lunedì, Marzo 4, 2024

Mafia, altri 5 anni di detenzione domiciliare per Antonino Bonafede

Ulteriore condanna per violazioni degli obblighi imposti ai condannati mafiosi per l'anziano boss di Marsala

L’86enne Antonino Bonafede, esponente di spicco della vecchia Cosa Nostra marsalese, resterà in detenzione domiciliare per altri 5 anni.

L’anziano capo della famiglia mafiosa di Marsala, già condannato in via definitiva per associazione di tipo mafioso, è stato colpito da un nuovo provvedimento giudiziario che conferma la pena alternativa della detenzione domiciliare fissandone la scadenza nel 2026.

Antonino Bonafede, padre dell’ex latitante Natale – quest’ultimo condannato all’ergastolo per omicidi commessi nei primi anni Novanta su ordine della Cupola allora capeggiata da Totò Riina – sta scontando, dal 2017, la pena definitiva per 416-bis in detenzione domiciliare a causa di gravi patologie che lo affliggono.

In virtù dell’ulteriore condanna definitiva per violazioni degli obblighi imposti ai condannati mafiosi, il Tribunale di Marsala – a seguito dell’inammissibilità del ricorso presentato dai legali di Bonafede dichiarata dalla Corte di Cassazione nel febbraio di quest’anno – ha confermato la fine della detenzione domiciliare nel 2026.

Le ultime indagini sulla mafia trapanese, effettuate dal ROS dei Carabinieri, hanno fatto emergere come, a seguito degli arresti dei capi famiglia Antonino e Vito Vincenzo Rallo, la reggenza vacante del clan mafioso marsalese sarebbe stata affidata, nel 2009, proprio all’anziano uomo d’onore Antonino Bonafede (noto come “zio Nino”), ritenuto una garanzia anche in virtù dei precedenti rapporti di massima collaborazione con lo storico capo del mandamento di Mazara del Vallo Vito Gondola con il quale venivano organizzati i summit mafiosi.

Il provvedimento del Tribunale è stato notificato dai Carabinieri al condannato nella sua abitazione.

L’amatoriale che riempie i teatri, Ariston sold-out a Trapani con 50&più [AUDIO]

"Ignazio e Franca Florio, storia di una illusione", ne abbiamo parlato con Cinzia Saura
Andrà alla prestigiosa internazionale grazie al suo Freestyle nel Livello A Senior
La pronuncia del giudice di pace di Trapani sull'episodio dello scorso 15 giugno,
Più di 45 atleti provenienti da tutta la Sicilia hanno partecipato al raduno della Federazione Italiana Rugby che si è svolto a Trapani
"Si rafforza il legame tra le nostre tradizioni secolari e la volontà di preservare e promuovere la nostra identità culturale", dice il sindaco

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Decisiva la difesa dei granata: partita combattuta con Piacenza che vende cara la pelle
L'assessore regionale Turano: «Combattiamo la dispersione con l'offerta culturale»
L'installazione delle attrezzature è stata finanziata al Comune di Petrosino con fondi del PNRR