Morto Ignazio Sanges, fu sindaco di Erice e figura di spicco in Forza Italia

È scomparso a 78 anni dopo una lunga malattia

Ignazio Sanges, ex sindaco di Erice e figura di spicco di Forza Italia in provincia di Trapani, è scomparso a 78 anni dopo una lunga malattia. La sua ultima apparizione pubblica risale al 2017 quando sostenne i candidati a sindaco di Trapani ed Erice Antonio D’Alì e Luigi Nacci.

Prima di allora, Sanges si era allontanato dalla scena politica per otto anni, a causa della malattia e dopo la sconfitta elettorale del 2009 quando si era candidato a sindaco di Trapani.
Sanges è stato anche vicesindaco della città capoluogo prima di diventare sindaco di Erice nel 2004. Tra i suoi progetti irrealizzati, quello di creare una “Grande Città” unendo Trapani ed Erice sotto un’unica amministrazione.

Sanges fu tra i repubblicani passati a Forza Italia ed è stato un fedelissimo di Silvio Berlusconi e coordinatore provinciale di successo di Forza Italia. La sua morte ha suscitato il cordoglio di molti esponenti politici e istituzionali che ricordano il suo impegno e la sua passione per il territorio.
Fu presidente della Velo Trapani quando la squadra di basket femminile militava nel Campionato di A2, negli anni Ottanta.

In relazione alla sua scomparsa la società Riccardo Sanges & C. S.r.l. per mano degli amministratori Vito e Gaspare Pantalone, ha diffuso un messaggio.
“Molti lo ricorderanno come uomo politico ma noi che lo abbiamo conosciuto in ambito familiare e lavorativo e riteniamo sia giusto ricordare Ignazio Sanges come uomo ed Ignazio Sanges come imprenditore.
Ignazio va innanzitutto ricordato come una grande persona perbene, un vero galantuomo sempre sorridente e garbato con un carattere brillante, in grado di coinvolgere e trascinare tutti per il suo spirito d’iniziativa e la sua grande voglia di fare.
Ignazio Sanges come imprenditore è stato un vero punto di riferimento imprenditoriale per molti anni per tutto il territorio trapanese e siciliano e quindi, anche per queste ragioni, desideriamo ricordarlo per una serie di iniziative da lui intraprese e nella quali si è sempre distinto: è stato fondatore del Consorzio Fidi e del Consorzio Zona Franca di Produzione; è stato fondatore dell’Airgest (società che gestisce oggi l’aeroporto di Trapani Vincenzo Florio); insieme alla provincia regionale (presidente Giulia Adamo) ha realizzato la nuova funivia Trapani Erice, oggi struttura indispensabile per il turismo della provincia e di Erice; ha ricoperto ruoli direttivi all’interno dell’associazione industriale sia trapanese che siciliana; è stato presidente dell’ACI (Automobil Club di Trapani).
Infine, in questo triste giorno, ci sembra doveroso ricordare che Ignazio Sanges è stato presidente della “Riccardo Sanges & C. Srl” dal 1977 al 1999, contribuendo alla crescita della stessa società, soprattutto nello sviluppo dei rapporti commerciali con la società Eni che ancor oggi rappresenta una delle attività più importanti della Riccardo Sanges & C.

Fileccia v/s Barbara, polemica a suon di “Pop Fest” [AUDIO e VIDEO]

Barbara "In estate tornerà la ruota panoramica", Fileccia "Se è così, la prossima festa di capodanno la organizzo io!"
Sono il 51enne Francesco Marchese, la 43enne Giuseppa Valentina Piccione e la 43enne Donatella Ingardia
Non metteva post pubblici, ma utilizzava molto la messaggistica privata
Sabato 28 e domenica 29 aprile nella piazza ex Mercato del pesce
"Su altre opere candidate dal Comune di Trapani si aprirà un tavolo di confronto con la governance della ZES"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Gli studenti di alcune scuole primarie parteciperanno ad una visita teatralizzata
Dopo la notifica della misura della custodia cautelare in carcere aveva accusato un malore