Misteriosa moria di pesci a Tonnarella di Mazara del Vallo

Una moria improvvisa solleva interrogativi sulla salute della laguna e dei suoi abitanti, richiamando attenzione da parte delle autorità e degli ambientalisti

Nella laguna della colmata B di Tonnarella di Mazara del Vallo si è verificata una significativa moria di pesci, tra cui spigole, cefali, anguille e altre specie di dimensioni diverse. Si stima che almeno 4 quintali di pesci siano morti a causa di cause ancora da confermare. Questo improvviso evento ha sollevato preoccupazioni per il suo potenziale impatto sulla fauna locale, incluso un gran numero di uccelli, come fenicotteri, che abitano la laguna.

Secondo quanto riportato dal Giornale di Sicilia, Vincenzo Sciabica, presidente dell’Associazione ambientalista Capo Feto, ha segnalato che questa moria potrebbe avere conseguenze negative anche sulla popolazione di uccelli che abita la laguna. La situazione è monitorata da varie autorità, compresi i dipendenti dell’ARPA e i veterinari dell’ASP (Azienda Sanitaria Provinciale) del dipartimento di Prevenzione Veterinaria.

Un evento simile si era verificato nel 2015, quando molti pesci nella stessa laguna erano morti in circostanze simili. In quel caso, si era ipotizzato che l’acqua torbida e la presenza di fogliame triturato di Taxus baccata (una pianta velenosa per i pesci) potessero aver causato l’avvelenamento e la morte dei pesci per mancanza di ossigeno. Anche in questa occasione, vi sono ipotesi diverse riguardo alle cause dell’evento, tra cui l’uso di esche ratticide lungo le sponde e lo scarico di detergenti e disinfettanti.

Le indagini sono ancora in corso, e solo dopo un’analisi accurata sarà possibile stabilire le cause esatte della moria di pesci. Nel frattempo, l’area potrebbe richiedere bonifiche per prevenire possibili problemi ambientali non solo per la fauna locale, ma anche per gli esseri umani, considerando che la laguna è frequentata sia dalla fauna selvatica che da attività umane.

Il verde pubblico a Trapani non è coltura ma… Cultura [REPORTAGE]

Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
L'episodio è avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 giugno scorso
Lo hanno siglato il questore Giuseppe Peritore e la presidente Aurora Ranno
Dal 24 al 28 luglio in piazza ex Mercato del pesce
L'episodio è avvenuto lo scorso anno vicino al Canile comunale
Sabato sera si è svolto il quarto appuntamento della rassegna concertistica, arricchito da aneddoti e racconti che hanno reso l'esperienza ancora più coinvolgente e apprezzata dagli spettatori
Al suo interno il pubblico troverà tutto ciò che di più rappresentativo la nostra amata Sicilia, e non solo, ha da offrire

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
"Con le mie ali, trovare sé stessi, cambiare il mondo" vuole essere un’indagine sui cambiamenti di prospettiva del mondo giovanile, sulle prove attraverso le quali ragazze e ragazzi divengono adulti
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano