Mazara del Vallo: a dicembre prima Agorà della Consulta dei Giovani

L’adesione alla consulta riservata ai giovani di età compresa tra i 16 ed i 34 anni è sempre aperta, ma per poter partecipare attivamente alla prima assemblea bisogna presentare istanza al Comune entro dieci giorni dell’Agorà

Dopo molto tempo e vari problemi, a Mazara arriva la prima Agorà. Originariamente convocata per lo scorso 18 maggio, non si era svolta per mancanza del quorum necessario, fissato al 50% più uno degli iscritti, che a quella data risultavano circa 680. A seguito della richiamata hanno confermato finora l’iscrizione circa una quarantina di giovani ai quali possono ancora aggiungersi nuovi iscritti.

“Dopo un lungo periodo di attesa legato alla pandemia e una recall dei giovani che già nel 2021 avevano chiesto di far parte dell’organo, è tutto pronto per costituire il Nucleo Operativo e i Cantieri Tematici della Consulta comunale dei Giovani. La prima Agorà si svolgerà il 3 dicembre – Annuncia l’assessore alle politiche giovanili Gianfranco Casale. -L’adesione alla consulta riservata ai giovani di età compresa tra i 16 ed i 34 anni è sempre aperta, ma per poter partecipare attivamente alla prima assemblea bisogna presentare istanza al Comune entro dieci giorni dell’Agorà, giorno in cui – per regolamento – verrà ufficializzata la convocazione a tutti gli iscritti”.

Di conseguenza, per partecipare all’Agorà del 3 dicembre le nuove iscrizioni dovranno pervenire al Comune entro il 23 novembre. Per le iscrizioni ed i dettagli della Consulta è possibile consultare la relativa pagina web al seguente link.

“La consulta dei giovani – sottolinea Casale – è un organo ispirato alla Carta Europea della Partecipazione dei Giovani nato da un percorso di condivisione tra il mondo politico mazarese e le realtà giovanili. Coinvolge cittadini mazaresi di età compresa tra i 16 e i 34 anni sia in maniera spontanea che mediante l’appartenenza al mondo della scuola, alle associazioni e ai movimenti politici. Attraverso la Consulta – conclude – potremo creare delle reti virtuose e nuovi progetti utili a mitigare i fenomeni della disaffezione alla cosa pubblica, dell’emigrazione forzata, della delega in bianco”.

I Cantieri tematici da scegliere in sede di iscrizione sono i seguenti:

  • LAVORO E INNOVAZIONE;
  • AMBIENTE E TERRITORIO;
  • CULTURA E TURISMO;
  • POLITICHE SOCIALI E DIRITTI;
  • SPORT E SVAGO.

Il Regolamento della Consulta comunale dei Giovani che ne descrive le finalità, il funzionamento, gli organi e le modalità di elezione e partecipazione, è stato approvato dal consiglio comunale con delibera n. 117 del 30 novembre 2020, modificando ed integrando la deliberazione consiliare n. 49 del 2016 che a sua volta aveva modificato il primo regolamento comunale risalente al 2006.

Altro che sindaco o assessore, a Trapani decidono i topi [AUDIO]

Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Con Ornella Fulco parliamo del primo appuntamento della rassegna letteraria di questa sera, giovedì 18 luglio al Teatro comunale di Valderice
Nascondeva una pistola d avrebbe messo a disposizione del boss un garage trasformato in appartamentino
Si tratta del terzo spettacolo in cartellone e si terrà al Salotto Culturale Insonnia il 24 luglio
L'autrice firmerà il suo libro “Granita e baguette”, nuovo “capitolo” della saga delle Signore di Monte Pepe
Lo scrittore trapanese torna a trattare in chiave romanzata lo scottante tema della violenza sulle donne
Ne parliamo con la professoressa Giovanna Parisi, coordinatrice del corso di laurea in Biodiversità e Innovazione Tecnologica

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Si prosegue, fino al 20 luglio, con un ricco programma di proiezioni a cielo aperto, incontri e dibattiti, degustazioni e spettacoli
Due mesi di concerti, spettacoli e performance che abbracciano sette secoli di storia musicale, dal Medioevo al Barocco
Schifani: «Ordinanza per tutelare la salute degli addetti più a rischio»