Matteo Messina Denaro, le sue carte di identità forse tra quelle rubate al Comune di Trapani

I furti furono connessi del 2015 e nel 2018

Si indaga anche su due furti misteriosi, con migliaia di carte di identità sottratte, avvenuti negli uffici del Comune di Trapani nel 2015 e nel 2018, per ricostruire le mosse di Matteo Messina Denaro durante la sua latitanza.

La Procura di Palermo stanno accertando se le cinque carte di identità contraffatte – intestate ad altrettanti residenti incensurati d Campobello di Mazara – trovate nell’abitazione di vicolo San Vito – appartengano alla partita di documenti di riconoscimento spariti dagli uffici del Comune di Trapani. I due episodi, ritenuti finora di criminalità comune, potrebbero adesso assumere una connotazione diversa.

Il primo furto avvenne nella Delegazione municipale di Borgo Madonna, in via Giuseppe Polizzi. I ladri entrarono in azione di notte forzando la porta d’ingresso dell’edificio e portando via tessere di identità in bianco e alcune migliaia di euro. Tre anni più tardi, dopo aver disattivato l’alimentazione elettrica di un intero isolato, i malviventi entrarono negli uffici dell’Anagrafe di largo San Francesco di Paola e rubarono la cassaforte contenente mille documenti di riconoscimento e denaro. I responsabili del secondo furto furono arrestati tempo dopo ma solo parte del bottino fu recuperata. Anche in questo caso le carte di identità rubate erano tutte in bianco.

Secondo gli investigatori, i documenti potrebbero poi essere state completati con le generalità dei cinque campobellesi, le foto del boss e il timbro del Comune di Campobello di Mazara. Un procedimento non semplice sul quale gli inquirenti cercano di far luce perché difficilmente realizzabile senza la complicità di altri soggetti.

Gli investigatori stanno anche lavorando per accertare se le persone alle quali erano intestati i documenti trovati in casa del capomafia fossero suoi complici e gli avessero “prestato” consapevolmente l’identità come Andrea Bonafede, il geometra di Campobello adesso in carcere con l’accusa di associazione mafiosa.

Prosegue a Paceco la rassegna estiva “A Macaràro” [AUDIO]

Ne parliamo con Giovanna Scarcella, la curatrice dell'evento
Sul posto Forestale, Vigili del fuoco, elicotteri e Canadair
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano
Le rate per il pagamento della Tari passano da tre a cinque
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
Intervista a Paolo Salerno, l'organizzatore della rassegna che da 16 anni propone i gusti dal mondo
In via Emanuela Loi e al Museo intitolato a Paolo Borsellino

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Completato il revamping di due pozzi a Castelvetrano, in dirittura di arrivo quello dei pozzi di Trapani e Calatafimi
Possono partecipare alla selezione adulti tra i 18 e gli 80 anni di età e minori tra i 14 e i 17 anni di età
Una mostra mercato di prodotti tipici di enogastronomia, artigianato e commercio e tutto ciò che è di più rappresentativo per la Sicilia, e ogni sera è prevista musica
L'artista di Brolo ha incantato il pubblico con un mix di suoni, spaziando dal jazz al folk