Nuovo ospedale di Alcamo, l’Asp assegna la progettazione dei lavori

L'attività progettuale è stata assegnata ad un Raggruppamento temporaneo di imprese, la cui capogruppo è ATIproject srl di Pisa

Procede l’iter per la realizzazione del nuovo ospedale di Alcamo. Ieri, nella sede dell’Asp di Trapani, si è svolto un incontro sullo stato d’avanzamento della procedura per la realizzazione del nuovo presidio sanitario polivalente che rientra nel el Piano poliennale di interventi di ristrutturazione e ammodernamento del patrimonio sanitario pubblico con un finanziamento previsto di 21 milioni di euro.

L’Asp di Trapani ha completato la procedura per l’aggiudicazione delle attività progettuali che sono state assegnate ad un Raggruppamento temporaneo di imprese, la cui capogruppo è la società ATIproject srl di Pisa, con un ribasso del 46,25 % rispetto all’importo a base d’asta di 1milione 740mila euro. La progettazione procederà in tre fasi fino ad arrivare, entro il 2022, a quella esecutiva che sarà sottoposta a validazione finale per poi passare all’appalto dei lavori.

Il nuovo ospedale si svilupperà su circa 12mila metri quadrati e fornirà prestazioni sanitarie di Chirurgia generale, Medicina generale, Ortopedia e Traumatologia, Cardiologia, Psichiatria, Urologia, Radiologia, Laboratorio di analisi, Pronto Soccorso, Lungodegenza, Farmacia ospedaliera. Il nosocomio sarà dotato di due sale operatorie e di una Residenza Sanitaria Assistenziale con 20 posti letto, in possesso dei requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi previsti dal Decreto Presidenziale 25/10/1999, e di approvazione di standard strutturali e funzionali delle RSA per soggetti anziani non autosufficienti e disabili.

All’incontro hanno partecipato il commissario straordinario dell’Asp di Trapani, Paolo Zappalà, il responsabile dell’Unità operativa complessa Gestione tecnica, Francesco Costa, il responsabile dell’Unità operativa semplice Internazionalizzazione e Ricerca sanitaria, Giuseppe Adragna, i sindaci di Alcamo, Domenico Surdi, di Calatafimi-Segesta, Francesco Groppuso, e il responsabile dell’ufficio di Gabinetto dell’Assessorato regionale alla Salute, Gaspare Noto.