I 100 euro in più nella busta paga: cos’è e come funziona

AVVISO: il blog vuole cercare di raggiungere una platea di utenti che normalmente non mastica il diritto del lavoro, e pertanto è volutamente sintetico e cerca di usare una comunicazione semplice. Un occhio tecnico potrebbe trovare alcune imperfezioni, che sono però un costo necessario da sostenere per poter raggiungere una platea più ampia.


Una delle misure contenute nel Decreto “Cura Italia” (D.L.18/2020) è la previsione di un premio in busta paga, di 100 euro per i lavoratori dipendenti che hanno effettivamente lavorato nel mese di marzo in azienda.

Il premio non ha altro che una natura di ristorazione per quei dipendenti che hanno lavorato nella sede aziendale in stato di emergenza pandemica.

Per prima cosa va chiarito che il premio spetta a coloro che nel 2019 abbiano ricevuto un reddito da lavoro dipendente non superiore a 40.000 euro; si escludono dal tetto i redditi sottoposti a tassazione separata, andando in pratica a guardare solamente i redditi da lavoro dipendente assoggettati a tassazione progressiva IRPEF.

In secondo luogo è importante dire che il premio va ripartito in proporzione ai giorni lavorati nel mese in azienda: questo significa che effettivamente l’importo di 100 euro riguarda l’intero mese lavorato in azienda, ma se ad un certo punto si è andati in Cassa Integrazione o smart working, questi giorni non potranno essere considerati e l’importo sarà minore.

Per stabilire il numero di giornate non si fa alcuna differenza tra i lavoratori full time e part time, ma basta verificare solo le effettive presenze in azienda nel mese di marzo 2020. Non vanno quindi considerate le giornate di ferie, la malattia, le assenze per aspettativa senza corresponsione di assegni e, come abbiamo detto, neanche le giornate svolte in smart working, proprio perché la ragione alla base dell’erogazione del premio è quella di compensare il disagio che il lavoratore ha affrontato lavorando durante il periodo emergenziale. Diverso è il discorso delle trasferte, che invece possono essere tranquillamente computate nel premio.

Alcune domande ricorrenti

Se il mio rapporto di lavoro scade a marzo, il premio mi spetta? Si, sempre riproporzionando il premio in base alle giornate di lavoro prestate in azienda.

Il datore di lavoro eroga il premio in compensazione? Si attraverso il codice tributo 1699 da inserire nell’F24 relativo al periodo di pagamento.

Il premio va erogato nella busta paga di aprile? C’è stata un po’ di confusione, perché la norma è scritta in modo da poter fraintendere la questione. In realtà si può erogare a partire dai compensi erogati ad aprile (busta paga di marzo) fino al termine di effettuazione delle operazioni di conguaglio di fine anno.

“Il lavoro, spiegato bene” è il blog di Sergio Villabuona, consulente del lavoro ed euro-progettista. È possibile interagire con lui attraverso la sua pagina Facebook.

Fileccia v/s Barbara, polemica a suon di “Pop Fest” [AUDIO e VIDEO]

Barbara "In estate tornerà la ruota panoramica", Fileccia "Se è così, la prossima festa di capodanno la organizzo io!"
Sono il 51enne Francesco Marchese, la 43enne Giuseppa Valentina Piccione e la 43enne Donatella Ingardia
Non metteva post pubblici, ma utilizzava molto la messaggistica privata
Sabato 28 e domenica 29 aprile nella piazza ex Mercato del pesce
"Su altre opere candidate dal Comune di Trapani si aprirà un tavolo di confronto con la governance della ZES"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Gli studenti di alcune scuole primarie parteciperanno ad una visita teatralizzata
Dopo la notifica della misura della custodia cautelare in carcere aveva accusato un malore