Ordine dei medici di Trapani: boom di iscritti

Il presidente Barraco: “Rimangono criticità che è necessario superare al più presto”

Sono 407 i nuovi medici iscritti, dal 2020 al 30 settembre di quest’anno, nell’Albo professionale dei Medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Trapani. 57 di questi sono iscritti nell’elenco degli Odontoiatri, gli altri 350 nell’elenco dei Medici Chirurghi.

“Sono numeri significativi – afferma il dottor Vito Barraco, presidente dell’OMCEO di Trapani – che dimostrano come tanti giovani abbiano voglia di intraprendere la professione di medico ancora oggi. Numeri che, grazie alla circolare emanata dal Ministero della Salute, potranno consentire alla sanità provinciale di rimpinguare quei posti vacanti specialmente nei presidi delle Guardie Mediche e Guardie Mediche Turistiche presenti nel territorio”.

La circolare a cui il presidente Barraco fa riferimento è quella che, inserita nel decreto legge n.18 del 17 marzo 2020, ha abolito l’esame di Stato per l’abilitazione alla professione medica. La norma prevede che i laureati in Medicina in possesso di giudizio di idoneità del tirocinio pratico valutativo sono da “ritenersi abilitati alla professione”.

“Questa norma è stata certamente un incentivo per tanti giovani laureati che vengono, di fatto, immessi al lavoro con tempi molto più rapidi rispetto al passato – spiega ancora il dottore Barraco -. La circolare ministeriale, tra l’altro, ha previsto in aggiunta che Il Presidente dell’Ordine dei Medici, di ogni singola realtà, faccia parte di diritto delle commissioni di laurea della facoltà di Medicina e Chirurgia, dando quindi maggiore peso all’Ordine nella valutazione dei lavori delle sessioni di laurea”.

I nuovi medici iscritti sono abilitati all’esercizio della professione e possono farlo soprattutto nelle Guardie mediche e Guardie turistiche, oltre che in altri servizi territoriali.

“Chiaramente sono medici che poi proveranno a fare il concorso per le scuole di specializzazione oppure il corso di Medico di medicina generale – precisa il dottor Vito Barraco -. Serve ad attutire l’emergenza medici? Assolutamente sì, dai dati che abbiamo va sottolineato che non tutti i posti di Guardia medica e Guardia medica turistica si riescono a coprire con i medici che abbiamo. Rimangono dei presidi scoperti perché non c’è un numero di medici che accetta l’incarico. E su questo aspetto – conclude il presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della provincia di Trapani – dobbiamo non solo interrogarci seriamente ma anche individuare le necessarie contromisure”.

Altro che sindaco o assessore, a Trapani decidono i topi [AUDIO]

Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Con Ornella Fulco parliamo del primo appuntamento della rassegna letteraria di questa sera, giovedì 18 luglio al Teatro comunale di Valderice
Nascondeva una pistola d avrebbe messo a disposizione del boss un garage trasformato in appartamentino
Si tratta del terzo spettacolo in cartellone e si terrà al Salotto Culturale Insonnia il 24 luglio
L'autrice firmerà il suo libro “Granita e baguette”, nuovo “capitolo” della saga delle Signore di Monte Pepe
Lo scrittore trapanese torna a trattare in chiave romanzata lo scottante tema della violenza sulle donne
Ne parliamo con la professoressa Giovanna Parisi, coordinatrice del corso di laurea in Biodiversità e Innovazione Tecnologica

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Si prosegue, fino al 20 luglio, con un ricco programma di proiezioni a cielo aperto, incontri e dibattiti, degustazioni e spettacoli
Due mesi di concerti, spettacoli e performance che abbracciano sette secoli di storia musicale, dal Medioevo al Barocco
Schifani: «Ordinanza per tutelare la salute degli addetti più a rischio»