Marco Falaguasta al Teatro Ariston con “Non ci facciamo riconoscere” [AUDIO]

Intervista all'attore che sarà a Trapani venerdì 31 maggio

Con grande piacere e simpatia questa mattina Marco Falaguasta ha voluto rilasciare alla redazione di Trapanisì.it una intervista nella quale ci parla dello spettacolo “Non ci facciamo riconoscere” che porterà anche a Trapani venerdì prossimo 31 maggio, al Teatro Ariston. per ascoltare schiaccia PLAY:

“Non ci facciamo riconoscere”, scritto dallo stesso Falaguasta e Alessandro Mancini, ci riporta ai fatidici anni Ottanta, arrivati quasi come una benedizione dal cielo, dopo anni complicati e violenti.

«La mia generazione – racconta Falaguasta – è cresciuta con questo monito nelle orecchie “Non ci facciamo riconoscere”, una frase tipica dei nostri genitori che reagivano così al nostro minimo insurrezionismo, anche solo con un semplice inarcamento delle sopracciglia. Ma c’era da comprenderli, preoccupati e segnati com’erano dagli anni di piombo, al punto che il solo pensiero che ci potessimo mettere nei guai, li faceva trasalire. Finalmente nelle piazze non si sparava, non si protestava, ma si ballava, ci s’incontrava e ci si divertiva e noi ne avevamo licenza. Meglio spensierati che impegnati, visto che l’impegno e la partecipazione sociale sembravano essere sfociati nella protesta violenta e nel terrorismo».

L’attore racconta una generazione che ha interpretato la democrazia come un diritto acquisito e che non aveva bisogno di ulteriori rivendicazioni, di altre battaglie, ma prendeva per buone verità istituzionali, accettando il consumismo, il neoliberismo, per il quieto vivere.

«Non c’è mai interessato pretendere di sapere chi ha ucciso o commissionato l’uccisione di Enrico Mattei, Aldo Moro, Pierpaolo Pasolini, Mino Pecorelli, Carlo Alberto Dalla Chiesa o che fine abbia fatto Emanuela Orlandi. Ora siamo diventati genitori e siamo chiamati a trasmettere valori ai nostri figli; siamo insegnanti e dobbiamo formare gli uomini di domani; amministratori della cosa pubblica e facciamo politica, risolvendo (o tentando di farlo) i problemi di tutti. Come ce la stiamo cavando? Come ci stiamo comportando nei confronti delle nuove generazioni? Per raccontare tutto questo ho voluto utilizzare la satira, ricorrendo ad episodi di vita vissuta, ad aneddoti e alla suggestione di canzoni come Figli delle Stelle, Il mio canto libero, La sera dei miracoli e tante altre che ne sono state la colonna sonora. Le canzoni saranno eseguite dal vivo con Eleonora Segaluscio».

È possibile acquistare i biglietti presso il botteghino del Cine Teatro Ariston (il giorno dell’evento) e del cinema Diana.
ONLINE su Liveticket: https://www.liveticket.it/cineteatroaristontrapani. Bonus Cultura solo online.

Informazioni: ariston@cineteatrotrapani.it
Tel:0923/21659 – 0923/29221 attivi dalle 18.00 alle 23.00 (tranne lunedì)
WhatsApp: 3896275308
Sito Web: www.cineteatrotrapani.it
Fb e Instagram: Cineteatrotrapani

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
A Trapani confermato il già commissario straordinario Ferdinando Croce
Presteranno servizio stagionale per cinque mesi
La sindaca Daniela Toscano ribatte alle affermazioni del consigliere comunale Vincenzo Maltese
Lo scopo della promozione è raccogliere nuovi sguardi e riflessioni sulla vasta gamma di identità differenti e di possibili modi in cui le persone possono legittimamente esprimere il proprio genere
La società del presidente Valerio Antonini completerà l'impianto per renderlo fruibile

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Il duo, formato da Michele Simonte e Pietro Rizzo vanta collaborazioni con Djs nazionali e internazionali, recentemente con gli italiani più conosciuti al mondo i Meduza
Si tratta di un servizio organizzato dal comitato locale della Croce Rossa per le persone che vorranno assistere alla processione del 21 giugno in Piazza Castello