Mafia, chiesta condanna a 13 anni per il “postino” di Matteo Messina Denaro

Cugino omonimo del geometra che ha prestato l'identità al boss, è ccusato di associazione mafiosa

La Procura della Repubblica di Palermo ha chiesto la condanna a 13 anni di reclusione nei confronti di Andrea Bonafede, il dipendente comunale di Campobello di Mazara, cugino omonimo del geometra che ha prestato l’identità al boss, accusato di associazione mafiosa.

L’originaria imputazione di favoreggiamento aggravato, con l’emergere di nuove prove a suo carico, ha indotto i pm ad aggravarla. Secondo l’accusa, oltre a fare da “postino” recapitando al boss mafioso di Castelvetrano, allora in cura per il tumore al colon che ne ha provocato la morte lo scorso 26 settembre, prescrizioni e ricette compilate dal medico di base Alfonso Tumbarello, anche lui indagato, Bonafede avrebbe assicurato al capomafia un’assistenza continua. Sono quasi 140 le prescrizioni individuate dagli investigatori.

Bonafede era stato arrestato a febbraio – poche settimane dopo il blitz alla clinica di Palermo che ha condotto alla cattura di Matteo Messina Denaro – assieme al medico Tumbarello. Il giorno dell’arresto del capomafia, peraltro, Bonafede era proprio dal medico.

Il “Battesimo di Cristo” dal pennello di Edoardo La Francesca [AUDIO]

Il pittore trapanese ha dipinto la tela che adornerà la chiesa di San Giuseppe a Castellammare del Golfo
Schifani e Turano: «La Regione investe sui giovani, risorse triplicate»
Per il nuovo film di Margherita Spampinato dal titolo "Gela"
Nel 2024 si stima che saranno raccolte 3.504 tonnellate di imballaggi in acciaio, un +40,7% rispetto al 2023
Il segretario provinciale del Partito Democratico critico sulla riforma voluta dal governo nazionale
Forgione: "La nostra priorità è mantenere le nostre isole pulite e accoglienti"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Disposta una seria di servizi straordinari delle Forze dell'ordine e altri Enti
I responsabili saranno denunciati all'Autorità giudiziaria
Sarà l'occasione per scoprire il paesaggio incontaminato, dove la natura ha ripreso il sopravvento, dopo il devastante incendio di un anno fa
Un'opportunità per affrontare i temi cruciali della tutela dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile