Marsala: il Consiglio Comunale approva nuovo regolamento per controllo e tutela ambiente

Per l'istituzione delle figure di ispettore ambientale volontario comunale e agente accertatore ambientale comunale

Si è svolta martedì 23 marzo la seduta del Consiglio comunale di Marsala che si è divisa principalmente in due momenti: nella prima parte i ventidue consiglieri presenti e il presidente Sturiano hanno posto in trattazione il “Regolamento per l’istituzione della figura di Ispettore ambientale volontario comunale e dell’Agente accertatore ambientale comunale”.

Dopo l’introduzione dell’assessore Arturo Galfano, l’atto è stato illustrato dal comandante della Polizia municipale, Vincenzo Menfi. “Il Regolamento, che nasce da una iniziativa congiunta e concordata con il sindaco Grillo -ha spiegato Menfi – ha una duplice finalità. La prima è volta a potenziare l’attività di contrasto agli illeciti e quindi potenziare la sfera operativa dal comando della Polizia Municipale, tenuto conto che gli Ispettori volontari sono figure di supporto. La seconda finalità è quella di attuare il principio di sussidiarietà, previsto dalla Costituzione e dal Testo unico degli Enti Locali. Tra le funzioni fondamentali dei Comuni rientra la gestione ambientale, per la cui attuazione ci si può avvalere anche dei cittadini privati, riuniti in Associazioni, coinvolgendoli nella fondamentale funzione di garantire una corretta igiene ambientale”.

Prima della votazione dell’atto sono intervenuti Cavasino, presidente della Commissione Affari Generali; Di Pietra, presidente della Commissione Territorio e Ambiente; Coppola; Marino e Passalacqua. A conclusione degli interventi, l’aula ha prima votato l’emendamento che sostituisce l’intera proposta di regolamento, che è stato fatto proprio dalla Presidenza; quindi il voto finale del Consiglio, che ha approvato il Regolamento nella sua interezza.

La seconda parte della seduta è stata dedicata alle interrogazioni. Al tavolo dell’Amministrazione insieme al vice sindaco Ruggieri, gli assessori Galfano, Milazzo, Alagna e Gandolfo è altresì giunto il sindaco Massimo Grillo. La prima tornata di questioni sottoposte all’attenzione della Giunta ha visto gli interventi di Ferrantelli, Rodriquez, Orlando, Fici, Gerardi, Martinico, Di Pietra, Milazzo, Pugliese, Passalacqua e Coppola.

A gran parte delle interrogazioni ha risposto lo stesso sindaco Grillo, ritenendo le restanti di competenza degli assessori di riferimento. Prima di rispondere, il capo dell’Amministrazione ha voluto fare una premessa in cui ha evidenziato che andrebbero riviste le modalità dello strumento delle interrogazioni. Inoltre, ha aggiunto che la pandemia ha cambiato il mondo “e, per quanto ci riguarda, c’è bisogno di fermarsi a discutere e lanciare un patto sociale con tutte le categorie per ascoltare tutti: va in questa direzione la delibera sui beni comuni, nonchè i progetti di social housing vecchi e quelli che abbiamo definito”. Inoltre, ha comunicato all’Aula che sarà a Marsala, sabato prossimo, il viceministro Teresa Bellanova per parlare di infrastrutture e futuro. Ha concluso la sua premessa affermando che “pur in presenza di uffici stressati per assenza di personale, diminuito di quasi 150 unità negli ultimi anni, si stanno facendo sforzi enormi per organizzare la macchina amministrativa, cui occorre dare una svolta che permetta di lavorare per il bene della città”.

Dopo queste dichiarazioni, il sindaco Grillo ha risposto alle interrogazioni di Ferrantelli: “Riguardo ai temi relativi al mondo dell’agricoltura, anche in questo comparto c’è bisogno di ripartire dall’ascolto e dalla condivisione degli obiettivi; a tal proposito abbiamo attivato le procedure per l’insediamento della Consulta dell’agricoltura e promuoveremo un’azione per chiedere misure di crisi al Governo regionale. Garantire l’accesso a Internet per tutti i cittadini è importantissimo per favorire forme di democrazia partecipata, che è uno degli obiettivi della mia Amministrazione; inseriremo questo obiettivo nell’ambito di un nuovo patto sociale per la ripartenza che a breve proporremo alla città. La strada di Torrelupa ed altre dissestate saranno attenzionate nell’ambito della Convenzione con il Libero Consorzio e coglieremo l’occasione delle criticità sulla pista ciclabile per ottenere apposito finanziamento dalla Regione”.

Rodriquez: “Stiamo lavorando per risolvere i problemi di viabilità e di sicurezza che la pista ciclopedonale del lungomare della Spagnola sta creando nella zona; problemi causati da carenze progettuali evidenti: è stata progettata senza prevedere servizi, parcheggi, strade di collegamento con la SP21; stiamo di fronte ad errori relativi alla segnaletica orizzontale in evidente contrasto con le norme in vigore; non vi è stato alcuno studio preventivo dell’impatto sulla viabilità che la pista avrebbe avuto e che ora stiamo scontando; stiamo lavorando in tal senso prevedendo parcheggi e aree di ristoro, servizi navetta e strade di collegamento; da questa esperienza dobbiamo comunque imparare: occorrono approfondimenti per le altre piste ciclabili previste nel centro e sul litorale sud, per le quali sarà necessario rivedere il piano della mobilità e della viabilità in generale. Riguardo al padiglione per le malattie infettive: i lavori sono iniziati e dobbiamo essere riconoscenti alla Regione per averlo finanziato; auspichiamo che i lavori procedano velocemente, a breve si avrà il progetto esecutivo. Riguardo al parcheggio di interscambio allo Stadio, sono state già avviate le procedure di gara”.

Fici: “La governance si sta dimostrando in alcuni ambiti uno strumento fondamentale per risolvere i problemi strutturali e di visione che sconta la nostra città, specie in vista di progettualità da presentare per raccogliere al meglio le occasioni date dal Recovery Fund; alla luce delle esigenze, che ho scoperto anche di recente essere necessarie, sto quindi completando la rosa dei nomi della governance che presto presenterò alla città con i consulenti a titolo gratuito. Per la via S. L’Africano è previsto un investimento importante: nel programma elettorale avevo detto che avremmo fatto diventare quell’area la porta, l’hub turistico della città e il progetto va in quella direzione promossa dal voto dei cittadini; naturalmente è un progetto che possiamo condividere e siamo aperti a recepire idee; tra l’altro, da lì passerebbe anche una pista ciclabile e, pertanto , anche su questo progetto va aperta una riflessione per vedere come integrare le due progettualità”.

Gerardi: “Riguardo ai servizi per disabili psichici e inabili, purtroppo al momento Marsala non è fornita di strutture adeguate per accoglierli in maniera appropriata; questo comporta molti disagi per questi soggetti fragili della nostra comunità che trovano ospitalità fuori dal nostro comune; disagi che purtroppo pesano anche sulle loro famiglie di provenienza: è sicuramente un problema per il quale va trovata una soluzione”.

Di Pietra: “Il problema dell’approvvigionamento idrico della città è allarmante; Marsala nel prossimo futuro rischia di rimanere senza acqua e scontiamo una totale mancanza di programmazione; quando ci siamo insediati abbiamo subito aperto un dialogo con SiciliAcque per avere 4 litri al secondo nella zona nord, ma il problema va affrontato con una programmazione ampia e contiamo di attingere al Recovery Fund”.

Milazzo: “Per la nuova sede alla Condotta agraria abbiamo proposto locali siti in via Trapani. Il PDUM è stato trasmesso agli Organi competenti e necessita di nuova deliberazione”.

Coppola: “L’accordo di collaborazione con il Libero Consorzio per lo spostamento del Commerciale (ITET) di Marsala presso i locali dell’ Ex Tribunale è stato avviato in seno al Consiglio e questo è già un esempio di concertazione/condivisione. Per quanto riguarda il Garante della persone disabili è stata definita l’istruttoria”.

Passalacqua: “Per quanto riguarda il padiglione Covid, i lavori per la costruzione del primo piano sono stati avviati; come sapete si tratta di un appalto con una procedura complessa e saremo in grado di conoscere i tempi di realizzazione alla conclusione dei primi step; a quel punto, saremo noi per primi a rivendicare la restituzione dell’Ospedale alla cittadinanza. Non bisogna avere fretta su Marsala Schola; è vero che la gestione dell’Istituzione negli scorsi anni è stata in perdita per il comune ma è anche vero che è la prima volta che una Giunta detta degli indirizzi programmatici al CDA. A questo punto attendiamo le proposte del CdA; occorre anche guardare a come sia lievitata la spesa per gli assistenti alla comunicazione; diviene necessario evitare scelte improvvisate, occorre semmai, concertare anche con i sindacati come salvaguardare i livelli occupazionale dell’Ente; il CdA ha mandato, infine, di valutare le possibili  condizioni di rilancio di Marsala Schola, penso ai servizi sportivi, nonché al coinvolgimento delle famiglie e del personale per avere suggerimenti riguardo alla riqualificazione del servizio; il CdA dovrà convincere, con un piano economico sostenibile, sia Amministrazione che Consiglio comunale sull’eventuale rilancio dell’Istituzione”.

Al termine dell’intervento del sindaco Grillo, considerati i numerosi consiglieri iscritti a parlare, le risposte dell’Amministrazione e le possibili repliche, il presidente Sturiano ha aggiornato i lavori a martedì 30 marzo, alle ore 16.

Il verde pubblico a Trapani non è coltura ma… Cultura [REPORTAGE]

Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
In via Emanuela Loi e al Museo intitolato a Paolo Borsellino
Completato il revamping di due pozzi a Castelvetrano, in dirittura di arrivo quello dei pozzi di Trapani e Calatafimi