PEDALO… ERGO SUM!

Hai voluto la bicicletta?… e mò pedala! Sì, ma dove? Sì ma come?… dalle nostre parti rispondere è molto difficile. Forse l’unica risposta certa un trapanese potrebbe darsela alla domanda: “perché?”. “Perché al giorno d’oggi in una società civile, per spostarsi in città si dovrebbe usare quasi esclusivamente la bicicletta?”. Questa è una domanda che a me sembra troppo ovvia per approfondirne le risposte. Ci si guadagna in salute, non si inquina, e poi in questo periodo di crisi, si risparmia in carburante, contravvenzioni, parcheggi e, anche se a molti può sembrare paradossale, si hanno enormi vantaggi e benefici pure nell’utilizzo sensato e cosciente del proprio tempo. Non voglio parlarvi di traffico, o di viabilità, o della prepotenza stupida di chi si sente padrone della strada, non voglio parlarvi neanche di educazione o di inciviltà diffusa, ma voglio soltanto proporre a tutti voi un punto di vista alternativo: quello del ciclista “ostinato” quale io sono! Adesso finalmente posso farlo con una convinzione in più, quella che in questa città, unica al mondo per la forma del suo territorio, per il suo clima, bellezza, storia e cultura, la figura del CICLISTA è stata finalmente riconosciuta dalle pubbliche amministrazioni. Ora, finalmente esiste una “PISTA CICLABILE”, ora finalmente i ciclisti non sono più abusivi utenti delle strade cittadine, non sono più invasori prepotenti ed incoscienti di zone pedonali e marciapiedi, non sono più conquistatori di pali e ringhiere dove attaccare le loro biciclette. Ora finalmente, i ciclisti possono dire: “Pedalo… ergo sum!” lasciando il “cogito” a tutti coloro che li hanno sempre ignorati o che addirittura continuano ad odiarli ritenendoli una costante minaccia per l’incolumità…della carrozzeria delle loro autovetture! Certamente costoro saranno i primi a considerare la pista ciclabile come una sorta di “riserva indiana”: “Lì devono stare e guai se mettono ruota fuori dalla loro corsia!”, così come sono stati i primi a criticare la scelta di aver dovuto sacrificare alla ciclistica causa qualche decina di posti macchina “extra lusso vista mare”. Tempo al tempo, prima o poi si ricrederanno, almeno spero! Nel frattempo io continuerò ad andare in bicicletta ed a raccontare a chiunque la mia autentica emancipazione sociale che, pedalata dopo pedalata, ha rivoluzionato la mia vita. Ho iniziato a prendere coscienza che le “due ruote” sono sinonimo di libertà assoluta, dopo aver girato mezza Europa in motocicletta. Durante il mio epico viaggio del 2009 da Capo Passero a Capo Nord, visitando le metropoli nordeuropee così come viaggiando lungo le statali tedesche, danesi, svedesi e norvegesi, ho visto città e strade a misura d’uomo.
E quell’UOMO non andava in SUV, e neanche in utilitaria o a cavallo, andava in bicicletta. Restare in sella ad una moto, imbottigliato nel traffico od anche fermo al semaforo e vedersi sorpassare dai ciclisti, a volte anziani con una mano sul manubrio e nell’altra un ombrello per ripararsi dalla pioggia, felici di pedalare sulle loro piste ciclabili, credetemi, qualche dubbio te lo fa nascere.
Poi torni a Trapani con nuove convinzioni nate da esperienze estere, e se da un lato ti senti orgoglioso che una città bella come la tua ancora non l’hai visitata, dall’altro ti senti avvilito dal fatto che tanta bellezza non te la puoi godere se non incorniciata dal parabrezza di una stupida autovettura. La mia ostinazione in ogni modo è stata più forte, da anni al mare io ed i miei cari, ci andiamo in bicicletta. Lo so, è pericoloso lo slalom tra vetture parcheggiate in doppia fila o che normalmente escono dalla “spina di pesce” ad “orecchio”, ovvero quando sentono il botto, si fermano! Ma fino ad oggi, fortunatamente e prudentemente, m’è andata bene. Ora che finalmente a delimitare uno dei più bei lungomare d’Europa c’è un marciapiede bonificato da pali e segnaletica stradale, ed a fianco una pista ciclabile che mi piace definire “monumentale” sia per la sua fattura quasi faraonica, sia per la simbologia che, in quanto prima ed unica, di fatto ha assunto in questo territorio, probabilmente siamo pronti al prossimo passo: quello di “aprire gli occhi” ed iniziare a porci qualche domanda. Perché in una città ad “imbuto” e così difficile da gestire in termini di viabilità pubblica poiché tutte le strade sono piene di macchine, gli unici che vanno in bicicletta sono i forestieri, a prescindere se siano turisti od immigrati? Sarà perché sono più intelligenti di noi? Sarà perché l’hanno capito prima di noi? Sarà perché vogliono godersela tutta questa bellezza, con l’aria di mare sulla faccia piuttosto che con l’aria condizionata “a palla” ed i finestrini chiusi?
O sarà perché, al contrario di molti trapanesi, questi forestieri hanno coraggiosamente fatto una scelta: tornare LIBERI!

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
Uno strumento per avvicinare il pubblico, specie quello giovanile, alla conoscenza del Museo
La società del presidente Valerio Antonini completerà l'impianto per renderlo fruibile
Tre giorni all'insegna della cultura del mar, della musica e della gastronomia
A Trapani confermato il già commissario straordinario Ferdinando Croce

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Il duo, formato da Michele Simonte e Pietro Rizzo vanta collaborazioni con Djs nazionali e internazionali, recentemente con gli italiani più conosciuti al mondo i Meduza
La sindaca Daniela Toscano ribatte alle affermazioni del consigliere comunale Vincenzo Maltese
Lo scopo della promozione è raccogliere nuovi sguardi e riflessioni sulla vasta gamma di identità differenti e di possibili modi in cui le persone possono legittimamente esprimere il proprio genere
Si tratta di un servizio organizzato dal comitato locale della Croce Rossa per le persone che vorranno assistere alla processione del 21 giugno in Piazza Castello