Mazara, distribuita ai pescatori liberati somma donata da un imprenditore di Forlì

I 7.500 euro giunti sul conto della Diocesi sono stati distribuiti tra i 18 pescatori

Sono stati distribuiti a ciascuno dei 18 pescatori liberati lo scorso dicembre, dopo 108 giorni di prigionia in Libia,i 7.500 euro donati da un imprenditore di Forlì (che ha chiesto di rimanere anonimo) sul conto della Diocesi di Mazara del Vallo con l’espressa indicazione di trasferirli alle famiglie dei marittimi.

L’imprenditore ha seguito il caso sui media e si è messo in contatto con la segreteria del vescovo chiedendo di poter donare il denaro. Qualche giorno fa la vice economa della Diocesi, Giovanna Benigno, ha provveduto a effettuare i bonifici di 416 euro ciascuno sui loro conti.

«In questi mesi trascorsi dal 1° settembre la Diocesi è stata vicina ai parenti dei pescatori – ha ribadito il vescovo Domenico Mogavero – aiutandoli a pagare le utenze quotidiane e andando incontro anche ai bisogni per i figli negli studi scolastici e universitari». Nei prossimi giorni Mogavero incontrerà i pescatori e le loro famiglie durante un’iniziativa che sta organizzando il Comune.

Custonaci, la Sicilia e i suoi borghi: sabato il convegno [AUDIO]

Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"
Il progetto, finanziato con 8 milioni di euro del PNRR, sarà presentato a Roma il prossimo dicembre
"Abbiamo scelto di parlare con il linguaggio della verità, senza mettere la polvere sotto il tappeto"
"Per i lavori di urbanizzazione e delle opere fognarie attese ormai da più di trent’anni”
All'interpello può partecipare solo il personale ispettivo assunto prima del 31 dicembre 2023

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
Ciminnisi: «Luogo simbolico delle nostre battaglie e punto di riferimento per i cittadini»