giovedì, Febbraio 29, 2024

Maltrattamenti in famiglia, 49enne allontanato dalla casa familiare

La misura cautelare, disposta dal gip del Tribunale di Marsala, è stata eseguita dai Carabinieri

Allontanamento dalla casa familiare e divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle persone offese per un un 49enne di Marsala accusato di maltrattamenti in famiglia.

Il provvedimento del gip del Tribunale di Marsala è stato eseguito dai Carabinieri della Stazione di Ciavolo.

Le indagini, avviate dopo la denuncia della moglie a seguito dell’ennesima aggressione, questa volta anche nei confronti della figlia minorenne, si sono svolte sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Marsala con i tempi e le modalità previste dal “Codice Rosso” e hanno permesso di raccogliere importanti elementi di prova a carico dell’uomo e in base ad essi l’Autorità giudiziaria ha emesso il provvedimento cautelare.

Fondo di progettazione, via libera ai contributi per tutti i Comuni siciliani

L'assessore Aricò: «Sostegno alle amministrazioni locali per crescita e sviluppo»
Presenti anche gli sportivi del Trapanese destinatari delle benemerenze CONI consegnate lo scorso dicembre
Coinvolte dodici persone che si occuperanno della cura del Verde a Favignana
"Impossibile garantire alla comunità una regolare distribuzione idrica con mezzi alternativi"
"Esperienza positiva, contento di avere avuto l'opportunità di rappresentare la mia gente" ha dichiarato l'ala granata

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Il primo dirigente della Polizia di Stato ha all'attivo una lunga e articolata carriera
Un violento nubifragio si è abbattuto sulla cittadina
Con le donne migranti del centro SAI e l'associazione Il Mulino
Si tratta di sistemi di ancoraggio e relitti potenzialmente pericolosi per ecosistema e bagnanti