Mozia, via libera all’elettrodotto che la collegherà con la rete nazionale

Previsto un foro sotterraneo ad una profondità di almeno 5 metri dal fondo del mare per la posa del cavo di collegamento con Marsala

Sempre più vicino l’obiettivo della realizzazione dell’elettrodotto per la connessione delle utenze dell’isola di Mozia, nello Stagnone di Marsala, alla rete elettrica nazionale. Il progetto di costruzione del cavo sotterraneo, predisposto dal dipartimento Energia, non produce nessun impatto ambientale sull’habitat dello Stagnone secondo il decreto firmato dall’assessore regionale al Territorio e Ambiente, sulla base del parere favorevole rilasciato alla Commissione tecnico specialistica che ha effettuato la Valutazione di incidenza ambientale (VINCA).

Il decreto, a firma dell’assessora Elena Pagana aggiunge, dunque, un ulteriore tassello all’iter del progetto di connessione che sarà realizzato con la tecnologia di trivellazione orizzontale controllata. Previsto un foro sotterraneo ad una profondità di almeno 5 metri dal fondo del mare che costituirà la sede di posa del cavo di collegamento a 20 kV. I lavori si concluderanno entro l’estate 2024. L’opera è inserita nel “Programma Isole Minori della Regione Siciliana” che assegna al dipartimento regionale dell’Energia 15 milioni di euro complessivi.

«Quella dell’isola di Mozia è una pluriennale esigenza che da anni aspetta risposte concrete. Attraverso la costruzione dell’elettrodotto che collega l’isola alla terra ferma per il passaggio di energia elettrica – ha sottolineato il presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani – si metterebbe finalmente fine alla serie di limiti a cui l’isola viene sottoposta. Il governo regionale è impegnato ad accelerare l’iter per procedere con la posa del cavo e garantire una serie di benefici, a cominciare da una riduzione delle emissioni inquinanti prodotte dal gruppo elettrogeno, ma anche una maggiore fruibilità turistica e culturale dell’isola, che vuol dire più comfort per i visitatori del museo archeologico gestito dalla Fondazione Giuseppe Whitaker, ampliamento delle fasce orarie di fruizione e l’illuminazione dei percorsi esterni e delle aree di scavo».

Il progetto, finanziato con risorse della Regione, prevede la costruzione di due cabine prefabbricate, una a Marsala e l’altra a Mozia e di un cavidotto sotterraneo sotto lo Stagnone per interconnettere le utenze dell’isola alla rete di distribuzione elettrica nazionale.

L’almanacco di oggi mercoledì 24 aprile 2024

In questa rubrica tutto quello che c'è da sapere sulla giornata di oggi
L'indagine riguarda un intero nucleo familiare, radicato nel quartiere San Giuliano
Il provvedimento riguarda la vendita di alcolici e la diffusione di musica
Residente a Santa Ninfa, si era ferito ieri ed è rimasto tutta la notte all'addiaccio
Si lavora per individuare e definire strategie di prevenzione e contrasto al fenomeno
Dopo le Irregolarità rilevate da Polizia Municipale e NAS
L'appuntamento per la provincia di Trapani è previsto per il 19 maggio al Museo di Arte Contemporanea di Alcamo
Si tratta di circa tremila lavoratori potranno essere assunti da Enti locali, ASP e Aziende ospedaliere
L'Associazione Nazionale Partigiani Italiani ha espresso la propria indignazione

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
"Superare la precarietà nei contratti di lavoro e di rendere più sicuro il lavoro nel sistema degli appalti"
Il sindaco Forgione: "Dopo decenni di attesa ci avviamo alla conclusione dell'iter"
Il deputato regionale ribatte alle dichiarazioni del segretario provinciale e della presidente dell'Assemblea
Esprime delusione e scoramento per il clima politico nel massimo consesso cittadino