Ospedale Sant’Antonio, lunghe file e attese al Pronto Soccorso

La consigliera e assessora comunale di Erice Carmela Daidone chiede rapida soluzione

File, code e non solo. Al Pronto Soccorso dell’ospedale Sant’Antonio Abate di Erice la fila di ambulanze è infinita. La situazione – in questo periodo – è decisamente frenetica.

Lo sottolinea anche Carmela Daidone, consigliera comunale (nonché designata assessora dell’Amministrazione di Daniela Toscano) che ha scritto all’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, al direttore sanitario Martorana e al commissario straordinario dell’Asp Zappalà.

“Da settimane, presso il Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero Sant’Antonio Abate di Trapani, si registrano lunghe file e attese con conseguenti ritardi per l’accesso dei pazienti nelle sale visita. Questa mattina [ndr. ieri per chi legge], a seguito dell’ennesima segnalazione, mi sono recata presso il già menzionato Pronto Soccorso e ho potuto constare personalmente la drammaticità della situazione. Arrivata sul posto ho notato la presenza di numerose ambulanze (ben sette) in attesa di lasciare i pazienti presso l’accesso alle sale sbarellamento”.

La situazione è molto complessa e gli stessi vertici dell’Asp hanno sottolineato le criticità attuali nei Pronto Soccorso del territorio provinciale durante la confenza stampa della scorsa settimana . Una problematica strettamente legata alla carenza di personale.

“Recatami presso la Direzione Sanitaria del Presidio per interloquire ed esporre la grave situazione – prosegue Daidone – mi è stato riferito che la direttrice Martorana non era presente, pertanto ho potuto esporre e discutere della situazione con responsabile medico del presidio e con il direttore dell’UOC MCAU i quali mi hanno riferito che la condizione si verifica ormai da tempo. Inoltre, mi è stato riferito dagli stessi che in servizio è presente un solo medico: pertanto, dovendosi lo stesso occupare in primis dei pazienti più urgenti, considerati i numerosi accessi, è inevitabile che i pazienti meno gravi attendano per accedere in sala visita”.

Infine, ci sono dei problemi strutturali. “La carenza di barelle compatibili con gli ingressi degli ascensori del nosocomio – aggiunge la consigliera comunale Daidone – rende difficoltose e lente le operazioni di sbarellamento dei pazienti. Ciò genera problemi e ritardi anche nella gestione del servizio di emergenza territoriale del 118. Una situazione gravissima che richiede una celere soluzione”.

Il brindisi con gli Shark a Palazzo D'Alì 240611

Mentre Shark brinda l’assessore risponde alla Lega Nazionale Pallacanestro [VIDEO]

Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"
È indiziato di appartenere a Cosa nostra e in affari anche con la famiglia mafiosa di Castelvetrano
Il martedì dalle 10 alle 12 e il giovedì dalle 15 alle 17
Sul posto Vigili del fuoco, Protezione civile comunale e Forestale
L'Assessorato dei Beni culturali della Regione Siciliana cofinanzia la produzione
"Decisioni su progetti di grande impatto ambientale devono essere prese con il coinvolgimento delle comunità locali"
Questa domenica va in scena la compagnia "Piccolo Teatro" di Alcamo con "Tintu... cu è ca ci ncagghia"
Grazie ai volontari, fino a settembre, dalle 18.30 alle 23.30
Incrementerà la portata d’acqua a disposizione della città di 15 litri al secondo
Le selezioni si svolgeranno martedì 18 giugno, dalle 15 alle 18.30

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Fu ucciso a Palermo in un agguato mafioso con il capitano D'Aleo e l’appuntato Bommarito
La storia del fisico italiano, inventore e padre delle comunicazioni, tra prosa teatrale, canti, musica e coreografie
Iniziativa di Renantis Sicilia in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria
Appello intervenga presso il governo nazionale e la cabina di regia del Ministero della Coesione