Processo fiancheggiatori Matteo Messina Denaro, chiesti oltre 160 anni di carcere per 13 indagati

Richiesta avanzata dalla pm Francesca Dessì ai giudici del Tribunale di Marsala, al termine di una requisitoria durata oltre cinque ore

La Procura di Palermo ha chiesto la condanna per tredici presunti fiancheggiatori del boss mafioso latitante Matteo Messina Denaro, coinvolti nel blitz “Anno zero” dell’aprile 2018, eseguito da Carabinieri, Polizia e Dia.

La richiesta – come riporta un lancio Agi – è stata avanzata dalla pm Francesca Dessì, ai giudici del Tribunale di Marsala, al termine di una requisitoria durata oltre cinque ore, durante la quale ha ricostruito le accuse contestate agli imputati. Tra questi c’è Gaspare Como, cognato del ricercato di Castelvetrano, per il quale è stata chiesta la condanna a 25 anni di carcere, mentre per il suo presunto braccio destro, Vittorio Signorello, sono stati chiesti 23 anni di reclusione.

Richiesti 25 anni anche per Dario Messina, presunto capo del mandamento di Mazara del Vallo, finito nelle intercettazioni, rievocate durante la requisitoria. Il pm inoltre ha chiesto la condanna a 16 anni di carcere per Carlo Cattaneo, imprenditore delle scommesse online di Castelvetrano, unico imputato presente in aula, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa.

Nel corso del suo intervento, la sostituta procuratrice ha riproposto le “intercettazioni di una chiarezza lampante”, ha detto il pm Dessì, “su cui l’imputato non ha saputo dare alcuna spiegazione”, in riferimento ai suoi rapporti con Rosario Allegra, altro cognato del latitante, imputato nel medesimo processo e morto nel 2019. Tra gli imputati c’era anche il figlio, Gaspare Allegra, morto alcuni mesi fa in seguito ad un’incidente in montagna. Inoltre è stata chiesta la condanna a 20 anni di carcere per Bruno Giacalone di Mazara del Vallo, 18 anni per Vito Bono di Campobello di Mazara, 17 anni per Giovanni Mattarella di Mazara del Vallo, accusato di aver trasmesso gli ordini dal carcere del boss Vito Gondola (morto nel 2017).

La pm ha chiesto anche la condanna ad 8 anni di carcere (più 8 mila euro di multa) per l’ex consigliere comunale di Castelvetrano Calogero Giambalvo, detto Lillo, accusato di tentata estorsione. Infine sono stati chiesti 7 anni per Giuseppe Accardo e 4 anni di carcere per Giovanni Tommaso Crispino, Maria Letiza Asaro e Nicola Scaminaci. La magistrata ha chiesto anche la confisca di tutti i beni sequestrati: imprese, conti corrente, armi e munizioni. Richieste condivise anche dai legali delle parti civili Sicindustria, Associazione ‘La verità vive’, centro studi Pio La Torre, Associazione ‘Codici’, comuni di Castelvetrano e Mazara del Vallo, e l’ex consigliere comunale di Castelvetrano, Pasquale Calamia, vittima di intimidazioni. Altri arrestati nello stesso blitz sono stati processati e condannati con il rito abbreviato dal gup di Palermo, per cui recentemente è stata richiesta la conferma anche in Appello.

Le borse di studio al Polo Universitario di Trapani, i dettagli [AUDIO]

Ne parliamo con la professoressa Giovanna Parisi, coordinatrice del corso di laurea in Biodiversità e Innovazione Tecnologica
Ne parliamo con la professoressa Giovanna Parisi, coordinatrice del corso di laurea in Biodiversità e Innovazione Tecnologica
Schifani: «Ordinanza per tutelare la salute degli addetti più a rischio»
La vicenda riguardava la gestione del depuratore
Si prosegue, fino al 20 luglio, con un ricco programma di proiezioni a cielo aperto, incontri e dibattiti, degustazioni e spettacoli
Due mesi di concerti, spettacoli e performance che abbracciano sette secoli di storia musicale, dal Medioevo al Barocco
L'inizio della sua collaborazione con la squadra di calcio cittadina risale al 1975

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
L'organismo ha lo scopo di effettuare un monitoraggio congiunto e una valutazione complessiva degli interventi
Il sindaco Forgione: "Bloccate risorse per importanti opere"
Un'altra divertente intervista al talentuoso "trumpet player" trapanese, che ha fatto breccia anche nel mondo dei Griffin
Si spazierà tra proposte differenti che vadano incontro a pubblici diversi, tra teatro, musica e danza
Fondato nel 1991, per iniziativa di Antonio Sottile, ha preso parte a centinaia di concerti e manifestazioni artistiche in Italia e in Europa
Il teatro si colorerà di un immersivo fuoco "buono" che assale le colonne, si inerpica e tinge il tempio di rosso. Le repliche si terranno il 16, 17 e 18 luglio
Inaugurazione il 21 luglio, alle ore 19:00, con il concerto "Capo Verde in Musica Jerusa Barros 4th” presso il teatro a mare “Pellegrino 1880”
Dal 17 al 19 luglio in corrispondenza di un passaggio a livello