Operazione antidroga della Polizia a Erice, dieci arresti [VIDEO]

L'indagine riguarda un intero nucleo familiare, radicato nel quartiere San Giuliano

Nelle prime ore di questa mattina la Polizia di Stato, su delega della Direzione Distrettuale di Palermo, titolare delle indagini, ha dato esecuzione ad un provvedimento cautelare restrittivo nei confronti di dieci persone, tra cui quattro donne, gravemente indiziati, a vario titolo, di appartenere ad una associazione a delinquere dedita allo spaccio di stupefacenti, attiva nel popolare quartiere di San Giuliano, a Casa Santa-Erice.

Dei dieci arrestati, sette sono stati sottoposti alla custodia in carcere e tre agli arresti domiciliari. Altri due indagati, sono stati sottoposti, per gli stessi fatti, alla misura dell’obbligo di dimora.

Dall’attività d’indagine, avviata a settembre 2020 e condotta fino a dicembre 2022, sarebbe emerso il particolare attivismo criminale di un intero nucleo familiare, radicato nel quartiere e dedito allo spaccio al dettaglio di cocaina, crack e hashish.

Il capo famiglia, un trapanese di 40 anni con precedenti specifici, è ritenuto dagli investigatori il capo e promotore dell’organizzazione; l’uomo, insieme alla ex moglie, avrebbe adibito a luoghi di spaccio dapprima due abitazioni e un garage e, in seguito, un’intera piazza del quartiere San Giuliano.

Gli immobili, con porte e finestre blindate, protette da sbarre di ferro, sarebbero stati presidiati h 24 da una rete di pusher che, a turno, avrebbero ceduto lo stupefacente ai numerosi acquirenti, in qualsiasi ora del giorno e della notte; sui muri perimetrali degli immobili, il sodalizio aveva anche installato telecamere per controllare l’identità degli acquirenti che accedevano all’immobile.

Le indagini, condotte dagli investigatori della Squadra Mobile di Trapani, avrebbero accertato che la vendita degli stupefacenti avveniva attraverso le grate, che rimanevano sempre chiuse, verosimilmente per ostacolare eventuali, improvvise irruzioni delle Forze di polizia.

Dopo alcune perquisizioni effettuate dalla Polizia, il gruppo criminale, probabilmente per scongiurare il pericolo di nuovi sequestri e, dunque, nuove perdite di stupefacente e denaro, avrebbe affidato in custodia le scorte di droga a tre donne del quartiere, ritenute insospettabili, lasciando nei luoghi dello spaccio il solo quantitativo destinato alle vendite giornaliere.

Le tre donne, sottoposto agli arresti domiciliari, nel dicembre del 2020 erano state arrestate dalla Squadra Mobile di Trapani, nell’ambito dello stesso procedimento, perché trovate in possesso di 366 grammi di cocaina.

L’inchiesta ha, inoltre, permesso di individuare i fornitori dello stupefacente: si tratta di tre trapanesi, con precedenti specifici, due dei quali sottoposti alla custodia cautelare in carcere, il terzo all’obbligo di dimora. Per reperire lo stupefacente, i tre, in alcuni casi, si sarebbero recati nella vicina provincia di Palermo.

Nel corso delle indagini sono stati sequestrati circa 530 grammi di cocaina e crack e oltre 120 grammi di hashish; tuttavia, le investigazioni avrebbero permesso di documentare quasi duecento cessioni di stupefacente. Secondo una stima approssimativa, il volume di affari del sodalizio si aggirava intorno ai 2.000 euro giornalieri.

Dalle risultanze investigative, riportate nell’ordinanza del giudice per le indagini preliminari, sarebbe emerso che il capo famiglia, insieme all’ex moglie, si sarebbe servito per il confezionamento dello stupefacente e per le vendite, tra gli altri, anche di uno dei figli della coppia, all’epoca dei fatti minorenne. Nei confronti del ragazzo, il Tribunale per i minorenni ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere, eseguita stamane dai poliziotti con le altre misure restrittive. VIDEO

Custonaci, la Sicilia e i suoi borghi: sabato il convegno [AUDIO]

Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"
Colpita con calci e pugni, minacciata con un coltello e un fucile da sub
È di 5,5 miliardi la copertura finanziaria per 580 interventi e di 1,3 miliardi il cofinanziamento per il Ponte sullo Stretto di Messina
La manifestazione si conferma capace di esplorare i temi più caldi e attuali della cultura pop e dell'intrattenimento
Ieri il collegamento in diretta con Roma per la Giornata Mondiale dei Bambini

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
"Per i lavori di urbanizzazione e delle opere fognarie attese ormai da più di trent’anni”
All'interpello può partecipare solo il personale ispettivo assunto prima del 31 dicembre 2023
"Abbiamo scelto di parlare con il linguaggio della verità, senza mettere la polvere sotto il tappeto"
Anche quest’anno si è avuta un’importante partecipazione di pubblico
Ciminnisi: «Luogo simbolico delle nostre battaglie e punto di riferimento per i cittadini»