Il vescovo di Mazara del Vallo lava i piedi a 12 cittadini ucraini: 4 sono profughi di oOdessa

"È stato un bel momento vissuto insieme ai nostri fratelli ucraini cristiani"

Il vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero, ieri sera, durante la liturgia del Giovedì santo, ha lavato i piedi a dodici cittadini ucraini. Il rito religioso è stato compiuto in Cattedrale durante la Santa messa in Coena Domini. Dei dodici cittadini ucraini 4 sono profughi arrivati proprio ieri da Odessa a Mazara del Vallo: una signora anziana, le due figlie e un nipote, ora accolti presso una famiglia mazarese.

Gli altri otto ucraini a cui il vescovo ha lavato i piedi sono residenti da anni in città. «È stato un bel momento vissuto insieme ai nostri fratelli ucraini cristiani appartenenti alla Chiesa ortodossa – ha detto il Vescovo – un’occasione di accoglienza sul piano spirituale avvalorata dalla comune fede in Cristo che consente di dare un senso religioso a un’ospitalità che non è solo sociale e di tipo economica», ha concluso il vescovo.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
Prevista l'istituzione di un fondo specifico destinato al finanziamento dei riti della Settimana Santa iscritti al REIS
"Nel programma approvato a maggio abbiamo puntato sulla qualità degli eventi che si articolano da giugno a settembre"
"Il Comune di Trapani si faccia trovare pronto con un progetto unitario per accedere alle risorse della rigenerazione urbana"
L’evento sarà un'occasione significativa per esplorare approfonditamente gli aspetti naturalistici e culturali dei paesaggi delle due isole vulcaniche
La selezione, rispondendo in primis al principio di sostenibilità, ha elaborato un cartellone che prenderà il via a metà luglio e durerà tutta l’estate

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione