cui i tunisini mangiavano i cani. Era assolutamente falso, ma si diffuse venendo ripresa anche da testate nazionali>>, ha ricordato il sindaco. Sciurba ha parlato della propria esperienza sulle navi impegnate nei salvataggi in mare e degli interessi che ruotano attorno ai meccanismi che si mettono in moto nel divulgare una rappresentazione alterata dei fatti.
“Bisogna fare attenzione all’utilizzo che si fa delle parole, ai limiti che si scelgono per raccontare le notizie”, ha sottolineato.

In precedenza gli Etm hanno affrontato, tra le altre, il tema degli aspetti legali connessi al ricorso alle fake news e gli effetti delle bufale divulgate parlando di cambiamenti climatici.
Il ciclo di incontri si chiuderà venerdì prossimo con l’Etm dedicato a fake news e aspetti sanitari.

 

 

 

 

Il brindisi con gli Shark a Palazzo D'Alì 240611

Mentre Shark brinda l’assessore risponde alla Lega Nazionale Pallacanestro [VIDEO]

Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"
Per potenziare i percorsi di tutela dei migranti in condizioni di fragilità in arrivo e inseriti nel sistema di accoglienza
La mostra, articolata in due musei, il Cordici e il Wigner San Francesco, presenterà opere di Andy Warhol e Mario Schifano
Sindaci e Rete Territoriale per l'inclusione sociale hanno approvato le programmazioni delle quote assegnate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Iniziativa con gli studenti del “Professionale produzioni tessili e sartoriali” dell’Istituto “Calvino - Amico”
Sotto le mentite spoglie del geometra di Campobello di Mazara il capomafia di Castelvetrano si curava dal cancro
Stamattina hanno firmato il contratto alla presenza del commissario straordinario Croce
Biglietti a 10 euro acquistabili fino a sabato nei punti vendita cittadini del circuito GO2
Manifestazione con gli studenti al boschetto di via Salemi
Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"