I Rostri della Battaglia delle Egadi oggetto di uno studio tra Soprintendenza del Mare e RPM Nautical Foundation

Le operazioni si svolgono presso le sedi della Soprintendenza del Mare a Palermo, al Museo Pepoli di Trapani e all'ex Stabilimento Florio di Favignana

“Un contributo importante che testimonia la collaborazione internazionale
della Sicilia nella ricerca legata all’archeologia subacquea”, così l’assessore regionale ai beni culturali Alberto Samonà definisce la campagna di studio avviata dalla Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana con la RPM Nautical Foundation sui rostri della Battaglia delle Egadi.

Il progetto, frutto della collaborazione tra la Regione e la società di ricerca statunitense, prevede lo studio, la documentazione fotografica e la scansione con laser scanner dei rostri individuati e recuperati in questi anni nel corso delle campagne effettuate nei fondali delle Isole Egadi con la nave da ricerca Hercules della RPM Nautical Foundation, la Global Underwater Explorers e la SDSS – The Society for the documentation of submerged sites.

Le operazioni sono in corso di svolgimento presso le sedi della Soprintendenza del Mare (Arsenale della Marina Regia e Istituto Roosevelt di Palermo), del Museo Pepoli di Trapani e dell’ex Stabilimento Florio di Favignana.

Il team è composto dagli archeologi, dai subacquei, dai restauratori e dai fotografi della Soprintendenza del Mare, coordinati dal Soprintendente Ferdinando Maurici e da William Murray – dell’University of South Florida (USA), Peter Campbell – della Cranfield University (UK), Stephen DeCasien – della Texas A&M University (USA), di Konstantinos Raptis – dell’University of Athens (GR).

Per il Soprintendente del Mare, Ferdinando Maurici “si tratta di un’ulteriore tappa del grande lavoro avviato dall’indimenticabile Sebastiano Tusa, proseguito dai suoi successori e di una importantissima collaborazione scientifica internazionale ai massimi livelli voluta fortemente dall’Assessorato Regionale Beni Culturali guidato dall’Assessore Alberto Samonà e dal Dirigente Generale Franco Fazio, seguita sempre con grande interesse dal Presidente della Regione On. Nello Musumeci”.

Oltre che delle competenze professionali della Soprintendenza del Mare, la missione si avvale dei mezzi e dell’esperienza ormai pluriennale, liberalmente messi a disposizione dall’importante Fondazione scientifica americana.
(Foto: William Murray – Salvo Emma – RPM Nautical Foundation)

Altro che sindaco o assessore, a Trapani decidono i topi [AUDIO]

Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Con Ornella Fulco parliamo del primo appuntamento della rassegna letteraria di questa sera, giovedì 18 luglio al Teatro comunale di Valderice
Nascondeva una pistola d avrebbe messo a disposizione del boss un garage trasformato in appartamentino
Si tratta del terzo spettacolo in cartellone e si terrà al Salotto Culturale Insonnia il 24 luglio
L'autrice firmerà il suo libro “Granita e baguette”, nuovo “capitolo” della saga delle Signore di Monte Pepe
Lo scrittore trapanese torna a trattare in chiave romanzata lo scottante tema della violenza sulle donne
Ne parliamo con la professoressa Giovanna Parisi, coordinatrice del corso di laurea in Biodiversità e Innovazione Tecnologica

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Si prosegue, fino al 20 luglio, con un ricco programma di proiezioni a cielo aperto, incontri e dibattiti, degustazioni e spettacoli
Due mesi di concerti, spettacoli e performance che abbracciano sette secoli di storia musicale, dal Medioevo al Barocco
Schifani: «Ordinanza per tutelare la salute degli addetti più a rischio»