L’agricoltura coltiva il sale, ne parla Giacomo D’Alì Staiti [AUDIO]

Il sale marino è vivo e va coltivato seguendo le stagioni, come un frutto del sole, del mare e del vento

Sale marino e salgemma, la differenza non è solo “chimica” ma anche “burocratica”. E’ possibile che l’estrazione del sale dalle cave di salgemma sia “d’ufficio” equiparata alla coltivazione del sale di salina? Ebbene, secondo i ministeri italiani, i salinai trapanesi come quelli sardi, quelli pugliesi o quelli romagnoli sembra proprio che facciano lo stesso lavoro degli ingegneri e o dei geologi così come degli operai che manovrano escavatori, ruspe e camion  all’interno delle miniere di sale fossile.

Ancora oggi, fare il curatolo di salina o il minatore per lo stato italiano è la stessa cosa. Un’anomalia burocratica di cui finalmente si è resa conto anche Confagricoltura, dopo il primo incontro che si è svolto a Roma con i responsabili delle antiche saline italiane.  Questi pur essendo dignitari di antiche  ed esclusive   tradizioni, con enormi difficoltà continuano ancora oggi a tramandare di padre in figlio la loro attività in Sicilia, in Sardegna, in Puglia ed in Romagna.

Ora Confagricoltura ha organizzato nel territorio trapanese il secondo dei cinque incontri di settore. Mercoledì 22 Novembre 2023 con operatori, esponenti della politica e del commercio e giornalisti provenienti dall’Italia e dall’estero, sarà sviluppato il tema “L’agricoltura coltiva il sale” per dimostrare che il sale marino è tutt’altro che fossile, bensì vivo e segue nella sua coltivazione i tempi e le regole della natura.

L’incontro durerà l’intera giornata e prevede visite guidate in salina nelle riserve naturali di Trapani, Paceco e dello Stagnone di Marsala.
Ne abbiamo parlato con Giacomo D’Alì Staiti, presidente ed AD della Sosalt S.p.A. dai cui stabilimenti di Ronciglio cominceranno le visite di mercoledì

Per ascoltare l’intervista schiaccia PLAY:

Il verde pubblico a Trapani non è coltura ma… Cultura [REPORTAGE]

Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
L'episodio è avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 giugno scorso
Lo hanno siglato il questore Giuseppe Peritore e la presidente Aurora Ranno
Dal 24 al 28 luglio in piazza ex Mercato del pesce
Sabato sera si è svolto il quarto appuntamento della rassegna concertistica, arricchito da aneddoti e racconti che hanno reso l'esperienza ancora più coinvolgente e apprezzata dagli spettatori
Al suo interno il pubblico troverà tutto ciò che di più rappresentativo la nostra amata Sicilia, e non solo, ha da offrire
Il Centro di Salute Mentale è una delle due strutture in Sicilia ad utilizzare il sistema Nesplora
"Con le mie ali, trovare sé stessi, cambiare il mondo" vuole essere un’indagine sui cambiamenti di prospettiva del mondo giovanile, sulle prove attraverso le quali ragazze e ragazzi divengono adulti

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano