giovedì, Dicembre 7, 2023

Incendi in Sicilia, lettera aperta del Coordinamento Salviamo i Boschi ai candidati alla Presidenza della Regione

"Non ripetere gli errori del passato", si legge nel documento

In una regione come la Sicilia in cui le possibilità di sviluppo sono collegate al patrimonio paesaggistico e ambientale, la gestione di questo patrimonio dovrebbe essere una priorità del futuro governo regionale così come il problema degli incendi che, negli ultimi anni, hanno enormemente colpito il territorio, contribuendo in modo decisivo alla sua desertificazione e al suo impoverimento generale.

Nel 2021 la Sicilia è stata la regione con la maggiore superficie totale percorsa dal fuoco: 78.000 ettari, quasi la stessa estensione complessiva riscontrata nel resto d’Italia. E non era andata molto meglio negli anni precedenti (nel 2020 gli ettari bruciati erano stati circa 40.000). Anche quest’anno il bilancio finale sarà pesante, considerati i disastrosi incendi in provincia di Enna, Trapani e Palermo.

Se è vero che gli incendi sono agevolati dalle alte temperature dovute al cambiamento climatico, è altrettanto vero che il 70% di essi sono dolosi (il resto colposi) e che è necessario impegnarsi maggiormente per prevenirli e contrastarne gli effetti.

Il Coordinamento Salviamo i Boschi, da anni impegnato in una campagna di sensibilizzazione e denuncia del problema degli incendi e di salvaguardia del territorio in Sicilia, chiede a chi prenderà in mano il futuro governo della Sicilia di “non ripetere gli errori del passato e di imprimere un cambio di passo deciso nella gestione delle risorse ambientali dell’Isola e in particolare nella politica di contrasto e prevenzione degli incendi”.

In una lettera aperta a tutti i candidati alla Presidenza della Regione, vengono elencate le misure ritenute indispensabili per una seria lotta contro gli incendi boschivi.
Riformare il settore – si legge – privilegiando la pianificazione forestale regionale (PFR) e rendendo obbligatori, per superfici superiori a 30 ettari, i Piani di gestione e assestamento forestale (PGAF) che possono garantire lo sviluppo polifunzionale delle attività boschive e l’applicazione dei criteri di gestione forestale sostenibile come previsto dagli articoli 6 e 14 della LR 14/2006 e come previsto dal D. lgs n° 34 del 3.4.2018″.

Si chiede di “potenziare l’attività di controllo e investigazione attraverso dei concorsi che ricostituiscano la consistenza numerica del Corpo Forestale Siciliano e quindi il rafforzamento dei distaccamenti territoriali attualmente abbandonati o sottodimensionati. Ciò anche al fine di consentire l’avvio di serie indagini da parte della Magistratura che portino all’individuazione dei responsabili materiali e degli eventuali mandanti e conniventi.
Anche all’Assessorato agricoltura servono concorsi per giovani laureati che sostituiscano i molti dirigenti andati in pensione e che reintroducano criteri silvocolturali nella gestione dei boschi.

Serve una norma – prosegue il Coordinamento
Salviamo i Boschi – che agevoli la programmazione e il ripristino ecologico dei boschi percorsi dal fuoco attraverso specifici Piani di ripristino che, partendo da una indagine sulla severità del fuoco e sulla capacità di ricostituzione delle specie presenti, stabiliscano se il bosco può ricostituirsi naturalmente, se servono diradamenti o spollonature e se alcune piccole aree hanno bisogno di rimboschimento con specie più resistenti al fuoco.

È necessario “anticipare, per esempio a marzo, l’inizio della consueta attività di prevenzione e manutenzione (viali tagliafuoco, rimozione della legna e dell’erba secca, ecc.) contribuirebbe a ridurre i danni in maniera significativa. Bisognerà però risolvere due questioni, quella finanziaria e quella degli operai stagionali, tutti ultracinquantenni, che sono spesso assunti in funzione dei finanziamenti e non delle effettive necessità di tutela dell’ambiente isolano.
Agevolare la redazione del Catasto degli incendi, secondo quanto previsto dall’art 10 dalla legge 353/2000, prevedendo anche l’invio di commissari ad acta in caso di inadempienza da parte dei Comuni.

Si chiede di “agevolare il presidio dei boschi avvalendosi dell’ausilio delle organizzazioni di volontariato e di protezione civile ed anche ampliando e semplificando la possibilità di stipulare convenzioni: a) con gli agricoltori e gli allevatori per lo svolgimento di attività funzionali alla salvaguardia del paesaggio agrario e forestale; b) con le associazioni ambientaliste e/o con gli imprenditori agricoli per l’assegnazione e la gestione del patrimonio edilizio presente e non utilizzato in montagna.
Garantire la sorveglianza del territorio specie nelle giornate ad alto rischio incendi. Attivare un servizio di vigilanza continua moltiplicando i punti strategici di osservazione e coinvolgendo, oltre agli operatori forestali, anche le forze dell’Ordine e associazioni civiche di volontariato opportunamente formate e dirette. Inoltre, potenziare il controllo del territorio attraverso l’uso di nuove tecnologie (telecamere agli ingressi dei percorsi delle aree boschive e nei punti da cui tradizionalmente partono gli incendi, telerilevamento con sensori di temperatura, etc..).

Perfezionare e rendere trasparente il coordinamento tra le varie strutture, Corpi e Associazioni preposti alle operazioni di spegnimento degli incendi, individuando in maniera chiara figure, compiti e responsabilità al fine di evitare i ricorrenti ritardi e le disfunzioni.
Richiedere che i mezzi aerei per lo spegnimento degli incendi (Canadair), già di proprietà della Protezione Civile, siano affidati alla gestione pubblica per evitare di sollecitare gli appetiti di società private che lucrerebbero sul cosiddetto “business degli incendi”.
Agevolare la conoscenza del bosco e la prevenzione indiretta degli incendi attraverso l’educazione ambientale e lo sviluppo di forme di turismo eco-sostenibile (percorsi naturalistici, trekking guidati, attività di free-climbing, birdwatching, etc..). In tal senso sono auspicabili le operazioni di valorizzazione dei boschi e dei sentieri nonché il sostegno ad attività educative e divulgative provenienti dal territorio attraverso l’associazionismo e le scuole”.

Trapani: dicembre si apre con “Natale al Chiostro” [AUDIO]

Ad aspettare i cittadini e le cittadine di Trapani ci saranno artisti, artigiani, commercianti e creativi

Trapani, buona la seconda

Quattro gol contro il Fulgatore. L'analisi di Francesco Rinaudo
L'incontro è promosso da Camera di commercio di Trapani, Unioncamere Sicilia e Logos
Si tratta del secondo episodio in quella zona della città nel giro di pochi giorni
Via Gladioli prenderà il nome del partigiano trapanese Giovan Battista Gianquinto
La poca realizzazione potrebbe essere motivo di acquisti da parte della società
Arriva il Flight pass giovani Sicilia dedicato ai ragazzi dai 12 ai 25 anni che viaggiano sui voli Ita Airways da e per la Sicilia

Lucca Comics & Games: un luogo per il dialogo e le differenze

314.220 biglietti venduti, più di 700 espositori, centinaia di ospiti da tutto il mondo

L’esperta risponde: tutti i dubbi su gas e luce [Parte 5]

In settimana i lettori di Trapanisi.it hanno inviato alla nostra esperta alcune domande
L’esperienza musicale a lume di candela accompagnerà gli ascoltatori in un viaggio sonoro alla scoperta di musiche del Natale d’Oriente
Partigiano, primo Sindaco della Liberazione di Venezia, ma anche deputato, senatore del Pci per cinque legislature e giurista di fama
"Un nuovo patto tra Regione e amministrazioni locali per cogliere tutte le opportunità messe in campo dal Pnrr"
Diversi appuntamenti a cura del giornalista e scrittore Giacomo Pilati organizzati in collaborazione con il comune di Trapani
Il progetto prevede quasi 19.000posti a sedere previa un'assegnazione di 99 anni
L'asilo nido di Valderice potrà, così, accogliere 29 bambini anziché 18

Feta al forno con pomodorini e olive: la ricetta

Una nuova ricetta su Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

“Dottore, ho l’ansia sociale? Perché non riesco a parlare in pubblico o a dire...

Torna il blog Tienilo inMente del dottor Giuseppe Scuderi, psicologo clinico e digitale

Si dice che il battito d’ali di una farfalla in Brasile può provocare un...

Torna il blog "Lettere dal fronte" di Giancarlo Casano

“Silenzio, esce la Corte”

La condanna definitiva: l’era di D’Alì è finita. Il silenzio di Trapani
I due arrestati dai Carabinieri si erano impadroniti di un paio di cuffie bluetooth in un negozio in via Fardella
Ne abbiamo parlato col parroco della chiesa di San Francesco d'Assisi di Trapani fra' Giuseppe Catalano
Riforma nella Federazione Italiana Judo Lotta Karate ed Arti Marziali: Matera è il primo presidente eletto nella storia italiana nel settore Judo
Non sarà più possibile presentare le pratiche edilizie presso lo Sportello Unico per l'Edilizia
Nel terzo trimestre 2023 in Sicilia +34mila imprese e +15mila occupati
La nuova nave effettuerà i collegamenti con Pantelleria, ha detto il presidente Schifani

Torna la musica dance nelle classifiche: il fenomeno Kungs

Un nuovo post su Freedom, il blog di DJ Vince

Breve guida al Green Pass sui luoghi di lavoro dopo la fine dello stato...

Termina lo stato di emergenza, quali cambiamenti sono previsti? Torna "Il lavoro, spiegato bene", il blog del consulente del lavoro ed euro-progettista Sergio Villabuona

Stanchezza cronica e spossatezza infinita? Consigli e rimedi

Torna "Punto Salute News", il blog del dottor Andrea Re