Il punto sulla Serie D: è il mix che manca

I nostri calciatori hanno quasi tutti esperienza della serie D recente, per averci militato in passato ovvero per provenire proprio da questo campionato

Scusate. Dopo la gara di ieri del Trapani, sento dire: “La serie D è questa!”, “Ecco la serie D!”, “Signori, niente fioretto ma ci vuole la sciabola!” et similia.

Ebbene: che la serie D sia questa, indubbiamente devono impararlo i tifosi granata più giovani oppure ricordarsene quelli più grandi di età, visti i decenni trascorsi dall’ultima volta che il Trapani vi ha militato. Ma certamente non deve impararlo la stragrande maggioranza dei calciatori che compongono l’organico granata. I nostri calciatori hanno quasi tutti esperienza della serie D recente, per averci militato in passato ovvero per provenire proprio da questo campionato.

Dunque sanno bene qual è il tipo di gioco che vi si attua e conoscono bene il clima agonistico delle gare di questo campionato. I nostri limiti, a mio avviso, non discendono dalla mancanza di praticità e concretezza o da scarsa forza agonistica, né da generale inesperienza.
Ma essenzialmente dal fatto che, per adesso, non siamo un organico ben assortito: abbiamo gente che da del tu al pallone ma manchiamo di chili e muscoli in mezzo al campo ed in attacco.
I campionati di questo livello non si vincono solo con la concretezza, la corsa e l’ardore agonistico ma ad essi va aggiunta una cifra tecnica di spessore, almeno nell’asse portante della squadra.
Il Trapani di Arcoleo che vinse la serie D aveva cagnacci da lotta all’ultimo sangue, tutti muscoli e fisicità come Mattia Esposito, Roberto Orlando e Franco Santaniello.
Ma accanto a loro c’era gente come Filippo Cavataio, Castrenze Campanella, Stoil Petrov, Giovanni Azzarelli e soprattutto la premiata ditta del goal Nino Barraco & Tanino Capizzi.
Il giusto mix fra vigore atletico, classe innata ed esperienza.
È questo mix che al momento ci manca (unitamente ad una migliore condizione atletica generale) e non tanto il mancato adattamento al campionato da parte dei nostri calciatori.

Il “Battesimo di Cristo” dal pennello di Edoardo La Francesca [AUDIO]

Il pittore trapanese ha dipinto la tela che adornerà la chiesa di San Giuseppe a Castellammare del Golfo
Sanzioni per un gruppo di turisti, un gestore di lido balneare e un noleggiatore di attrezzature da spiaggia
La notizia è stata comunicata durante una riunione alla Prefettura di Trapani
Quando si raggiungono i 35 gradi, in assenza di risveglio in grado di mitigare il rischio nei cantieri, bisogna interrompere le attività
Tecnici al lavoro per ripristinare l'alimentazione delle pompe che attingono acqua dai pozzi di Sinubio
Schifani e Turano: «La Regione investe sui giovani, risorse triplicate»

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Per il nuovo film di Margherita Spampinato dal titolo "Gela"
Nel 2024 si stima che saranno raccolte 3.504 tonnellate di imballaggi in acciaio, un +40,7% rispetto al 2023
Il segretario provinciale del Partito Democratico critico sulla riforma voluta dal governo nazionale
Forgione: "La nostra priorità è mantenere le nostre isole pulite e accoglienti"