Mafia, altri 5 anni di detenzione domiciliare per Antonino Bonafede

Ulteriore condanna per violazioni degli obblighi imposti ai condannati mafiosi per l'anziano boss di Marsala

L’86enne Antonino Bonafede, esponente di spicco della vecchia Cosa Nostra marsalese, resterà in detenzione domiciliare per altri 5 anni.

L’anziano capo della famiglia mafiosa di Marsala, già condannato in via definitiva per associazione di tipo mafioso, è stato colpito da un nuovo provvedimento giudiziario che conferma la pena alternativa della detenzione domiciliare fissandone la scadenza nel 2026.

Antonino Bonafede, padre dell’ex latitante Natale – quest’ultimo condannato all’ergastolo per omicidi commessi nei primi anni Novanta su ordine della Cupola allora capeggiata da Totò Riina – sta scontando, dal 2017, la pena definitiva per 416-bis in detenzione domiciliare a causa di gravi patologie che lo affliggono.

In virtù dell’ulteriore condanna definitiva per violazioni degli obblighi imposti ai condannati mafiosi, il Tribunale di Marsala – a seguito dell’inammissibilità del ricorso presentato dai legali di Bonafede dichiarata dalla Corte di Cassazione nel febbraio di quest’anno – ha confermato la fine della detenzione domiciliare nel 2026.

Le ultime indagini sulla mafia trapanese, effettuate dal ROS dei Carabinieri, hanno fatto emergere come, a seguito degli arresti dei capi famiglia Antonino e Vito Vincenzo Rallo, la reggenza vacante del clan mafioso marsalese sarebbe stata affidata, nel 2009, proprio all’anziano uomo d’onore Antonino Bonafede (noto come “zio Nino”), ritenuto una garanzia anche in virtù dei precedenti rapporti di massima collaborazione con lo storico capo del mandamento di Mazara del Vallo Vito Gondola con il quale venivano organizzati i summit mafiosi.

Il provvedimento del Tribunale è stato notificato dai Carabinieri al condannato nella sua abitazione.

Trapani, “tantu nenti e tantu assai” tra lirica di tradizione e cibo d’attrazione [EDITORIALE]

Mai accaduto prima, una fiera di piazza ed una "prima" a teatro potrebbero causare qualche inconveniente, soprattutto politico
Mai accaduto prima, una fiera di piazza ed una "prima" a teatro potrebbero causare qualche inconveniente, soprattutto politico
I rifiuti erano ammassati su una parte di un terreno in contrada Ciappola
Si tratta di una donna di origine venezuelana, rintracciata in un hotel a Mazara del Vallo
Ottenuto un finanziamento di 30.000 per attività di controllo e prevenzione durante la stagione estiva
Nelle ultime due stagioni agonistiche ha militato nel Modena in Serie B
Da lunedì 15 a sabato 20 luglio San Vito Lo Capo accoglierà registi, autori, attori, appassionati e anche turisti che per cinque giorni potranno godere di diverse proiezioni
Un'estate tra jazz, Tiromancino, presentazione di libri, spettacoli teatrali e cibo
Il 30enne attaccante senegalese arriva da svincolato.
In occasione dell'anniversario della strage di via D'Amelio
Arriva da svincolato e ha sottoscritto un contratto biennale

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Iniziativa per la valorizzazione delle chiese appartenenti al Fondo Edifici per il Culto
Dal 14 al 30 luglio si terranno 10 diversi concerti, tutti con inizio alle 21:30 e a ingresso gratuito
La società mette a disposizione diversi alloggi nelle mete più ambite d'Italia
Il festival letterario che promuove le produzioni editoriali è giunto alla sua quarta edizione
Mentre si lavora per risolvere i guasti, installati due generatori mobili
Il restauro realizzato grazie alle somme del Fondo per l’edilizia di culto del Ministero dell’Interno