Operazione “Aspide”, Anna Lisa Bianco rompe il silenzio

"Le mie dimissioni sarebbero una fuga immotivata, forse anche un’ammissione velata di colpevolezza"

La presidente del Consiglio Comunale di Trapani, Annalisa Bianco, rompe il silenzio e interviene con una nota sul suo coinvolgimento nell’inchiesta “Aspide” della Procura di Trapani che, lo scorso 11 dicembre, l’aveva portata agli arresti domiciliari, poi revocati dal Tribunale del Riesame.

“In queste lunghe e dolorose settimane per me e per chi mi sta accanto – scrive – ho scelto di rimanere in doloroso silenzio. Un silenzio che non è mai stato di vergogna o di paura ma un silenzio dettato dal rispetto: il rispetto della verità, della magistratura e degli elettori.
Le mie scelte presenti e future saranno sempre determinate da questo triplice rispetto.
Il rispetto della verità, quella verità che conosco nel foro interno, quello del mio cuore, per cui so di essere estranea ai fatti che mi vengono contestati. Il rispetto della magistratura giudicante e requirente alle quali mi affido con fiducia sapendo che siamo, ciascuno nel proprio ruolo, tutti impegnati nella ricerca della verità. E infine, ma non meno importante, il rispetto degli elettori. Elettori che certamente comprendono i miei sentimenti, elettori che mi hanno dato fiducia per svolgere un compito politico e amministrativo. Se oggi seggo in Consiglio Comunale e se sono arrivata a presiederlo è perché gli elettori hanno espresso la propria fiducia nella mia persona e nel progetto politico della lista Trapani Tua.

Le mie dimissioni dalla Presidenza del Consiglio Comunale o il mio addio al Civico Consesso, lo dico con estrema sincerità, non sarebbero una forma di rispetto. Sarebbero una fuga immotivata, forse anche un’ammissione velata di colpevolezza. Ricordo che la vicenda processuale che, mio malgrado, mi vede coinvolta, non ha alcuna attinenza con l’incarico istituzionale e politico che attualmente ricopro. A conferma di ciò è intervenuto il provvedimento prefettizio di reintegro nella funzione previsto dalla legislazione vigente. Dall’altra la sospensione cautelare dalle mie mansioni di dipendente dell’ASP di Trapani – prosegue Bianco – non mi preclude il diritto/dovere di adempiere al mandato ricevuto dagli elettori, che ritengo di dover portare a compimento proprio per rispetto della volontà degli elettori. Le dimissioni non sarebbero dunque rispettose della “mia” verità che spero divenga presto “nostra”. Non sarebbero rispettose della magistratura che indaga e della Legge che mi consente di rimanere in carica. I fatti dimostrano che non vi sono ragioni per stravolgere le scelte degli elettori e le determinazioni a suo tempo assunte dall’assemblea cittadina con la mia elezione a Presidente. Io non sono attaccata alla poltrona, sono profondamente attaccata al rispetto di me stessa, della verità e delle Istituzioni che intendo onorare con il mio lavoro fin quando ci saranno le condizioni e la fiducia degli elettori. Continuerò il mio impegno nella politica e nelle Istituzioni con la trasparenza e la determinazione di sempre, consapevole che un sistema democratico maturo e libero sia in grado di distinguere un’accusa da una condanna.”

Venti anni di Arte a Trapani da Diart al San Rocco [AUDIO]

Don Liborio Palmeri questa sera ricorderà una storia tutta trapanese
Situati in contrada Cozzogrande, chiusi tempo fa per presenza di nitrati
Da 2 a 3 su Karlsruhe-Baden Baden, da 4 a 5 sul capoluogo piemontese
Le prime misure individuate dalla cabina di regia regionale
Le funzioni ad interim sono state assunte dal presidente Schifani nell'attesa di una nuova nomina
Iniziativa a cadenza mensile in cui gallerie d'Arte e artisti aprono le loro porte al pubblico per visite e acquisti
I cittadini ottengono uno sgravio di 100 euro annui utilizzando la compostiera gratuita

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
L’intervento di messa in sicurezza è stato finanziato dalla Regione con 40 mila euro
Vietata la vendita di cibo e bevande in forma ambulante in alcune vie del centro storico
In piazza Vittorio l'evento che promuove la cultura del rispetto dell’Ambiente attraverso il linguaggio della Musica
Dalla perizia commissionata ad un tecnico, ammontano ad oltre 20.000 euro
Si tratta di un seminario diviso in due parti e, per decisione del Direttivo Unipant, sarà offerto gratuitamente alla cittadinanza