lunedì, Marzo 4, 2024

“L’Elisir d’Amore” di Gaetano Donizetti sbarca in Tunisia

Si tratta del progetto “Médithéâtres - Grande musique dans les anciens théâtres méditerranéens”, il 14 dicembre, in scena al Théâtre de l’Opéra de Tunis

Nell’ambito del progetto “Médithéâtres – Grande musique dans les anciens théâtres méditerranéens”, il 14 dicembre, alle ore 19.00, andrà in scena a Tunisi, nella Grande Salle de l’Opéra del Théâtre de l’Opéra, L’Elisir d’Amore, melodramma giocoso in due atti di Gaetano Donizetti su libretto di Felice Romani.

Il progetto Médithéâtres, cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma ENI di Cooperazione Transfrontaliera Italia – Tunisia 2014 – 2020, vede come capofila l’Ente Luglio Musicale Trapanese in partnership con il Distretto Turistico della Sicilia Occidentale, gli Amici della Musica di Trapani per la parte italiana e l’Agence de Mise en Valeur du Patrimoine et de Promotion Culturelle- l’AMVPPC, Confédération des Entreprises Citoyennes de Tunisie -CONECT et il Théâtre de l’Opéra de Tunis-TOT per la parte tunisina.

Il cast dell’opera, ben caratterizzato nei singoli ruoli, è formato da Rachele Barchi, Adina, Carmine Riccio, Nemorino, Giovanni La Commare, Belcore, Francesco Vultaggio, il Dottor Dulcamara e Goar Faradzhian, Giannetta.
La storia ruota attorno alle vicende dell’umile contadino Nemorino, innamorato di Adina ed incapace di dichiararsi. L’equilibrio viene bruscamente interrotto con l’arrivo di Dulcamara (il ciarlatano) che – fingendosi un dottore – vende a Nemorino un fantomatico elisir d’amore.
La vicenda è ambientata in un quartiere americano degli anni ‘50, anni caratterizzati dal boom economico post bellico e dalla voglia di rinascita, l’epoca di Elvis Presley, Marylin Monroe, Marlon Brando. Le due donne protagoniste, sono due donne forti e proprietarie di due attività, Adina di un “Diner”, con annesse stanze in affitto, e Giannetta proprietaria della parruccheria del quartiere. Le due attività si trovano in una piazza che è centro nevralgico della vita del quartiere, dove tutti si conoscono, dove la comunità diventa famiglia, protagonista fondamentale della scena.
L’opera si avvale della regia e dei costumi di Teresa Gargano. Le scene sono di Monica Andolina. Il coro è quello del Luglio Musicale Trapanese. L’orchestra, formata dai professori dell’Orchestre Symphonique Tunisien e quelli del Luglio Musicale Trapanese, sarà diretta dal maestro Sergio Alapont. Il Direttore Artistico e di Produzione del progetto Médithéâtres è il Maestro Fabio Modica.

L’obiettivo principale di Medithéâtres è quello di creare, nell’area mediterranea, un polo di eccellenza della produzione nel settore dello spettacolo, mettendo a disposizione del sistema le migliori risorse e le migliori opportunità offerte dalla Sicilia e dalla Tunisia, per una virtuosa cooperazione economica e culturale.

L’amatoriale che riempie i teatri, Ariston sold-out a Trapani con 50&più [AUDIO]

"Ignazio e Franca Florio, storia di una illusione", ne abbiamo parlato con Cinzia Saura
Decisiva la difesa dei granata: partita combattuta con Piacenza che vende cara la pelle
L'assessore regionale Turano: «Combattiamo la dispersione con l'offerta culturale»
Agricoltori e associazioni chiedono che non si sversi più acqua dell'invaso a causa della mancata manutenzione

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Si completa così l'ultimo step dettato dal protocollo d’intesa tra Assessorato regionale della Salute e sindacati
Si attende adesso il parere dei Revisori per l'approvazione in Consiglio Comunale
Di Dia e Falco: “Chiederemo incontro al nuovo commissario per l’emergenza siccità Cartabellotta”
Dal prossimo 6 marzo in via Vittorio Alfieri, 9 il primo mercoledì di ogni mese dalle 16 alle 18