Marsala: nuovo toponimo per via Francesco Angileri

Il nuovo toponimo riporta adesso le giuste date di nascita e morte e alcune precisazioni sulla sua tragica scomparsa

Con una semplice cerimonia è stata scoperta la nuova lapide marmorea della via intitolata a Francesco Angileri.

Il nuovo toponimo riporta adesso le giuste date di nascita e morte e alcune precisazioni sulla sua tragica scomparsa. È stata la professoressa Anna Maria Angileri a ringraziare l’Amministrazione, la Commissione Toponomastica e quanti si sono adoperati per il cambio del toponimo.

“Abbiamo accolto la richiesta di Francesco Angileri e dei nipoti del compianto Francesco Angileri per rimodulare il toponimo – ha precisato il Sindaco Massimo Grillo -. È giusto ricordare i marsalesi illustri e fra questi vi è sicuramente questo giovane ufficiale che nel 1943, prigioniero dei titini, come Salvo D’Acquisto, si immolò e fini sotto il plotone d’esecuzione per evitare una strage di suoi commilitoni. È giusto che le nuove generazioni sappiano di questi nostri eroi del passato”.

Alla cerimonia di questo pomeriggio, oltre al sindaco e ai parenti, hanno anche preso parte il consigliere Massimo Fernandez, il componente della Commissione Toponomastica Giuseppe Alagna e il salesiano Don Enzo che impartito la Santa Benedizione.

Il sottotenente Francesco Angileri nacque a marsala il 25 maggio del 1921. Intrapresa la carriera militare venne chiamato a far parte, quale giovane ufficiale, del 32° Reggimento Artiglieria “Marche” dislocato in Croazia dove era in corso un’altra terribile guerra con i seguaci di Tito che agivano alla stregua dei nazisti. Al rientro da una vacanza si trovò coinvolto suo malgrado in una rappresaglia dei titini che cercavano un secondo ufficiale del suo reggimento da fucilare e malgrado non fosse stato segnalato per evitare che venissero fucilati diversi soldati si qualificò e venne ucciso da un plotone di esecuzione. Morì da eroe a soli 22 anni. Nel 1955 l’allora Presidente della Repubblica lo insignì della medaglia al valore
militare alla memoria.

La via Francesco Angileri e la strada che congiunge via Mazzini con la via Roma all’altezza del largo Zerilli.

Il “Battesimo di Cristo” dal pennello di Edoardo La Francesca [AUDIO]

Il pittore trapanese ha dipinto la tela che adornerà la chiesa di San Giuseppe a Castellammare del Golfo
La notizia è stata comunicata durante una riunione alla Prefettura di Trapani
Quando si raggiungono i 35 gradi, in assenza di risveglio in grado di mitigare il rischio nei cantieri, bisogna interrompere le attività
Il provvedimento è entrato in vigore lo scorso 15 giugno
Tecnici al lavoro per ripristinare l'alimentazione delle pompe che attingono acqua dai pozzi di Sinubio
Schifani e Turano: «La Regione investe sui giovani, risorse triplicate»

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Nel 2024 si stima che saranno raccolte 3.504 tonnellate di imballaggi in acciaio, un +40,7% rispetto al 2023
Il segretario provinciale del Partito Democratico critico sulla riforma voluta dal governo nazionale