Mafia a Castellammare: condannati otto imputati, assolto il sindaco Nicolò Rizzo

La sua posizione era legata a un incontro avvenuto in Comune con il boss Francesco Domingo

Il gup di Palermo ha condannato, complessivamente, a 70 anni di reclusione otto degli undici imputati nel processo, svoltosi con il rito abbreviato, a presunti esponenti della famiglia mafiosa di Castellammare del Golfo scaturito dall’operazione “Cutrara” dei Carabinieri del Comando provinciale di Trapani.
Assolto “perché il fatto non sussiste” invece, il sindaco Nicolò Rizzo, accusato di favoreggiamento aggravato, aveva incontrato il boss Francesco Domingo. Assoluzione anche per l’avvocato Francesco Di Bono e per Calogero Valenti.

In un primo momento l’accusa formulata dai pm della Procura di Palermo nei confronti del primo cittadino di Castellammare del Golfo era stata quella di concorso esterno in associazione mafiosa ma successivamente era stata rimodulata in quella di favoreggiamento aggravato dall’aver agevolato Cosa Nostra. La Procura aveva chiesto la sua condanna a due anni di reclusione. Francesco Di Bono era accusato di estorsione con l’aggravante del favoreggiamento a Cosa Nostra.

Condannato a 12 anni di reclusione Camillo Domingo, a 4 anni Diego Angileri; 10 e 8 mesi sono stati inflitti a Daniele La Sala, 14 anni e 8 mesi a Salvatore Mercadante, 8 anni e 6 mesi a Antonino Sabella, 10 e 8 mesi a Francesco Stabile, 4 anni e 6 mesi a Francesco Virga e 4 anni e sei mesi a Gaspare Maurizio.

Agli imputati i pm, coordinati dall’aggiunto Paolo Guido, contestavano, a vario titolo, l’associazione mafiosa, il favoreggiamento, l’estorsione e il concorso in associazione mafiosa. L’indagine fu avviata dopo la scarcerazione del boss mafioso Francesco Domingo, detto “Tempesta” – processato separatamente – e ha ricostruito l’organigramma della “famiglia” ancora retta da Domingo, che, secondo gli inquirenti, non avrebbe mai lasciato il comando nonostante fosse detenuto.

Il clan controllava le attività economiche, in particolare dei settori agricolo ed edilizio. Attraverso minacce e intimidazioni i boss sarebbero riusciti ad aggiudicarsi lavori e avrebbero svolto un ruolo di mediazione e risoluzione delle controversie tra privati sostituendosi alle istituzioni.

La posizione di Nicolò Rizzo era legata a un incontro avvenuto in Comune con Francesco Domingo nel corso del quale il boss avrebbe chiesto al sindaco di Caste­llammare del Golfo un aiuto per individuare un imm­obile. Serviva ad una persona vicina al capomafia per aprirvi una casa di ripos­o.

Il sindaco aveva respinto ogni accusa già il giorno in cui ricevette l’avviso di garanzia e fu poi sentito in Procura a Palermo alla presenza dei suoi legali.

Alberto Anguzza, dagli Ottoni Animati ai cartoni animati è un attimo [AUDIO]

Un'altra divertente intervista al talentuoso "trumpet player" trapanese, che ha fatto breccia anche nel mondo dei Griffin
Un'altra divertente intervista al talentuoso "trumpet player" trapanese, che ha fatto breccia anche nel mondo dei Griffin
La presidente di "Nessuno tocchi Caino" sottolinea anche la mancanza di poliziotti penitenziari in servizio
Accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, era stato assolto dalla Cassazione nel 2023
Si spazierà tra proposte differenti che vadano incontro a pubblici diversi, tra teatro, musica e danza
Fondato nel 1991, per iniziativa di Antonio Sottile, ha preso parte a centinaia di concerti e manifestazioni artistiche in Italia e in Europa
Il teatro si colorerà di un immersivo fuoco "buono" che assale le colonne, si inerpica e tinge il tempio di rosso. Le repliche si terranno il 16, 17 e 18 luglio
Inaugurazione il 21 luglio, alle ore 19:00, con il concerto "Capo Verde in Musica Jerusa Barros 4th” presso il teatro a mare “Pellegrino 1880”
Dal 17 al 19 luglio in corrispondenza di un passaggio a livello

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Grazie ad un finanziamento di circa 6milioni 900mila di euro di fondi del Pnrr
Focus su libertà d’espressione ma anche su libertà dalla povertà e libertà dalla paura della guerra
Primo appuntamento della rassegna letteraria giovedì 18 luglio al Teatro comunale di Valderice