I Bersaglieri del 6° Reggimento di Trapani impegnati nell’esercitazione “Sicily Reconnaissance”

I fanti piumati sono stati impegnati sia sul versante orientale della Sicilia sia su quello occidentale - tra cui l'area di Milo a Trapani - con una manovra sviluppatasi lungo 1.279 chilometri

Tre settimane di attività tattica di ricognizione delle principali linee di comunicazione della Sicilia, individuandone i punti di coordinamento e controllo e censendo le aree di maggiore criticità e pericolosità. Questo lo scopo dell’esercitazione denominata “Sicily Reconnaissance”, conclusasi nei giorni scorsi, che ha visto impegnate unità di livello compagnia del 5° Reggimento Fanteria “Aosta” di Messina, con assetti del 6° Reggimento Bersaglieri di Trapani, del 4° Reggimento Genio Guastatori di Palermo e del 24° Reggimento Artiglieria “Peloritani” di Messina.

I plotoni esploratori, supportati dai velivoli AB412 del 2° Reggimento AVES “Sirio”, hanno avuto, così, l’occasione di incrementare le proprie capacità anche attraverso lo scambio esperienziale e il confronto su aspetti quali l’impiego, le attività di ricognizione in diverse condizioni, le metodologie di addestramento e l’equipaggiamento.

L’esercitazione – organizzata e condotta nell’ambito degli obiettivi fissati dal Comando Divisione “Acqui” – ha visto i soldati impegnati sia sul versante orientale della Sicilia sia su quello occidentale, da Messina sino alle aree di Bocca di Falco (PA) e di Milo (TP), proseguendo nell’entroterra sino a Piazza Armerina (EN) e a Drasy (AG), con una manovra che si è sviluppata lungo 1.279 chilometri e in contesti esercitativi caratterizzati dalla presenza di ordigni esplosivi improvvisati (IED) e da altre forme di minaccia cosiddetta ibrida, cioè – come si definiscono in ambito NATO – le minacce «poste da avversari, capaci di impiegare simultaneamente mezzi convenzionali e non-convenzionali in modo adattativo in vista dei propri obiettivi» e a cui è necessario rispondere con «l’applicazione coordinata dell’intera gamma di risorse collettive disponibili, incluse quelle diplomatiche, militari, di intelligence ed economiche, tra le altre».

 

La “Sicily Reconnaissance” ha anche permesso di testare le capacità di comando e controllo tra il posto comando tattico itinerante, il posto comando principale – predisposto nella Caserma “Crisafulli Zuccarello” di Messina – e quello alternato dislocato nella Caserma “Pepe-Bettoia” a Catanzaro, sede del CME Calabria dove è attualmente schierato anche il Comando del Raggruppamento “Calabria” dell’operazione “Strade Sicure”. Tutta l’esercitazione si è svolta nel rispetto delle misure di prevenzione e contenimento della diffusione del COVID-19.

Venti anni di Arte a Trapani da Diart al San Rocco [AUDIO]

Don Liborio Palmeri questa sera ricorderà una storia tutta trapanese
Situati in contrada Cozzogrande, chiusi tempo fa per presenza di nitrati
Da 2 a 3 su Karlsruhe-Baden Baden, da 4 a 5 sul capoluogo piemontese
Le prime misure individuate dalla cabina di regia regionale
Le funzioni ad interim sono state assunte dal presidente Schifani nell'attesa di una nuova nomina
Iniziativa a cadenza mensile in cui gallerie d'Arte e artisti aprono le loro porte al pubblico per visite e acquisti
I cittadini ottengono uno sgravio di 100 euro annui utilizzando la compostiera gratuita

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
L’intervento di messa in sicurezza è stato finanziato dalla Regione con 40 mila euro
Vietata la vendita di cibo e bevande in forma ambulante in alcune vie del centro storico
In piazza Vittorio l'evento che promuove la cultura del rispetto dell’Ambiente attraverso il linguaggio della Musica
Dalla perizia commissionata ad un tecnico, ammontano ad oltre 20.000 euro
Si tratta di un seminario diviso in due parti e, per decisione del Direttivo Unipant, sarà offerto gratuitamente alla cittadinanza