Storie di palle ovali: “Il rugby è uno sport pericoloso per i Trapanesi” [AUDIO]

La società Asd Rugby Elimi Trapani non può continuare ad utilizzare parte del campo Coni di Trapani per gli allenamenti. La palla da rugby costituirebbe un pericolo per i fruitori dell'impianto sportivo

“Riteniamo che l’uso della palla da rugby sia un mezzo pericoloso per i Trapanesi”. No, non è uno scherzo. Si tratta di quanto è stato affermato e fatto recapitare all’Asd Rugby Elimi Trapani. I rugbisti trapanesi, che solitamente utilizzano la parte centrale del campo ex Coni, da ieri, 6 ottobre, non possono usufruire dell’impianto.

Questa è l’intervista che il vice presidente della Asd Rugby “Elimi Trapani” e delegato provinciale della Federazione Italiana Rugby, Francesco Anselmo, ha rilasciato alla redazione di Trapanisì.it. Per ascoltare schiaccia PLAY:

“Purtroppo – afferma Francesco Anselmo – il rugby è stato considerato uno sport pericoloso sia dall’Amministrazione comunale, sia dai cittadini trapanesi e anche dalle società che svolgono la loro attività all’interno del campo. La minaccia sarebbe quella di essere colpiti dal pallone ovale. In realtà – spiega Anselmo – il pericolo potenzialmente non esiste proprio per la natura dello sport: il rugby non è football americano, la palla viene passata tra i giocatori e non lanciata”.

Ma occorre fare un passo indietro. Lunedì, 4 ottobre, il presidente dell’Asd rugby Elimi-Trapani, Giovanni Manzo, e suo il vice Francesco Anselmo, sono stati convocati dall’assessore allo Sport del Comune di Trapani Vincenzo Abbruscato. L’assessore si è presentato all’incontro con tre proposte per il cambio di location per allenamenti dei giocatori e per trovare insieme un accordo affinché i giovani rugbisti potessero continuare a fare sport.

Abbruscato ha avanzato tre possibili soluzioni: utilizzare parte degli spazi della caserma “Giannettino” di Trapani, dove la società ha già avviato i contatti per capire se si può trovare un accordo; il terreno del campo Aula, tranne l’impianto perchè sarebbe inagibile; oppure una parte del campo ex Coni che, però, risulta piccola e inadatta per gli allenamenti, sia per la natura del terreno sia perché si trova all’ingresso e sarebbe quindi di intralcio ai altri fruitori.

Le soluzioni proposte sono state rifiutate dalla società sportiva. Ad onor del vero – fanno sapere dalla dirigenza degli Elimi Rugby Trapani – una quarta proposta è stata avanzata dall’Amministrazione. Si tratta della possibilità – tramite richiesta formale al Comune – di utilizzare in esclusiva l’intero campo ex Coni. Proposta, anche questa, rifiutata categoricamente. “Non pensiamo minimamente di poter privare i cittadini – afferma Anselmo – della possibilità di fare sport all’interno dell’impianto, non è nostra intenzione. Tuttavia auspichiamo che si trovi un compromesso che possa metterci tutti d’accordo”.

Al momento, non sembra che sia stato trovato un punto di incontro. Infatti, ieri sera, quando i rugbisti si sono recati al campo per gli allenamenti, sono dovuti tornare indietro. “Qui con il pallone non potete entrare”, così, racconta Anselmo, è stato detto a lui e ai suoi ragazzi.

Intanto domenica prossima, 10 ottobre inizierà il Campionato e, non essendoci nessun campo idoneo per le partite di rugby né a Trapani, né in provincia, i sessanta ragazzi trapanesi saranno costretti a giocare a Palermo. La loro speranza è che almeno possano continuare ad allenarsi a Trapani.

Trapani a secco, l’assessore spiega [AUDIO]

La situazione del servizio idrico nel territorio comunale
Scambiare la nostra vita in cambio di oggetti feticci ci rende più felici?
Producer francese da oltre 9 milioni di ascoltatori mensili, oltre 1 miliardo di streams totali e numerosi dischi d'oro e di platino
Saranno presenti cinque unità e mezzi fino al prossimo 13 settembre
Degustazioni di vini e prodotti alimentari, incontri con i produttori e masterclass con un percorso artistico suggestivo

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Camminare in silenzio, concentrandosi sull’ascolto dell'ambiente e la propria presenza in esso
Gallerie d’arte, spazi creativi e atelier di artisti aprono le porte ai visitatori
Con quattro vele, arretra Pantelleria che quest'anno si ferma a tre
Nella zona nord riguarda le utenze private mentre nella zona sud le utenze commerciali