“Il cerchio delle Arti”, la scuola De Stefano in partenza per la Bulgaria [AUDIO]

Alunni e docenti, domenica 22 gennaio raggiungeranno Vidin, per la quarta tappa del progetto "The Arts Ring". Ne parliamo con la referente professoressa Giuseppina Cusenza

Tutto pronto per i nove ragazzi, alunni della scuola secondaria di primo grado “Antonino De Stefano” di Erice: Domenica 22 Gennaio 2023, alle 03.00 del mattino partiranno alla volta della Bulgaria per raggiungere la città di Vidin sulle rive del Danubio al confine settentrionale bulgaro.
Sono le alunne e gli alunni che rappresenteranno l’Italia e la Sicilia nella quarta “tappa” del progetto “Erasmus +” denominato “The Arts ring – il cerchio delle Arti” che vede impegnate le scuole europee nella presentazione e nella pratica, attraverso incontri e laboratori didattici, delle caratteristiche peculiari delle arti di ogni Paese.
Ne abbiamo parlato con la professoressa Giuseppina Cusenza, una delle referenti del progetto. Per ascoltare schiaccia PLAY:

Dopo la prima “mobility” che ha visto le scuole di sei Paesi europei (Portogallo, Spagna, Grecia, Bulgaria, Turchia e Italia) confluire nella città di Porto, in Portogallo, è stata la volta della seconda tappa a Salonicco in Grecia. Nell’ottobre 2022 invece, il terzo incontro si è svolto in Spagna nella splendida città di Siviglia dove gli alunni ed i docenti della scuola De Stefano hanno ricevuto l’ultimo attestato di partecipazione.
Adesso è arrivato il momento della quarta tappa del progetto che vedrà ancora una volta i giovani studenti europei scambiarsi esperienze e nozioni sulle arti locali in Bulgaria a Vidin una cittadina a circa 200 km a nord di Sofia. A marzo, invece, sarà compito della nostra città di Erice fare gli onori di casa alle altre cinque rappresentative studentesche. Il progetto The Arts ring, si concluderà, infine, a fine maggio in Turchia a Smirne. 

Il progetto “The Arts ring – il cerchio delle Arti” è riservato a studenti tra gli 8 e 14 anni ed ha quali principali obiettivi:
– Responsabilizzare gli studenti nel ruolo di cittadini europei diligenti, creativi e critici, che si identifichino con il progetto dell’UE e con l’agenda 2030 (Obiettivi per uno Sviluppo Sostenibile);
– Dare voce agli studenti come autori della loro metodologia di apprendimento espositiva/espressiva – comunicare attraverso l’arte;
– Formare il personale a processi pedagogici collaborativi e creativi, ad ambienti di apprendimento aperti e, soprattutto, all’articolazione con i saperi della comunità (associazioni, club, …);
– Promuovere la partecipazione dei partner del territorio educativo per integrare e arricchire l’espressività e la creatività degli studenti, migliorando i loro risultati accademici e sociali.

Ottobre 2022: Alunni e docenti della scuola De Stefano in partenza per Siviglia

Custonaci, la Sicilia e i suoi borghi: sabato il convegno [AUDIO]

Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"
L'oggetto era sulla battigia della spiaggia sotto le Mura di Tramontana
In collaborazione con le associazioni MareVivo e A.S.D. Misilese
Lunga maratona di voci e musica al Parco archeologico

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
La Consulta delle associazioni e la Consulta per la Pace e la Cooperazione
“Se non si stanziano i fondi per l’aggiornamento del progetto, sarà stato tutto inutile”
Andava in giro di notte con un monopattino elettrico
In vista della Settimana Sociale dei cattolici italiani e delle prossime elezioni europee
Possono accedere al beneficio le cantine sociali costituite in forma cooperativa