“Marcia per San Matteo”, fioccano le adesioni alla manifestazione contro gli incendi boschivi [AUDIO]

La manifestazione, prevista per il 6 agosto alle ore 18:00, ha lo scopo di combattere e rendere libera la Sicilia dagli incendi

Una Sicilia libera dagli incendi: è questo quello che vogliono i tanti partecipanti alla “Marcia per San Matteo” prevista per venerdì 6 agosto alle 18.

L’iniziativa è del Coordinamento Sicilia SalviAmo i boschi che invita la cittadinanza a partecipare. “Non si può rimanere inermi davanti tanta devastazione”, spiegano i responsabili del Coordinamento SalviAmo i boschi. “Non si può rimanere in silenzio, soprattutto perché la tragedia di San Matteo, come di ogni altro luogo della nostra Sicilia che in questi giorni brucia, arde e grida di dolore, è cronaca di una morte annunciata. La morte del nostro territorio, dei suoi boschi, della sua storia, della sua fauna e della sua flora. Ingenti sono i danni di queste ultime settimane di guerra che ha colpito non solo il nostro patrimonio agroforestale, ma anche alcuni dei luoghi più belli e simbolici della nostra Isola, come Vendicari, le Cave degli Iblei, Floristella Imera, Piazza Armerina, Portella della Ginestra (solo per citarne alcuni). E ingenti sono gli interessi, le responsabilità, le omissioni”.

Il Coordinamento SalviAmo i boschi, composto da più di 50 associazioni, comitati civici e collettivi operanti in tutta la Sicilia, ha presentato, nelle settimane scorse, un esposto congiunto a 10 Procure con cui denuncia una serie di ritardi e omissioni e una “colpevole inerzia delle istituzioni e della politica regionale”. In particolare sono stati evidenziati forti ritardi nelle opere di prevenzione, che avrebbero dovuto essere avviate nel mese di maggio e ultimate entro il 15 giugno e che, invece, sono cominciate solo il 28 giugno a causa del ritardo nell’approvazione in bilancio dei fondi per la retribuzione degli operai. Fatti gravissimi davanti i quali il Coordinamento SalviAmo i boschi non può e non vuole restare in silenzio.

“Marceremo a San Matteo, insieme, per portare speranza e gettare i semi del domani. Ci impegneremo – dicono gli organizzatori – affinché San Matteo torni a essere un’oasi di verde e di aria pulita. Vogliamo che questa guerra finisca. Vogliamo provvedimenti reali. Vogliamo prevenzione e sorveglianza del territorio. Siamo stanchi di scuse, distrazioni e capri espiatori. Pretendiamo che quelle istituzioni che dovevano garantire la prevenzione e la tutela del territorio e hanno – evidentemente – fallito, rispondano delle loro omissioni, ritardi e incompetenze”.

All’iniziativa ha aderito la Diocesi di Trapani. Sarà presente il vescovo Pietro Maria Fragnelli che ha invivato, con una nota, i fedeli “ad essere presenti come gesto simbolico che testimoni l’attenzione dei credenti verso la cura della casa comune e l’impegno verso nuovi e più civili stili di vita”.

Anche l’amministrazione comunale di Trapani ha comunicato oggi l’adesione alla manifestazione. “Aderiamo convintamente all’iniziativa – dice il sindaco Tranchida – auspicando severità e giustizia ferma nei confronti di chi continua a macchiarsi di tali reati ed al pari provvedimenti concreti da parte degli enti regionali a tutela del patrimonio arboreo e non solo”.

Sarà presente anche l’amministrazione comunale di Paceco con il sindaco Giuseppe Scarcella  “in segno – si legge nella nota stampa – sia di solidarietà con le popolazioni colpite dai roghi, sia di biasimo per l’inadeguatezza della prevenzione e dei controlli a tutela del patrimonio boschivo regionale”.

Aggiornamento ore 17.30
Oggi pomeriggio abbiamo sentito Mariangela Galante, portavoce del Coordinamento Sicilia Salviamo i boschi”. Per ascoltare schiaccia PLAY

Anche il Comitato “Piano Guastella-Martogna” aderisce e sostiene la partecipazione alla manifestazione contro gli incendi e parteciperà con una rappresentanza di cittadini che si uniranno allo sdegno e alla rabbia per quanto avvenuto e per chiedere risposte a coloro che sono preposti a contrastare e controllare il territorio.

L’almanacco di oggi mercoledì 24 aprile 2024

In questa rubrica tutto quello che c'è da sapere sulla giornata di oggi
In questa data si celebrano la fine dell'occupazione nazifascista e la Resistenza
Dal 26 al 29 aprile nel centro storico cittadino
Siciliano, lascia la guida della Questura di Imperia
Il provvedimento riguarda la vendita di alcolici e la diffusione di musica
L'appuntamento per la provincia di Trapani è previsto per il 19 maggio al Museo di Arte Contemporanea di Alcamo
Si tratta di circa tremila lavoratori potranno essere assunti da Enti locali, ASP e Aziende ospedaliere
L'Associazione Nazionale Partigiani Italiani ha espresso la propria indignazione
Residente a Santa Ninfa, si era ferito ieri ed è rimasto tutta la notte all'addiaccio
La sentenza con la formula “perché i fatti non costituiscono reato”

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
"Superare la precarietà nei contratti di lavoro e di rendere più sicuro il lavoro nel sistema degli appalti"
Il sindaco Forgione: "Dopo decenni di attesa ci avviamo alla conclusione dell'iter"
Si lavora per individuare e definire strategie di prevenzione e contrasto al fenomeno
Il deputato regionale ribatte alle dichiarazioni del segretario provinciale e della presidente dell'Assemblea
Esprime delusione e scoramento per il clima politico nel massimo consesso cittadino
Nell'ambito di controlli effettuati in un'azienda di Mazara del Vallo