Muciare di Bonagia, avviati i lavori di recupero

Dopo aver ricevuto il parere favorevole dalla Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali, sono stati avviati oggi i lavori di recupero e musealizzazione delle antiche muciare – le imbarcazioni usate per la tonnara – di Bonagia, nel territorio di Valderice.

“Un momento tanto atteso – commenta il sindaco Francesco Stabile – per il quale abbiamo lavorato senza sosta, con tenacia e costanza. Il progetto – spiega il sindaco – è finanziato con fondi Europei del PO FEAMP 2014/2020 per un importo di 100 mila euro grazie al Piano di attuazione del F.L.A.G Torri e Tonnare del Litorale Trapanese, non sottovalutando l’importante cofinanziamento da parte del Comune di Valderice di una somma pari a 25 mila euro”.

La ditta IKOS aggiudicataria dei lavori ha nominato come direttore tecnico di cantiere Matteo Maurizio Stabile, noto costruttore e designer di barche da diporto, fondatore del marchio STAMA.
Una storia tramandata da padre in figlio: il nonno Matteo ha contribuito alla costruzione di questi antichi vascelli della Tonnara di Bonagia, utilizzati per la pesca del tonno.

“Un uomo – sottolinea
Stabile – che ha un legame forte con l’identità culturale e storica di questo borgo marinaro, e che ha continuato il proprio lavoro fino alla costruzione delle moderne barche in acciaio per la Tonnara di Nino Castiglione”.

La fine dei lavori è prevista entro il prossimo mese di dicembre, le tre imbarcazioni saranno protette da una pergotenda dove, riportate in condizioni migliori di quelle attuali, potranno essere ammirate dai visitatori.

“Bonagia e la vita dei suoi abitanti è ancora fortemente legata alle attività del borgo marinaro – conclude Stabile – un luogo di cui occorre preservare la Specificità, la Storia e la Memoria, e di cui io non dimentico e non tralascio nulla”.