Inchiesta “Aspide”, la posizione dell’Ordine dei Medici della provincia di Trapani

Si attendono le carte dalla Procura per "valutare i "provvedimenti da prendere"

Sull’operazione delle Fiamme Gialle denominata “Aspide” – che ha coinvolto esponenti della Asp e personale medico, l’Ordine dei medici ha reso noto di aver immediatamente riunito il Consiglio direttivo “per una approfondita valutazione dei fatti emersi dall’inchiesta” appresi dalla stampa e di aver deciso di “attendere la ricezione degli atti ufficiali da parte della Procura al fine di valutare eventuali provvedimenti da intraprendere a tutela dei propri principi deontologici”.

“Nella qualità di presidente – dice Vito Barraco – manifesto il mio personale rammarico per quanto in questa fase sta emergendo dalle notizie stampa e mi auguro che venga fatta rapidamente adeguata chiarezza, ferma restando la massima fiducia negli organi inquirenti e nella Magistratura unitamente alla totale garanzia di fiducia nei colleghi medici coinvolti. Tuttavia, non posso non soffermarmi sul particolare momento che il contesto sanitario sta attraversando dalla pandemia ad oggi, contesto che richiederebbe maggiore apporto di disciplina e responsabilità da parte di tutti. È del tutto evidente che alcune iniziative intraprese dall’Asp negli ultimi anni si pongono in netto contrasto con i predetti principi trascurando dunque gli adeguati sistemi meritocratici che ogni procedura concorsuale dovrebbe adottare.

A riguardo, non posso non citare le recenti assunzioni fatte dall’ente a tempo indeterminato con procedure “click day” poi soggette a stabilizzazioni, senza dare l’opportuna precedenza all’espletamento definitivo dei precedenti concorsi che prevedevano principi di selezione valutativi e quindi meritocratici e che ancora oggi rimangono sospesi.

In ogni caso – prosegue il presidente dell’Ordine – la nostra attenzione si deve focalizzare sulle attuali criticità dell’assistenza sanitaria alla popolazione residente, criticità che sono fondamentalmente legate alla carenza di medici specialisti e non solo. Ovviamente la questione non è solamente provinciale o regionale, ma in tutto il Sistema Sanitario Nazionale. Inoltre, la fuga dei medici è la conseguenza dei disagi notevoli nei turni di servizio nei reparti ospedalieri, della mancanza di filtri sanitari adeguati nel territorio ed al carico burocratico non più sostenibile dei medici di medicina generale.
L’OMCEO della provincia di Trapani rimane vigile ed attento in attesa delle carte ufficiali richieste alla Procura e valuterà i provvedimenti da prendere in maniera opportuna”.

Il brindisi con gli Shark a Palazzo D'Alì 240611

Mentre Shark brinda l’assessore risponde alla Lega Nazionale Pallacanestro [VIDEO]

Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"
Fu ucciso a Palermo in un agguato mafioso con il capitano D'Aleo e l’appuntato Bommarito
Appello intervenga presso il governo nazionale e la cabina di regia del Ministero della Coesione
La storia del fisico italiano, inventore e padre delle comunicazioni, tra prosa teatrale, canti, musica e coreografie
Iniziativa di Renantis Sicilia in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria
15 anni di carriera con all’attivo nove album e oltre 200 live, lo scorso 31 maggio è uscito “Mezzo rotto”, il nuovo singolo feat. Bigmama
Lunedì 17 giugno al Baglio Elena con esperti, politici e tecnici
Per potenziare i percorsi di tutela dei migranti in condizioni di fragilità in arrivo e inseriti nel sistema di accoglienza
Iniziativa dei consiglieri comunali di minoranza

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
La mostra, articolata in due musei, il Cordici e il Wigner San Francesco, presenterà opere di Andy Warhol e Mario Schifano
Sindaci e Rete Territoriale per l'inclusione sociale hanno approvato le programmazioni delle quote assegnate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
I poeti, provenienti da tutta la provincia di Trapani, declameranno le loro opere