“Pall Mall” è il nuovo singolo della trapanese Moska Drunkard

Un’artista giovane, profonda e fragile, una fragilità che Moska porta nei suoi testi riuscendo ad accarezzarti con le parole, e al contempo “spezzarti” per il significato che esse celano

“Se mi guardi sai capisco se mi menti, innamorati di me e dei miei difetti”. Canta così Cristina Rizzo, in arte Moska Drunkard nel suo nuovo pezzo “Pall Mall”, disponibile nelle maggiori piattaforme digitali.

Giovane 22enne di Valderice, l’artista approccia per la prima volta volta alla musica intorno al 2007, iniziando a suonare la chitarra. Già a 12 anni ascolta rap e rock, cominciando a scrivere i suoi versi tre anni dopo. Ma la sua esperienza digitale inizia a 18 anni, quando carica i primi video su Youtube. La sua visione della musica cambia da quando si trasferisce in Toscana, e con essa anche il rapporto che Moska ha con la musica stessa, facendola diventare la sua passione principale.

Nel 2020 pubblica “Origami” e successivamente conosce Gigi Valerio, con il quale collabora per il singolo “Libertà” e in seguito per il suo primo album “Vulnerabile”, interamente prodotto dall’amico e artista Valerio. Ma sarà con “SC(USA)” singolo prodotto da Frank Falletta che Moska si fa conoscere e riconoscere. Un brano con un sound differente dai brani precedenti.

Il 10 febbraio l’artista si rimette in gioco, pubblicando il pezzo più intimo tra tutti quelli incisi. “Pall Mall” – prodotto da Marco Giordano mentre il video è stato realizzato da Leonardo Angeli – è un brano che Moska sente particolarmente, dal momento in cui ne compone la melodia e la chitarra nella base è interamente suonata da lei, cambiando così approccio nella produzione del brano, entrandoci dentro con musica e parole.

Un’artista giovane, profonda e fragile, una fragilità che Moska porta nei suoi testi riuscendo ad accarezzarti con le parole, e al contempo “spezzarti” per il significato che esse celano.

 

Il verde pubblico a Trapani non è coltura ma… Cultura [REPORTAGE]

Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
In via Emanuela Loi e al Museo intitolato a Paolo Borsellino
Completato il revamping di due pozzi a Castelvetrano, in dirittura di arrivo quello dei pozzi di Trapani e Calatafimi