Parliamo un attimo di questi 600 euro per le partita IVA

AVVISO: il blog vuole cercare di raggiungere una platea di utenti che normalmente non mastica il diritto del lavoro, e pertanto è volutamente sintetico e cerca di usare una comunicazione semplice. Un occhio tecnico potrebbe trovare alcune imperfezioni, che sono però un costo necessario da sostenere per poter raggiungere una platea più ampia.


Una delle più discusse norme contenute nel decreto Cura Italia comincia a prendere forma: si tratta del bonus una tantum di 600 euro previsto nel decreto per i lavoratori autonomi e le partite iva. Il bonus riguarda il mese di marzo (dovrebbe essere riproposto in un apposito decreto per il mese di aprile) e punta a dare una integrazione del reddito per i mancati introiti causa COVID-19.

Tuttavia, come molto spesso accade in Italia, i media hanno fatto un po’ di confusione sull’argomento, nella fretta di dover dare la notizia a margine di questioni più importanti.

Per prima cosa bisogna chiarire che non tutti i lavoratori autonomi rientrano nella norma in questione. Gli iscritti alle cosiddette Casse di Previdenza Privata sono infatti esclusi: parliamo di una platea enorme di professionisti che vanno dagli avvocati ai periti agrari (elenco che potete vedere in foto) composta da circa 1,5/2 milioni di cittadini.

Un duro colpo da digerire in considerazione di due aspetti: il primo è la constatazione dell’insufficienza degli stanziamenti previsti nel Fondo di Ultima Istanza, inserito nel decreto per cercare di mettere una toppa al problema; il secondo è la previsione da parte del Governo di alcune attività svolte da questi professionisti fra quelle essenziali e che quindi non potranno chiudere; se da un lato infatti lo Stato deroga adempimenti vari ed indifferibili a questi professionisti, tra cui quelli giuridici, fiscali e contributivi, senza cui molte aziende e lavoratori dipendenti non riuscirebbe ad accedere alle tutele previste dal Decreto Cura, dall’altro non si prevede minimamente un aiuto per il mantenimento del reddito di quest’ultimi.

Ad ogni modo, al netto di interventi vari proposti dalle singole Casse, sembra che ci sia un’apertura da parte del Ministro Catalfo rispetto alle richieste degli Ordini professionali: consentire, cioè, alle Casse di provvedere ad erogare l’indennità, utilizzando parte dei rendimenti degli investimenti, in deroga ai limiti normativi e statutari vigenti, rispettando comunque il vincolo della riserva legale prevista per le pensioni.

Chi potrà quindi beneficare di questo aiuto?

La fetta più grande di aiuti andrà:

  • ai titolari di una partita IVA attiva al 23 Febbraio 2020 e ai titolari di un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa al 23 Febbraio 2020, che siano iscritti alla Gestione Separata INPS;
  • agli iscritti, al 23 febbraio 2020, all’Assicurazione Generale Obbligatoria, cioè gli iscritti alla gestione Artigiani, alla gestione Commercianti e alla gestione Coltivatori diretti, coloni e mezzadri;

In tutti questi casi non si deve essere titolari di un trattamento pensionistico diretto e non si devono avere altre forme di previdenza obbligatoria.

Sono poi previsti i lavoratori dipendenti stagionali dei settori del turismo e degli stabilimenti termali che abbiano cessato il rapporto di lavoro nell’arco temporale che va dal 1° gennaio 2019 alla data del 17 marzo 2020. Per questa fascia di lavoratori, oltre alla non titolarità di pensione, è previsto anche il requisito di non titolarità di rapporti di lavoro al 17 marzo 2020.

Ulteriori lavoratori compresi negli aiuti sono i lavoratori agricoli e i lavoratori dello spettacolo: i primi devono avere effettuato almeno 50 giornate effettive di lavoro agricolo nel 2019; i secondi devono essere iscritti al Fondo pensioni ed avere almeno 30 contributi giornalieri versati. In entrambi i casi non devono essere titolari di pensione.

Alcune domande ricorrenti:

Come si richiede il bonus? Dal portale Inps nell’apposita sezione delle prestazioni a sostegno del reddito. Il consiglio pratico è quello di farsi un pin personale Inps in attesa che il sistema informatico venga adeguato per la presentazione delle richieste.

Sono iscritto alla Gestione Separata ma ho anche un rapporto di lavoro dipendente. Posso richiedere il bonus? No, perché sei iscritto a un’altra forma di previdenza obbligatoria.

Sono un agente di commercio. Posso richiedere il bonus? Gli agenti e rappresentati di commercio sono tenuti obbligatoriamente sia all’iscrizione all’Assicurazione Generale Obbligatoria sia all’Enasarco. Questo ha generato un dubbio interpretativo perché da un lato ci rientrerebbero e dall’altro no. In merito il sottosegretario al Ministero dell’Economia, Cecilia Guerra, ha dichiarato in una recente intervista che il bonus spetta. Tuttavia non trattandosi di niente di ufficiale, il consiglio è di seguire attentamente la vicenda, che è in rapida evoluzione.

SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI QUANDO USCIRA’ LA CIRCOLARE INPS

“Il lavoro, spiegato bene” è il blog di Sergio Villabuona, consulente del lavoro ed euro-progettista. È possibile interagire con lui attraverso la sua pagina Facebook.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
Iniziativa di McDonald’s con il Comune di Trapani, Gruppo Scout Trapani 1 e Accademia Trapani
SI è concluso l'apposito corso di formazione attivato dalla Protezione civile regionale con altri Enti
I granata potrebbero mettere a segno una storica tripletta
Riprese le proposte che il deputato regionale Safina aveva presentato all'Ars
Prevista l'organizzazione di incontri con cadenza periodica alla Torre di Ligny

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
La strada provinciale Valderice - Erice, parte del tracciato di gara, fino al bivio di Martogna, sarà chiusa al traffico dalle 7:30 alle 15:30
Gli eventi prenderanno il via il 10 luglio e si concluderanno il 28 agosto, tutti con inizio alle ore 21:30
Ventuno milioni per le famiglie siciliane per gli affitti del 2022
Intervento sostitutivo necessario e obbligatorio da parte della Regione
Letture ad alta voce e laboratori in biblioteca a partire dal 17 giugno