Mafia, la Dia sequestra beni ad imprenditore di Vita [VIDEO]

Per un valore di 800 mila euro

Eseguito dagli uomini della DIA il decreto di sequestro anticipato emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Trapani nei confronti di Francesco Isca, imprenditore di Vita, attivo nel settore dei lavori edili e della produzione e commercializzazione di calcestruzzo per un valore di circa 800 mila euro.

L’attività segue un precedente provvedimento, del valore di oltre 12 milioni di euro, eseguito nei confronti dello stesso imprenditore e disposto dal Tribunale di Trapani su proposta del direttore della DIA.

La “pericolosità sociale” di Isca sarebbe connessa con i legami intrattenuti con esponenti della criminalità organizzata di Vita dai quali – si legge nella nota diffusa dalla DIA – risulta che “l’imprenditore abbia ottenuto sia le risorse finanziarie per avviare ed alimentare le proprie aziende, sia la copertura mafiosa per espandersi sul mercato, imponendosi nei lucrosi affari legati alla realizzazione delle grandi opere pubbliche a danno delle imprese concorrenti alterando, così, il corretto funzionamento del libero mercato e violando le regole della leale concorrenza”.

I nuovi accertamenti eseguiti dagli investigatori della DIA – anche con la mappatura geografica che permette di rappresentare virtualmente i territori interessati e l’impiego di un software che permette di sovrapporre le immagini satellitari con i dati catastali – hanno consentito di rilevare un complesso residenziale abusivo, composto da circa 300 metri quadrati coperti e un’area con piscina di circa 60 metriquadrati costruito territorio di Salemi, al posto del quale risulta censito un magazzino di appena 38 metri quadrati, una quota di terreno a Calatafimi Segesta e due ville in corso di costruzione a Paceco il cui valore complessivo ammonta a circa 800 mila euro.
Le condotte di abusivismo edilizio hanno portato anche alla segnalazione alla Procura della Repubblica di Marsala. VIDEO

Il verde pubblico a Trapani non è coltura ma… Cultura [REPORTAGE]

Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
"Con le mie ali, trovare sé stessi, cambiare il mondo" vuole essere un’indagine sui cambiamenti di prospettiva del mondo giovanile, sulle prove attraverso le quali ragazze e ragazzi divengono adulti
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
In via Emanuela Loi e al Museo intitolato a Paolo Borsellino
Completato il revamping di due pozzi a Castelvetrano, in dirittura di arrivo quello dei pozzi di Trapani e Calatafimi