Nasce la “Rete Territoriale per la Protezione e l’Inclusione Sociale”

Saranno creati dei Tavoli Tematici permanenti che consentiranno di dare una fotografia aggiornata dell’offerta esistente nel territorio distrettuale

Un nuovo strumento per i Comuni. Il Distretto Socio-Sanitario D50, composto dai Comuni di Trapani, Favignana, Paceco, Misiliscemi, Erice, Valderice, Buseto Palizzolo, Custonaci e San Vito Lo Capo, ha pubblicato un avviso per manifestare l’interesse per l’adesione alla “Rete Territoriale Per La Protezione e l’Inclusione Sociale” rivolto a Enti del Terzo Settore e associazioni di categoria, professionali e del mondo della cooperazione.

La Rete ha potere di coordinamento e di indirizzo in un sistema, in partenza, frammentato ed eterogeneo. È rispettosa delle competenze dei diversi livelli di Governo, è un forum di decisioni condivise e di programmazione partecipata e si confronta con le parti sociali e con gli organismi rappresentativi del terzo settore.

La Rete si articola in Tavoli di Concertazione/tavoli tematici permanenti riguardanti specifiche Aree di intervento, come per esempio di temi di Famiglia, Minori e Anziani, Non autosufficienza, Povertà, Immigrazione. I Tavoli Tematici permanenti consentono di dare una fotografia aggiornata dell’offerta esistente nel territorio distrettuale, di condividere l’analisi dei bisogni e di individuare progettualità integrate da sviluppare e rafforzare.

La Rete Territoriale è anche il luogo in cui promuovere l’integrazione delle politiche, costituendo spesso le politiche sociali la cerniera intorno a cui costruire interventi complessi che afferiscono anche alle politiche del lavoro, sanitarie, educative, abitative.

Attraverso questo strumento è possibile accedere ai finanziamenti che, per la prima volta, sono stati resi strutturali e devono essere usati per quello per cui sono nati. Cioè permette di definire i livelli essenziali delle prestazioni e quindi individuare diritti soggettivi.

Il Responsabile dell’Ufficio di Piano distrettuale convoca periodicamente i tavoli tematici per le attività assegnate alla Rete territoriale. I partecipanti ai tavoli sono individuati, ogni due anni, dall’Ufficio di Piano distrettuale avendo cura di evitare conflitti di interesse e ispirandosi a principi di partecipazione e condivisione delle scelte programmatiche e di indirizzo, nonché del monitoraggio territoriale in materia di politiche sociali.

Gli Enti del Terzo Settore, individuati secondo le modalità descritte dal bando che è scaricabile dal sito del Comune di Trapani, dovranno dimostrare di essersi adeguati alle disposizioni previste nel Codice del Terzo Settore e al Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (Runts), nel rispetto della tempistica prevista in sede nazionale e regionale. Fanno in ogni caso parte della Rete Territoriale i referenti del Forum del Terzo Settore, quale associazione di enti maggiormente rappresentativa sul territorio nazionale.
Nell’avviso, redatto dalla responsabile dell’ufficio del Distretto D50, Marilena Cricchio, è sottolineato come i soggetti interessati devono far pervenire apposita istanza entro il 25 maggio 2022.