Libia, colpi contro pescherecci di Mazara: ferito comandante dell’Aliseo

L'episodio è avvenuto circa 75 miglia a nord est di Tripoli

Il comandante del peschereccio “Aliseo”, Giuseppe Giacalone, di Mazara del Vallo, è rimasto ferito da colpi sparati da una motovedetta della Guardia Costiera libica in una zona di mare circa 75 miglia a nord est di Tripoli.

L’uomo, che si trovava al timone, ha riportato una ferita al braccio e una alla testa, quest’ultima provocata dalle schegge di vetro della cabina che, dopo i colpi sparati, è andato in frantumi. Le sue condizioni non destano, per fortuna, preoccupazione.

I militari avrebbero esploso alcuni colpi di arma da fuoco di avvertimento intimando all'”Aliseo” e a un altro peschereccio, l'”Artemide”, di fermarsi.
La nave “Libeccio”, della Marina Militare, che si trovava a poche miglia dalle due imbarcazioni italiane, è stata autorizzata dai libici ad approntare il soccorso. I due motopesca sono stati rilasciati. L’Artemide, nel 2012, fu fermato a oltre 25 miglia dalle coste egiziane, condotto al porto di Alessandria e poi rilasciato dopo circa dieci giorni.

“Era tutto prevedibile – commenta il sindaco di Mazara del Vallo Salvatore Quinci – ne parliamo da giorni qui. La questione è sempre la stessa. Adesso ci dicano se dobbiamo andarcene ma lo Stato Italiano deve proteggere gli italiani, l’italia si faccia sentire. Subito”.

L’Aliseo arriverà al porto di Mazara del Vallo domani sera. Lo ha confermato il figlio del comandante, Alessandro Giacalone. «Sono soddisfatto dell’operato del Governo, perché subito si è arrivati a una soluzione, evitando il peggio», ha detto il giovane che è rimasto in contatto tutto il
pomeriggio con la Farnesina, la Capitaneria di porto di Mazara
del Vallo e il fratello Giacomo, a bordo di un altro peschereccio, l'”Anna Madre”, impegnato in una battuta di pesca.

Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci: “Basta! – ha detto – Non ne possiamo più di queste azioni di violenza delle motovedette libiche contro i nostri motopescherecci. Non è tollerabile che i pescatori siciliani debbano andare a lavorare nelle acque internazionali con l’incubo di finire arrestati, sequestrati o persino mitragliati, senza colpa alcuna. Il governo italiano apra finalmente un confronto serio e risolutivo con Tripoli. Non vorrei pensare che per Roma la legittima tutela di interessi economici con la Libia debba fare dei pescatori siciliani una sorta di carne da macello”.

Lo ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, dopo l’attacco di oggi, al lar

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
Iniziativa di McDonald’s con il Comune di Trapani, Gruppo Scout Trapani 1 e Accademia Trapani
SI è concluso l'apposito corso di formazione attivato dalla Protezione civile regionale con altri Enti
I granata potrebbero mettere a segno una storica tripletta
Riprese le proposte che il deputato regionale Safina aveva presentato all'Ars
Prevista l'organizzazione di incontri con cadenza periodica alla Torre di Ligny

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
La strada provinciale Valderice - Erice, parte del tracciato di gara, fino al bivio di Martogna, sarà chiusa al traffico dalle 7:30 alle 15:30
Gli eventi prenderanno il via il 10 luglio e si concluderanno il 28 agosto, tutti con inizio alle ore 21:30
Ventuno milioni per le famiglie siciliane per gli affitti del 2022
Intervento sostitutivo necessario e obbligatorio da parte della Regione
Letture ad alta voce e laboratori in biblioteca a partire dal 17 giugno