Operazione “Under Boss”, arrestato dalla Polizia a Castellammare del Golfo uno dei condannati

La vicenda risale al 2015 e vide implicati esponenti del clan mafioso newyorkese dei Gambino

È stato catturato a Castellammare del Golfo dagli agenti della Squadra Mobile di Trapani e del locale Commissariato di P.S. uno dei soggetti coinvolti nell’operazione internazionale “Under Boss” ora finito in carcere su ordine della Procura Generale presso la Corte di Appello di Potenza.

L’attività d’indagine, svolta dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato e dalla Squadra Mobile di Matera, con la collaborazione dell’Interpol, aveva portato nel 2015 all’arresto per estorsione, aggravata dal metodo mafioso e dalla transnazionalità, di otto persone – cinque in Italia e tre negli Stati Uniti – legate al clan mafioso Gambino di New York. Oltre trenta tra poliziotti italiani e statunitensi, circondarono un intero isolato nel quartiere di Brooklyn a New York per condurre il raid.

Le indagini permisero di svelare tutta la vicenda: negli anni Ottanta un imprenditore di Matera ottenne un prestito di 300 milioni di lire dalla “famiglia” Gambino grazie all’intermediazione di un pregiudicato lucano che da giovane aveva fatto parte di quella organizzazione criminale. La somma restituita nel tempo fu molto maggiore del prestito iniziale perché gli furono applicati tassi usurari ma, evidentemente, questo non fu sufficiente per gli esponenti dell’organizzazione mafiosa italo- americana.

Così la “famiglia” si rifece viva inviando a Matera come emissario, l’italoamericano Francesco Palmieri che, nell’ambito dell’associazione, ricopriva il ruolo di vice capo (da cui la denominazione inglese “Underboss” dell’operazione). Nel 2014 l’uomo, accompagnato da altri due emissari mafiosi americani, si presentò dall’imprenditore per esigere una somma nel frattempo arrivata a un milione di euro ma non riuscì nell’intento grazie all’intervento della Polizia.

Nei giorni scorsi uno dei condannati, sessantaduenne, è stato rintracciato e catturato dai poliziotti della Questura di Trapani ed è finito in carcere.

Trapani, “tantu nenti e tantu assai” tra lirica di tradizione e cibo d’attrazione [EDITORIALE]

Mai accaduto prima, una fiera di piazza ed una "prima" a teatro potrebbero causare qualche inconveniente, soprattutto politico
Mai accaduto prima, una fiera di piazza ed una "prima" a teatro potrebbero causare qualche inconveniente, soprattutto politico
I rifiuti erano ammassati su una parte di un terreno in contrada Ciappola
Si tratta di una donna di origine venezuelana, rintracciata in un hotel a Mazara del Vallo
Ottenuto un finanziamento di 30.000 per attività di controllo e prevenzione durante la stagione estiva
Nelle ultime due stagioni agonistiche ha militato nel Modena in Serie B
Da lunedì 15 a sabato 20 luglio San Vito Lo Capo accoglierà registi, autori, attori, appassionati e anche turisti che per cinque giorni potranno godere di diverse proiezioni
Un'estate tra jazz, Tiromancino, presentazione di libri, spettacoli teatrali e cibo
Il 30enne attaccante senegalese arriva da svincolato.
In occasione dell'anniversario della strage di via D'Amelio
Arriva da svincolato e ha sottoscritto un contratto biennale

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Iniziativa per la valorizzazione delle chiese appartenenti al Fondo Edifici per il Culto
Dal 14 al 30 luglio si terranno 10 diversi concerti, tutti con inizio alle 21:30 e a ingresso gratuito
La società mette a disposizione diversi alloggi nelle mete più ambite d'Italia
Il festival letterario che promuove le produzioni editoriali è giunto alla sua quarta edizione
Mentre si lavora per risolvere i guasti, installati due generatori mobili
Il restauro realizzato grazie alle somme del Fondo per l’edilizia di culto del Ministero dell’Interno