sabato, Marzo 2, 2024

Petrosino: ripartono le attività del Biodistretto Terre degli Elimi

L’obiettivo è di rimettere in moto una rete di territori che mirano a portare avanti un’agricoltura sostenibile, ecocompatibile e integrata

Ripartono, con un incontro che si è svolto questa mattina nell’aula “Vito Marino”, le attività del Biodistretto Terre degli Elimi.

Presenti il sindaco Giacomo Anastasi, insieme all’assessora Caterina Marino e ad alcuni consiglieri, in rappresentanza del Comune di Petrosino, ente capofila, il presidente del Consiglio Direttivo AIAB Sicilia Filippo Salerno, i sindaci dei comuni già aderenti e dei comuni che hanno manifestato interesse ad entrare a far parte del distretto, ma anche produttori agricoli, imprenditori, rappresentanti di associazioni.

L’obiettivo, come è emerso dal vivo confronto tra i partecipanti, è di rimettere in moto una rete di territori che mirano a portare avanti un’agricoltura sostenibile, ecocompatibile e integrata, rispettosa dell’ambiente e capace di migliorare la qualità della vita delle comunità locali.

“I biodistretti sono una grande opportunità di sviluppo economico, sociale e culturale, perché consentono di creare una governance territoriale in cui enti locali, associazioni e produttori possono interagire per una politica comune – dichiara il sindaco Giacomo Anastasi – Il coinvolgimento dei comuni, in particolare, è fondamentale, poiché garantisce un approccio allo sviluppo sostenibile e ad un’economia green che supera i confini della filiera fino a coinvolgere le comunità locali in azioni per il cambiamento. Il Biodistretto Terre degli Elimi è per la nostra provincia e non solo, un’importante occasione per valorizzare chi produce prodotti biologici, ma anche per sostenere una cultura agroalimentare più sensibile alla tutela dell’ambiente e, nello stesso tempo, per potenziare le performance economiche del settore. In un momento storico di profonda crisi dell’agricoltura, che necessita di essere più dinamica e sostenibile, abbiamo bisogno di favorire processi di innovazione e soprattutto di costruire alleanze per fare sistema: e il distretto rappresenta una concreta risposta a questa esigenza. C’è tanto lavoro da fare per far sì che il Biodistretto non sia un altro guscio vuoto, buono forse per la propaganda, ma inutile per chi quotidianamente e tra mille difficoltà, si impegna per portare le sue eccellenze sulle nostre tavole”.

“Un incontro partecipato e un vivo dibattito quello nato oggi alla prima assemblea informativa del Biodistretto dopo l’interruzione dei lavori del 2019 – queste le parole del sindaco Giacomo Anastasi -. Riprendere in mano il Biodistretto Terre degli Elimi rientra perfettamente nell’ottica di progetto politico che mira a promuovere lo sviluppo sostenibile, la produzione alimentare di qualità e la tutela dell’ambiente. Ripartiamo dal lavoro avviato negli anni precedenti, ma dobbiamo riconoscere di avere una rete da costruire, insieme a tutti i portatori di interesse coinvolti, perché il Biodistretto si pone come nuova forma di governance territoriale, che parte dal basso e che rappresenta un patto tra cittadini, istituzioni, agricoltori e altri attori della filiera agricola per la gestione sostenibile del territorio, secondo i principi dell’agricoltura biologica”.

L’amatoriale che riempie i teatri, Ariston sold-out a Trapani con 50&più [AUDIO]

"Ignazio e Franca Florio, storia di una illusione", ne abbiamo parlato con Cinzia Saura
Il 3 marzo alle ore 10.30 i volontari si ritroveranno in piazzale stenditoio, alla Cala Marina
Petrusa ricopre anche il ruolo di segretario della Filctem Cgil di Trapani
Appuntamento sabato 2 marzo alle ore 18 si terrà una nuova presentazione del libro presso i locali del tempio valdese in via Orlandini 38 di Trapani

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Aziende locali faranno conoscere i loro prodotti: vino, carne, miele, formaggi, pasta, frutta e verdura
Per pianificare e coordinare le operazioni di disinnesco e brillamento. L'area di contrada Rampinzer, dal momento del rinvenimento dell'ordigno da parte di operai che stavano lavorando per installare un campo fotovoltaico, è costantemente vigilata
Un'occasione per riscoprire il valore della cura delle persone, degli altri e del nostro pianeta
Si tratta di "Villa Favorita" a Marsala e "La Clessidra" a Salemi