Ospedale di Salemi, Venuti: “Ancora gravi disagi per cittadini e personale”

"La provincia di Trapani non sia la cenerentola della sanità siciliana"

Nonostante le rassicurazioni fornite dall’Azienda sanitaria provinciale di Trapani nei mesi scorsi, per l’ospedale di Salemi “nulla è cambiato e continuano persistenti disservizi e insostenibili disagi per gli utenti e le loro famiglie”. Lo scrive il sindaco di Salemi, Domenico Venuti, in una lettera inviata al commissario straordinario dell’Asp, Paolo Zappalà. Nella missiva, inviata per conoscenza anche all’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, Venuti ricorda che nonostante i “precisi cronoprogrammi” forniti dall’Asp in merito alla ripresa della funzionalità dei servizi, resta “lo stato di grave disagio che attraversa l’intero comprensorio di riferimento dell’ospedale di Salemi”. Nella struttura, ad oltre tre mesi dalla fine dello stato di emergenza pandemica, “si registra la mancata riattivazione degli ambulatori e delle loro attività – rileva il sindaco di Salemi, che è anche segretario provinciale del Partito democratico -, con gravi ripercussioni sulla qualità dei servizi resi”.

Venuti, che due mesi fa aveva lanciato l’allarme sulla mancata riattivazione di diversi servizi all’ospedale di Salemi ricevendo rassicurazioni dall’Asp, poi aggiunge: “Non è stata reintegrata l’attrezzatura che nei mesi scorsi era stata spostata presso altri presidi”. Una situazione che ha privato “un intero comprensorio della possibilità di accedere a esami diagnostici e a prestazioni sanitarie spesso indispensabili”. Gli impegni e le rassicurazioni giunte dai vertici dell’Asp “vengono puntualmente smentiti – ancora la lettera – dalla realtà”.

“L’ospedale di Salemi rappresenta un punto di riferimento per una larga fetta di popolazione della provincia di Trapani – commenta Venuti – e non è pensabile che si possa continuare a fare a meno dei suoi servizi penalizzando i cittadini del comprensorio e le stesse professionalità della struttura. Analoghe difficoltà si registrano anche in altri ospedali della provincia di Trapani, che rischia di diventare la cenerentola della sanità siciliana. Diversi professionisti – continua Venuti – hanno infatti scelto il trasferimento in altre province e in alcuni casi non sono ancora stati sostituiti. Il governo regionale e i vertici dell’Asp diano una risposta seria e concreta alla crescente domanda di sanità nella nostra provincia – conclude il sindaco di Salemi – ripristinando gli standard ordinari di cura e assistenza ai cittadini”.

L’almanacco di oggi mercoledì 24 aprile 2024

In questa rubrica tutto quello che c'è da sapere sulla giornata di oggi
Siciliano, lascia la guida della Questura di Imperia
Il provvedimento riguarda la vendita di alcolici e la diffusione di musica
Residente a Santa Ninfa, si era ferito ieri ed è rimasto tutta la notte all'addiaccio
Si lavora per individuare e definire strategie di prevenzione e contrasto al fenomeno
L'indagine riguarda un intero nucleo familiare, radicato nel quartiere San Giuliano
L'appuntamento per la provincia di Trapani è previsto per il 19 maggio al Museo di Arte Contemporanea di Alcamo
Si tratta di circa tremila lavoratori potranno essere assunti da Enti locali, ASP e Aziende ospedaliere
L'Associazione Nazionale Partigiani Italiani ha espresso la propria indignazione

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
"Superare la precarietà nei contratti di lavoro e di rendere più sicuro il lavoro nel sistema degli appalti"
Il sindaco Forgione: "Dopo decenni di attesa ci avviamo alla conclusione dell'iter"
Il deputato regionale ribatte alle dichiarazioni del segretario provinciale e della presidente dell'Assemblea
Esprime delusione e scoramento per il clima politico nel massimo consesso cittadino