Migranti, un centro polifunzionale in ogni provincia siciliana. Scavone: “Passo avanti per integrazione”

L'obiettivo è migliorare, per i migranti regolari, l'accesso ai servizi territoriali

In ogni provincia siciliana sarà attivato un centro polifunzionale per l’assistenza ai circa 190 mila migranti regolari presenti nell’Isola. A darne notizia è l’assessore regionale alle Politiche sociali, Antonio Scavone.

È stato pubblicato, infatti, il bando con i fondi comunitari del progetto Su.Pre.Me., circa 1,4 milioni di euro, finalizzato all’attivazione di un centro di integrazione in ogni provincia per la presa in carico e l’assistenza dei soggetti provenienti da Paesi terzi.

È previsto il coinvolgimento di attori e attività pubbliche e private con l’obiettivo di migliorare, per i migranti regolari, l’accesso ai servizi territoriali e, tra questi, a quelli sociali, sanitari, logistici, abitativi e di politiche attive del lavoro.

«I migranti regolari fanno parte ormai, del nostro tessuto sociale e costituiscono per alcune attività economiche della nostra regione, in primis l’agricoltura, una forza lavoro non indifferente – commenta l’assessore Scavone – . Per questo, serve oggi assicurare nei loro confronti processi di integrazione, nonché di partecipazione attiva alla vita sociale delle comunità dove risiedono. Il progetto che abbiamo messo in campo con la creazione dei centri polifunzionali serve anche per assicurare loro adeguate misure di prevenzione e tutela della salute sui luoghi di vita e di lavoro, intervenendo con azioni di alfabetizzazione sanitaria e di formazione che li possano accompagnare verso l’inserimento nel mercato del lavoro regolare e alla loro piena autonomia».

Dai dati in possesso dell’Assessorato regionale alle Politiche sociali, la popolazione straniera da Paesi terzi, censita al primo gennaio 2020, in Sicilia è di circa 190 mila persone.
In particolare, 15.151 ad Agrigento, 7.893 a Caltanissetta, 34.875 a Catania, 4.062 ad Enna, 27.987 a Messina, 34.143 a Palermo, 29.207 a Ragusa, 15.645 a Siracusa e 20.750 a Trapani.

«Sono numeri importanti – ha aggiunto l’esponente del governo Musumeci – di persone che sono diventate parte integrante della nostra società e per le quali occorre, ed è l’obiettivo del bando, sviluppare strategie territoriali in grado di offrire servizi utili soprattutto a prevenire e contrastare lo sfruttamento lavorativo, promuovendo processi di emersione e di integrazione sociale ed occupazionale dei migranti regolari».

All’avviso pubblico potranno partecipare gli enti del Terzo Settore, sia in forma singola sia associata con altri soggetti pubblici o privati, che dovranno indicare l’ambito territoriale per il quale partecipare oltre alla disponibilità dell’immobile da utilizzare come sede del centro.

Il bando è stato pubblicato sul portale della Regione Siciliana, nella sezione Ufficio speciale Immigrazione dell’Assessorato regionale alle Politiche sociali.

Il brindisi con gli Shark a Palazzo D'Alì 240611

Mentre Shark brinda l’assessore risponde alla Lega Nazionale Pallacanestro [VIDEO]

Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"
Per potenziare i percorsi di tutela dei migranti in condizioni di fragilità in arrivo e inseriti nel sistema di accoglienza
La mostra, articolata in due musei, il Cordici e il Wigner San Francesco, presenterà opere di Andy Warhol e Mario Schifano
Sindaci e Rete Territoriale per l'inclusione sociale hanno approvato le programmazioni delle quote assegnate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Iniziativa con gli studenti del “Professionale produzioni tessili e sartoriali” dell’Istituto “Calvino - Amico”
Sotto le mentite spoglie del geometra di Campobello di Mazara il capomafia di Castelvetrano si curava dal cancro
Stamattina hanno firmato il contratto alla presenza del commissario straordinario Croce
Biglietti a 10 euro acquistabili fino a sabato nei punti vendita cittadini del circuito GO2
Manifestazione con gli studenti al boschetto di via Salemi
Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"